Home / Bitcoin: Legge del contrappasso per Peter Schiff | Chiusa la sua banca a Porto Rico

Contrappasso Schiff

Bitcoin: Legge del contrappasso per Peter Schiff | Chiusa la sua banca a Porto Rico

Un contrappasso dantesco in pieno stile. Una storia troppo divertente (per quanto ci possa dispiacere per gli investitori) per essere vera. E invece lo è: Peter Schiff, da sempre uno dei più feroci detrattori di Bitcoin, si trova a combattere con conti congelati e altri fastidi tipici della finanza di un tempo. E potrebbe vedere tutto quello per cui ha lavorato saltare in aria.

Un contrappasso doppio, perché verrebbe a questo punto da chiedersi se Schiff conoscesse o meno le alternative che oggi esistono ad un’economia fatta di compliance ritagliate sugli amici e usate come randello per quelli un po’ meno amici.

Un caso d’uso di Bitcoin da manuale, che si è palesato come uno dei cavalieri dell’Apocalisse proprio a punire uno dei suoi detrattori più famosi. Che forse correrà a questo punto a guardare cosa può offrire $BTC al suo business. Quel $BTC che possiamo trovare all’interno della piattaforma sicura eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con il TOP degli strumenti FINTECH – intermediario che ci permette di investire all’interno del mondo delle criptovalute (75+ presenti a listino) con il top degli strumenti per l’analisi e anche per l’operatività.

Abbiamo anche il CopyTrader, che offre un sistema di trading automatico, con un solo click e con la possibilità anche di spiare come hanno composto il loro portafoglio. E possiamo anche operare con il WebTrader interno, che invece ci permette di operare con gli strumenti migliori di analisi tecnica. Con 50$ passiamo al conto reale.

Peter Schiff si gode il “trattamento classico bancario”

A Peter Schiff, hooligan dell’oro e grande avversario in pubblico di Bitcoin, abbiamo ormai cominciato quasi a volere bene, un po’ come si fa con gli zii un po’ suonati che tutto sommato rendono il natale più divertente. Mai ci saremmo però aspettati che un membro così illustre della comunità finanziaria internazionale si sarebbe poi trovato ad assaggiare l’amara bevanda che il sistema che difende somministra con regolarità a chi non è sufficientemente protetto a livello politico.

Bitcoin Schiff odio
Schiff avrebbe bisogno di quanto odia di più

Secondo quanto ha diffuso su Twitter – e ammesso che sia vero al 100% e non una burla a danno dei bitcoiner – il popolare “arci-nemico” del mondo Bitcoin si sarebbe visto congelare il proprio conto a Porto Rico e nello specifico quello di una piccola istituzione finanziaria di cui era esso stesso a capo.

Nonostante non ci sia alcuna prova di condotta criminale, i regolatori di Porto Rico hanno chiuso la mia banca per questioni riguardanti la capitalizzazione, invece di permettere una vendita a investitori altamente qualificati che avrebbero iniettato capitale in eccesso dei minimi imposti dal regolatore. Come risultato, i conti sono congelati e i clienti potrebbero perdere denaro. Le ragioni che i regolatori ci hanno comunicato per aver bloccato la vendita è che dopo la stessa io avrei avuto il 4% della compagnia che avrebbe portato a termine l’acquisizione. Hanno detto che a causa di quanto si dice sul mio conto, non avrebbero voluto un outcome del genere, anche se sanno che quanto si dice su di me sui media è falso. Non mi hanno fatto mai sapere prima delle loro obiezioni. L’ho visto direttamente nell’ordine di chiusura della banca. Se mi avessero detto che il 4% di mia proprietà sarebbe stato un problema, avrei ristrutturato l’accordo. Volevo solo uscire: ho dovuto mettere 7 milioni nella banca negli ultimi 2 anni per coprire le perdite dovute a quanto affermato di falso dalla stampa. E costa una fortuna far funzionare una banca. Ecco perché non ci ho mai guadagnato. I costi di compliance sono scandalosi.

Un messaggio molto duro che però, forse non se ne sarà accorto Schiff, affronta molti degli argomenti per cui si batte Bitcoin, o meglio, molti dei problemi che Bitcoin prova a risolvere. A partire dal fatto che gli intermediari possono fare il bello e il cattivo tempo, come in questo caso.

Curioso anche il fatto che abbia ammesso che i costi di compliance hanno praticamente ossificato il settore, impedendo a nuovi player come la sua piccola banca di poter far parte effettivamente del mercato.

Peter, ascoltaci! La soluzione esiste e si chiama Bitcoin

Peter, ci rivolgiamo a te direttamente: c’è modo di superare questo tipo di problemi. Basta guardare a quanto hai sempre disprezzato e a quanto ti hanno proposto altri con più lungimiranza di te.

Se i servizi bancari retail di Schiff avessero avuto alla loro base Bitcoin, non si sarebbe mai verificato questo increscioso blocco, che con ogni probabilità significherà per la banca un fallimento senza appello. Intermediari e regolatori sono un problema? La soluzione c’è, è stata inventata da Satoshi Nakamoto ed oggi è a disposizione, liberamente, di milioni di persone in tutto il mondo.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

3 commenti

  1. Dico l’ultima cosa poi taccio oggi, d’altronde sto pranzando da solo oggi almeno scambio due parole con voi.
    Comunque Gianluca quando scrivi queste cose mi scende una lacrima, ti voglio bene, ti abbraccio.
    Come l’alta settimana mentre chiaccheravo con un ragazzo della mia ciurma lui mi chiede se io venderei bitcoin se raggiungesse il milione di dollari o euro come vuoi.
    E io gli dico che è proprio qui il fulcro di tutto il discorso, perché quando e non se, ma quando bitcoin raggiungerà il milione non avrà più senso venderlo, perché io andrò dal fruttivendolo e gli chiederò di darmi un kg di ciliegie, lui me le darà e mi dirà che gli devo 100 satoshi, e qualcuno dirà, ma a quel punto 100 satoshi sarebbero l’equivalente di un € e le ciliegie costano 20€ al kg.
    E io rispondo, certo con le valute fiat del piffero super inflazionate è già buona che non costano 40€.buon appetito

  2. Buongiorno a tutto il gruppo. Un esempio semplice che con poche parole spiega tutto. Sarà difficile ma esempi del genere dovrebbero portarli nelle scuole affinchè anche i bambini inizino a capire perchè e per cosa è nato Bitcoin. Un saluto e complimenti a Giorgio e naturalmente un saluto al mitico Gianluca Grossi.

  3. Un inchino alla tua grande gentilezza Klaus, comunque devo dire che scrivi eccezionalmente bene l’italiano per avere un nome di cui perdonami non ne conosco l’origine……….un abbraccio amico guerriero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *