Home / Pronto un nuovo ETF su BTC e Etherum – al vaglio della SEC

Pronto un nuovo ETF su BTC e Etherum – al vaglio della SEC

Bitcoin ed Ethereum sempre più dentro la finanza che conta. Nonostante le criptovalute siano infatti nate come sistema fondamentalmente rivoluzionario e al di fuori dei soliti canali, hanno sempre più conquistato anche il mondo della finanza tradizionale.

Ne è la prova la presenza di diversi Futures su Bitcoin negoziati sui mercati che contano e, questa è notizia freschissima, dei nuovi ETF basati su Bitcoin e Ethereum che sono al momento al vaglio della SEC, la principale istituzione di controllo finanziario degli Stati Uniti.

Chi ha proposto il nuovo ETF

Il nuovo ETF è stato sottoposto alla SEC da Crescent Crypto Index Services, sussidiaria della società Crescent Crypto Asset Management, da sempre attiva nel mercato delle criptovalute e del fintech.

Il portafoglio proposto alla SEC include Bitcoin ed Ethereum e sarà quotato, in caso di approvazione, al NYSE – New York Stock Exchange – con il ticker XBET.

Cosa sono gli ETF?

Gli ETF sono Exchange Traded Fund, ovvero fondi a gestione automatica che seguono una determinata ripartizione degli investimenti, indicata sul contratto di adesione.

Rispetto ai fondi classici sono molto interessanti perché possono essere scambiati in borsa (in questo caso al NYSE) e perché presentano profili di commissione molto più bassi.

Il primo ETF sul NYSE per le criptovalute

SEC non ha ancora mai approvato un ETF basato sulle criptovalute, dato che in pochissimi avevano anche soltanto immaginato di creare uno strumento del genere, temendo il rifiuto da parte della massima autorità finanziaria degli Stati Uniti.

Nuovi sviluppi sul fronte delle criptovalute – a livello legislativo USA – hanno aperto il campo però a nuove proposte, come quella appunto di Crescent e non dovrebbe passare molto prima di poter appunto negoziare un ETF basato sulle principali criptovalute.

Cosa vuol dire per gli investitori?

Per gli investitori vuole dire la possibilità di negoziare direttamente in borsa un titolo che rappresenta le due principali criptovalute.

Un altro passo verso la normalizzazione del settore Criptovalute, che contribuirà alla diffusione di Bitcoin e degli altri altcoin anche e soprattutto negli ambienti che contano.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *