Home / Crypto: per Genesis è Chapter 11! | L’azienda si avvia al fallimento

Chapter 11 Genesis

Crypto: per Genesis è Chapter 11! | L’azienda si avvia al fallimento

Se ne parlava ormai da qualche giorno e ora abbiamo l’ufficialità: per Genesis sarà Chapter 11, procedura del diritto statunitense che offre una protezione dai creditori e che porta, nella maggioranza dei casi, al fallimento. Si chiude così, almeno parzialmente, la saga dell’intermediario di credito cripto controllato da Digital Currency Group, da diverse settimane colpito da una crisi di liquidità di dimensioni importanti.

Nessun piano di salvataggio, nessun prestito ponte, ma una procedura che punterà a liquidare gli asset e a rimborsare, per quanto possibile, i creditori. In attesa di un colpo di scena che però potrebbe vedere intervenire anche dei compratori che, almeno fino ad ora, non sembrerebbero essersi palesati.

Il mercato cripto non sembra aver accusato però granché il colpo, cosa che per molti è segnale della forza che il comparto starebbe cercando di riguadagnare. Possiamo investire sul settore cripto con la popolare piattaforma eTorovai qui per richiedere un conto virtuale gratuito – intermediario che offre il trading automatico con il CopyTrader o l’investimento in panieri (anche cripto) con gli Smart Portfolios.

Genesis: sarà Chapter 11

Per Genesis si arriva al capolinea. L’azienda controllata da Digital Currency Group e impegnata nel settore dei prestiti e crediti cripto porterà i libri in tribunale e invocherà le protezioni garantite dal Chapter 11. Si tratta di una procedura che permette nel durante di proteggersi dalle richieste dei creditori, mentre si procede, nella maggioranza dei casi, ad una liquidazione degli asset al fine di ristorare i creditori.

La procedura porta, nella stragrande maggioranza dei casi, a liquidazione seguita poi da fallimento, a meno che non si facciano avanti potenziali compratori per l’azienda, cosa che sembrerebbe almeno per adesso essere completamente al di fuori dello spettro delle possibilità.

Genesis Fallimento
Fine della corsa per Genesis

La risposta di Gemini

I nostri lettori ricorderanno le schermaglie tra Genesis e Gemini, con il secondo che può vantare almeno 900 milioni di crediti nei confronti della società che ora si è avviata per il Chapter 11. Una questione che ha tenuto banco e sulla quale è tornato Cameron Winklevoss pochi minuti dopo l’annuncio dell’avvio delle procedure.

Update su Earn: questa sera Genesis Global Capital (Genesis) ha richiesto l’accesso al Chapter 11. Questo è un passo fondamentale per la nostra possibilità di recuperare i vostri asset. Mentre abbiamo lavorato senza sosta per negoziare una soluzione accettabile, Barry Silbert [il CEO di DCG, NDR] e Digital Currency Group – la compagnia che controlla Genesis – hanno continuato a rifiutarsi di offrire ai creditori un accordo equo.

E ha poi continuato:

La buona notizia è che, accedendo alla protezione della corte fallimentare, Genesis sarà soggetta a controllo giudiziario e avrà l’obbligo di fornire dettagli su quanto ci ha portato fino a questo punto. La cosa più importante è che la decisione di accedere al Chapter 11 non mette al riparo Barry, DCG o altre persone che hanno fatto cose sbagliate. Abbiamo preparato un’azione legale diretta contro Barry, DCG e altri che condividono responsabilità per la frode che ha causato danni a 340.000+ utenti Earn e ad altri che sono stati ingannati da Genesis e dai suoi complici.

Nel durante utilizzeremo ogni strumento disponibile nella corte fallimentare per massimizzare il recupero di fondi dei clienti Earn e di altre parti. Crediamo che DCG e Barry debbano ai clienti non solo il loro denaro, ma anche una spiegazione. La corte fallimentare offrirà uno spazio dove questo potrà avvenire. La luce del sole è il miglior disinfettante. Questo segna una pietra miliare nei nostri sforzi per aiutare i clienti Earn.

Un lungo attacco, che in realtà ricalca tanti dei temi che Cameron Winklevoss aveva utilizzato pochi giorni fa, in un tentativo per molti disperato di far dimenticare che Earn offriva prodotti di Genesis volontariamente e che sulla solidità di Genesis stessa si era appunto spesa Gemini in prima linea.

Ma poco conta adesso, perché ci sarà la corte a prendere in mano la situazione e a gettare luce su quanto avvenuto. I mercati intanto non reagiscono, dato che ormai era nell’aria da tempo.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti
Notificami
guest

1 Comment
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Giorgio
Giorgio
7 giorni fa

Raga il capitolo 11 di sto libro non finisce mai, ma quante pagine ha?😅
Speriamo di passare presto al 12 e che non torni mai più un capitolo pieno di capitolazioni che ci fanno capitolare i Co……ni 😉