Home / News / Previsioni Bitcoin 2018: per AMSYS criptovaluta a 30.000 dollari
Bitcoin
Non mancano le previsioni positive sul rimbalzo dei prezzi Bitcoin.

Previsioni Bitcoin 2018: per AMSYS criptovaluta a 30.000 dollari

Anche se in questi giorni le previsioni nefaste sul futuro di Bitcoin abbondano, c’è anche chi ritiene che la criptovaluta stia preparando il terreno per un pronto rilancio.

Bitcoin
Non mancano le previsioni positive sul rimbalzo dei prezzi Bitcoin.

Imran Wasim, analista finanziario presso AMSYS Group, ha infatti dichiarato a News BTC di non essere preoccupato sull’attuale evoluzione dei bitcoin, stimando che la criptovaluta diventerà molto più ambita e diffusa nel corso del 2018.

“Il suo prezzo è calato, e questo non è un aspetto negativo. Molti più investimenti sono destinati a giungere in bitcoin, e i bitcoin saliranno intorno ai 30.000 – 35.000 dollari già quest’anno, per poi salire intorno a 100.000 dollari entro i prossimi due anni”.

Pur rivelando di non avere una tempistica precisa del rialzo delle quotazioni, Wasim ha dichiarato di essere certo che il rimbalzo “sta per accadere, a causa della sua funzione crescente di riserva di valore”. Oliver von Landsberg-Sadie, il fondatore di BitcoinBro, ha inoltre dichiarato che Bitcoin sta semplicemente vivendo una fase “dolorosa” che è fisiologica della maturazione del mercato.

Ricordiamo che giovedì le quotazioni dei bitcoin sono calate sotto 10.000 dollari, scendendo poi nella giornata successiva a 9.000 dollari, sulla scia delle preoccupazioni secondo cui molte nazioni si starebbero preparando a una chiusura degli scambi.

Proprio in tal senso, Landsberg-Sadie ha affermato che la regolamentazione del Bitcoin e il suo cambiamento di prezzo siano un chiaro segnale di come il mercato stia crescendo, aggiungendo poi che “le modifiche normative sono uno dei pochi fattori che contribuiscono a questa correzione, che considero una correzione molto sana. È un segno dello sviluppo delle criptovalute, poiché il mercato sta riconoscendo che questi asset non sono uno strumento per riciclare denaro o uso illecito. Penso che sia un passo nella giusta direzione, che sia il giusto tipo di cambiamento di cui abbiamo bisogno per il sistema monetario”.

Info su Roberto Rossi

Giornalista pubblicista, specializzato in tematiche economiche e valutarie. Appassionato di fintech, è consulente degli investimenti finanziari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *