Home / News / Anche Rakuten pronta a lanciare il suo exchange di criptovalute

Anche Rakuten pronta a lanciare il suo exchange di criptovalute

Sempre più operatori del commercio elettronico si dichiarano interessati a sfruttare le tante opportunità concesse dall’ecosistema criptovalutario. E, in questo ambito, anche Rakuten – gigante giapponese dell’e-commerce – non sembra esser da meno.

Rakuten lancia il suo exchange

La società nipponica ha dichiarato pubblicamente di aver completato l’iter di registrazione per il proprio exchange criptovalutario, chiamato Rakuten Wallet.

Fin dal nome del progetto, appare piuttosto chiara l’intenzione della compagnia di poter varare un sistema “completo” di exchange, che possa permettere al detentore di token di gestire a 360 gradi i propri asset anche con un portafoglio di sicurezza.

Nel comunicato stampa che conferma tale intenzione, Rakuten precisa come l’exchange diverrà pienamente disponibile nel mese di aprile, e che la piattaforma opererà come un servizio di exchange di valute virtuali.

Il comunicato informa altresì che Rakuten Wallet ha ottenuto la licenza da parte del  Kanto Local Finance Bureau, e che contribuirà attivamente al crescente mercato criptovalutario, mediante la disponibilità di servizi innovativi per qualità, ampiezza e sicurezza, in maniera tale che sempre più utenti possano avvicinarsi con la giusta fiducia a tale comparto.

Via libera anche a Rakuten Pay

Non è questa, comunque, l’unica novità che sembra interessare il colosso e-commerce asiatico. Rakuten sta infatti anche compiendo le ultime mosse che condurranno l’operatore a lanciare Rakuten Pay, una piattaforma dedicata ai pagamenti in mobilità.

Facile immaginare che Rakuten Wallet e Rakuten Pay possano essere adeguatamente integrate, e che dunque Rakuten Pay possa avere – tra le opzioni di pagamento integrate – anche la possibilità di poter consentire pagamenti in criptovalute, oltre che in valute fiat.

A ben vedere, il comunicato stampa con cui è stata presentata l’app Rakuten Pay fa chiaro riferimento al fatto che l’app includerà “ogni soluzione di pagamento integrabile con la piattaforma”, aprendo così – con un po’ di immaginazione – la strada alla possibilità di usare le criptovalute in essa.

Info su Roberto Rossi

Giornalista pubblicista, specializzato in tematiche economiche e valutarie. Appassionato di fintech, è consulente degli investimenti finanziari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *