Home / Jack Dorsey e Jay-Z finanziano scuola Bitcoin | Si parte da Brooklyn

finanziamento the bitcoin academy

Jack Dorsey e Jay-Z finanziano scuola Bitcoin | Si parte da Brooklyn

Bitcoin per il sociale? No, non è esattamente questo, ma l’opportunità offerta gratuitamente a chi vive in situazioni di difficoltà di conoscere la realtà propria di $BTC e di seguire una scuola che insegni in fondamentali di questo straordinario ecosistema.

È questo quanto finanzieranno Jack Dorsey e Jay-z, per un’iniziativa a favore dei residenti di Marcy Houses, area di edilizia popolare in quel di Brooklin, che secondo quanto riportano diverse testate USA sarebbe particolarmente svantaggiata.

La Bitcoin Academy è un altro segno dell’incredibile portata rivoluzionaria di $BTC, sul quale potremo investire anche per il futuro con Capital.comvai qui per ottenere un conto di prova gratuito con CAPITALE VIRTUALE ILLIMITATO – intermediario che ci offre a listino non solo Bitcoin, ma anche altre 476+ cripto, sulle quali poter investire con strumenti avanzati.

Abbiamo infatti accesso a MetaTrader 4, piattaforma che è la più utilizzata al mondo per quanto riguarda il trading online anche non cripto e TradingView, da poter integrare direttamente nel WebTrader. Abbiamo anche l’intelligenza artificiale per chi vuole un’analisi in tempo reale del proprio portafoglio, che segnala errori di composizione dello stesso. Ci bastano 20€ per passare ad un conto reale.

Jack Dorsey e Jay-Z insieme per Bitcoin (e per la scuola)

Si chiama The Bitcoin Academy ed è un progetto che in realtà arriva prima dell’impegno fattivo di Jack Dorsey e Jay-z. Partirà in un luogo particolarmente disagiato di Brooklyn, terrà impegnati i ragazzi per tutta l’estate, ovvero dal 22 giugno al 7 settembre e avrà come obiettivo quello di insegnare i canoni di Bitcoin e del suo funzionamento.

Bitcoin Academy - scuola di Dorsey Jay-Z
Sarà una scuola a tema Bitcoin

Tutto questo all’interno di quello che sembrerebbe essere un progetto pilota, con l’intenzione di portarlo poi in altre comunità di questo tipo. Riprendendo un po’ quel tema di Bitcoin funzionale in particolare per gli ultimi, e per coloro i quali hanno maggiore possibilità di finire (o rimanere) al di fuori del mondo finanziario e bancario classici. Le parti più povere della popolazione, per intenderci, anche all’interno di uno dei paesi più ricchi del mondo.

Io e @sc sosterremo finanziariamente The Bitcoin Academy, programma per i residenti di Marcy Houses a Brooklin, New York, dove Jay è cresciuto. In collaborazione con @CryptPlug3 e @BlkBTCillions. Bitcoin sta diventando uno strumento di enorme importanza per molti in Africa e in America Centrale e del Sud. Crediamo che lo stesso potenziale esista nelle comunità negli USA. Il nostro obiettivo è di dimostrare che rendere strumenti così potenti disponibili alle persone le rende capaci di crearsi una maggiore indipendenza.

Questo il messaggio di Jack Dorsey, che come in molti dei nostri ricorderanno, è da tempo uno dei maggiori sostenitori di Bitcoin su scala mondiale, un amore che lo ha portato a mollare Twitter e a dedicarsi 24 ore su 24 a questa sua nuova impresa.

Bitcoin principalmente per gli ultimi della terra?

Probabilmente no, ma è altrettanto vero che saranno loro, principalmente unbanked o comunque al di fuori del giro dell’economia “tradizionale” a poter trarre maggiori vantaggi da questa incredibile rivoluzione.

Una rivoluzione che, tra le altre cose, non è detto che abbia necessariamente bisogno dell’intervento diretto degli stati, come è avvenuto a El Salvador oppure anche nella Repubblica Centrafricana. Ne è la dimostrazione questo progetto, che speriamo sia presto replicato anche altrove. Perché la fame di conoscenza è ovunque – e perché presto anche la fame di Bitcoin lo sarà.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *