Home / Bitbond: obbligazioni via token approvate in Germania

Bitbond: obbligazioni via token approvate in Germania

Bitbond, società specializzata nella gestione di piattaforme per i prestiti basate su blockchain, sta per lanciare un’offerta per un security token, la prima approvata dalla Germania. Si tratta di una notizia molto importante nell’ambito delle tecnologie blockchain in Europa, dato che appunto la più importante delle economie del continente approverà per la prima volta una notizia del genere.

La notizia è stata ribattuta da CoinDesk nella giornata di oggi.

Tramite questa vendita, Bitbond punta a raccogliere almeno 3,5 milioni di euro, somma che sarà prontamente reinvestita nel network che, al momento, consente anche a società di piccole dimensioni di accedere appunto a prestiti su network blockchain.

Il token si chiamerà BB1 e funzionerà esattamente come un’obbligazione. Bitbond si impegna infatti a riacquistare i token distribuiti tra 10 anni, pagando nel frattempo dei tassi di interesse agli investitori.

Chi è Bitbond?

Bitbond è una società che offre piccoli prestiti a venditori e commercianti che operano su piattaforme online come eBay e Amazon.

Dal suo debutto, Bitbond ha già prestato oltre 15 milioni di dollari ai suoi affiliati.

Bitbond è una società nata nel 2013 e che ha già raccolto discreti capitali grazie a società di venture capital. La società ha infatti già ottenuto finanziamenti per un totale di circa 4 milioni di dollari durante 3 round di finanziamenti.

L’operazione lanciata in Germania è al momento la più consistente e permetterebbe al business di allargarsi in modo sostanziale, magari andando ad offrire i suoi servizi anche in altri continenti.

Piccoli prestiti su blockchain

I piccoli prestiti su blockchain sono ormai una realtà in Asia, continente dove Bitbond opera con il maggior numero di affiliati.

Blockchain consente una gestione decisamente più rapida ed economica di operazioni che, per le banche tradizionali, continuano invece ad avere costi decisamente esosi, che finiscono per ricadere appunto su chi ottiene il finanziamento.

Bitboind ha svolto un ruolo cruciale nel sostenere il cash flow di migliaia di piccole imprese che commercializzano i loro prodotti principalmente tramite piattaforme online conosciute.

Non esistono dunque soltanto progetti di grandi banche che sfruttano blockchain. La tecnologia continua ad essere cruciale nello sviluppo di nuovi modi di intendere i servizi bancari principali.

Info su Luigi Pesci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *