Home / Bitcoin vola a 45.000$ | Dati ETF convincono TUTTI

BOOM BOOM BITCOIN

Bitcoin vola a 45.000$ | Dati ETF convincono TUTTI

Bitcoin ancora più pimpante: all'apertura delle borse USA, complici ETF in forma straordinaria, vola sui 45.000$

È il nono giorno consecutivo di scambi sugli ETF Bitcoin Spot negli USA che si fanno registrare ingressi maggiori delle uscite. Da un lato i nuovi arrivati, in particolare BlackRock e Fidelity, dall’altro invece Grayscale, che continua a perdere dotazioni. Una notizia molto importante anche in termini numerici, con il 7 febbraio che è stato uno dei giorni più interessanti anche in termini di quantità di denaro effettiva.

Mentre a Wall Street cominciano le negoziazioni di oggi, giovedì 8 febbraio, arriva una buona notizia che è stata forse in parte responsabile del ritorno di Bitcoin in quota 45.000$, livello di prezzo intorno al quale sta cercando di dare battaglia in una riedizione della guerra ormai pluriennale tra orsi e tori.

Buoni dati abbiamo detto, che per quanto rispetto ai volumi totali di Bitcoin sulle principali piazze non siano ancora in grado di dettare legge, la dicono lunga su quello che potrebbe essere il trend che è ragionevole aspettarsi per i prossimi giorni, le prossime settimane e i prossimi mesi.

ETF Bitcoin: il rimbalzo positivo

Mentre per giorni si era assistito ad un relativo scemare tanto dei volumi quanto degli ingressi, ecco che per il 7 febbraio viene piazzata una performance da urlo per quanto riguarda gli ETF su Bitcoin.

==> Sul nostro Canale Telegram ricevi grafici e dati in esclusiva anche su questo tema. Ti aspettiamo!

Gli ingressi sono stati di 146 milioni di dollari netti e dunque tenendo conto anche di quanto è uscito appunto da Grayscale. Nel complesso i nuovi ETF, guidati da quello di Fidelity, hanno incamerato la bellezza di 226 milioni di dollari, contro uscite per 80 milioni di dollari appunto da GBTC di Grayscale.

A spingere sul gas è principalmente Fidelity, che almeno in Canada ha iniziato a inserire gli ETF su Bitcoin all’interno di altri ETF a gestione attiva. Mosse anche queste importanti che vedremo però se saranno replicate anche negli USA. Per ora i fondi canadesi che hanno incorporato crypto sarebbero almeno quattro, un ottimo segnale per quanto riguarda la futura accettazione di questi prodotti come parte di portafogli più complessi.

L’ottimismo dunque vola, con un colpo di coda importante che lascia intendere anche che la coda per aprire a questi prodotti sarà piuttosto lunga. Dopo l’entusiasmo iniziale e l’affievolimento dei volumi, ecco il colpo di coda che certifica che molti dei promotori e dei gestori di capitali terzi hanno bisogno di tempo per allocare capitale.

Dati ETF
I dati di ieri

E dunque che sarà più che ragionevole aspettarsi movimenti altrettanto interessanti nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

Quanto manca al target?

Ancora molto, almeno se dovessimo prendere per buono il target indicato dall’esperto Eric Balchunas ai nostri microfoni. Si parlava di 10-15 miliardi sui nuovi fondi. Al momento siamo intorno agli 8 miliardi di dollari a poco meno di 1 mese dall’arrivo di questi prodotti.

Se questo dovesse essere effettivamente il target, da un lato ci si dovrà aspettare un rallentamento dei capitali in entrata, che nei prossimi 11 mesi raccoglieranno quanto hanno raccolto nel primo mese.

O in alternativa, ed è quello che crediamo in questo momento, il target potrebbe essere superato, in particolare se il prezzo di BTC dovesse continuare a salire.

Iscriviti
Notificami
guest

1 Comment
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Klaus Marvin
Klaus Marvin
2 mesi fa

E’ evidente che molti stanno acquistando in attesa dell’halving e il Bitcoin potrebbe toccare nuovi massimi in uno stato di euforia generale., il resto lo sapete già.