Home / CBDC: Colpite e affondate! | Prima sconfitta a Tokio

NO CBDC TOKYO

CBDC: Colpite e affondate! | Prima sconfitta a Tokio

Una prima vittoria per il fronte contro le Central Bank Digital Currencies, ovvero le valute completamente digitali e a modo loro on chain che le banche centrali di tutto il mondo o quasi stanno valutando.

In Giappone, almeno stando alle notizie che arrivano da Tokyo, il progetto sarebbe stato definitivamente abbandonato, vuoi per problemi tecnici, vuoi invece perché siamo davanti ad un sistema che interessa molto poco la popolazione. Cosa di cui almeno dalle parti del Sol Levante hanno voluto tenere conto.

Una vittoria in una battaglia minore che non deve farci abbassare la guardia, nella speranza che il volere (o la scarsa volontà) delle persone e delle popolazioni faccia parte dell’equazione anche in Europa e negli USA, con differenze sostanziali che raccontano in modo netto e chiaro il diverso rapporto che si ha con le istituzioni tra Francoforte e Bruxelles, Tokyo e anche Washington DC.

Bye bye Yen digitale: la Banca Centrale Giapponese interrompe la sperimentazione

Si era entrati nella fase 2 del progetto soltanto lo scorso marzo. E sono bastati pochi mesi per giungere alla conclusione che lo Yen Digitale non è un problema di oggi, non lo sarà probabilmente domani e dato anche l’atteggiamento tiepido dei giapponesi è meglio che la si finisca qui. Una notizia che accogliamo con un certo entusiasmo, in un mondo che sembra tutto rapito da questa sorta di allucinazione collettiva, che però risulterà in controlli molto più stringenti per i cittadini.

Il Giappone è dalla nostra

Controlli stringenti che non sono le elucubrazioni di complottisti, ma che sono stati già messi nero su bianco da IMF, che con le sue opinioni può chiaramente orientare le decisioni delle principali banche centrali su scala mondiale. Ma andiamo con ordine.

  • Ai cittadini giapponesi non interessa

Perché grazie ad un settore bancario privato molto efficiente anche a livello retail, i giapponesi possono già pagare digitalmente e con costi molto bassi. Quindi non avrebbero vantaggi di alcun tipo dall’introduzione di un sistema statale che sarebbe al tempo stesso un trasferimento enorme di poteri verso l’autorità centrale.

  • Ai cittadini giapponesi piace il cash

Con un fenomeno ben descritto da diverse testate di accumulo di contante spinto anche dai tassi ridicoli che le banche del Sol Levante offrono sui depositi. Anche qui un segnale fortemente contrario alla nascita di una CBDC che avrebbe digitalizzato completamente o quasi la circolazione dello yen giapponese.

Un primo stop, di una guerra che però sarà centrale per i prossimi anni

Se a Tokyo possiamo ridere, purtroppo non possiamo fare lo stesso dalle parti di Francoforte e anche di Roma. Il supposto mandato di separazione dalla politica e dalle dinamiche democratiche di cui è investita la Banca Centrale Europea è funzionale anche alla spinta pro CBDC che ormai leggiamo da qualche tempo.

A Washington sembra che la cosa sia molto meno definita di quel che sembra, con diverse banche anche pubbliche che sono contrarie ad evoluzioni di questo tipo. In Europa siamo davanti invece ad una situazione decisamente più centralizzata, con Lagarde e gli alti papaveri di BCE che stanno guidando una rivoluzione, con impatto enorme sulla vita dei cittadini, senza però tenere conto di quelli che sono i desiderata della popolazione, vissuta più come un fastidio che come un bacino di possibili discussioni e di miglioramenti delle proposte.

Una situazione che, non lo nascondiamo, non ci piace. Perché potremmo trovarci nel giro di poco con in tasca euro digitali che possono essere bloccati o richiamati a piacere dall’autorità politica, oppure utilizzati per spingere certi comportamenti. Tutto questo senza che la popolazione sia stata minimamente coinvolta non solo nel processo decisionale, ma anche in termini di dibattito pubblico. Sfidiamo chiunque a trovare una trasmissione, una tribuna politica o anche soltanto un giornale della carta stampata che abbia affrontato il tema in senso ampio e dettagliato, spiegando al proverbiale uomo della strada cosa ci sia effettivamente in ballo e quali siano anche i pericoli legati a questa tecnologia.

Niente paura, ci pensa Criptovaluta.it

Noi ci batteremo, dicendo anche la nostra e portando sui nostri schermi chi può dirci la sua, da dentro o da fuori il Palazzo. Lo abbiamo già fatto con due parlamentari della Repubblica.

E lo abbiamo fatto anche con membri dell’underground, di chi si batte per la privacy e la libertà, di chi non vivendola dal Palazzo è ovviamente più attento a certe tematiche.

E presto, questa è una piccola anticipazione, lo faremo anche con chi gestirà le infrastrutture di questo tipo di evoluzioni. Perché Criptovaluta.it è da sempre questo: uno spazio per la discussione, da tutti gli angoli, sulle tecnologie che stanno già cambiando e che cambieranno la nostra vita.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

7 commenti

  1. CBDC fanno seppuku!

  2. Le CBDC non sono per nulla kawaii!

  3. La katana di Musashi Miyamoto infligge il colpo mortale alle CBDC!

  4. Nella terra di Satoshi nessuna CBDC poteva aver vita facile!

  5. L’acciaio di Hattori Hanzo trafigge le CBDC!

  6. lo stavo per citare io -_- poi ho preferito satoshi… cmq da quando ci sono andato in viaggio di nozze ho una voglia matta di tornarci.

    Le CBDC non le avrebbero usate nemmeno le carpe Koi

  7. Quando ero un ragazzo credevo di trovare una via e cercandola tra Bibbia, Corano, il Buddha mi sono imbattuto nei nativi americani e nei samurai.
    Poi ho capito che nessuno può indicarti la strada, nessuno a parte te stesso, le vie sono infinite e ognuno di noi ha la sua personalissima da seguire, la propria storia da raccontare all’universo ed è per questo che non credo in nessun dio e credo che nessuna via sia la mia via e quando lo capisci nessun limite diventa il tuo limite.
    I samurai e il Buddha però hanno la mia ammirazione e la mia simpatia.
    Fine.
    😃

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *