Home / FTX: è ufficialmente FALLITA! | Bitcoin e crypto crollo TOTALE

FTX FALLITA

FTX: è ufficialmente FALLITA! | Bitcoin e crypto crollo TOTALE

Evidentemente il tentativo di raccogliere miliardi di dollari per tappare buchi qui e lì non è andato a buon fine. Qualche minuto fa è diventato ufficiale l’avvio delle procedure di fallimento per FTX, exchange che soltanto 5 giorni fa appariva come uno dei più soliti, ricchi e redditizi di sempre.

E il wonder boy, anche per la politica americana, Sam Bankman-Fried si dimette da CEO, aggiungendo che seguirà la procedura soltanto come osservatore ma pronto ad offrire tutto il suo supporto. La notizia vera è che inclusa anche la divisione USA del gruppo, quella che in un primo momento era apparsa come la più solida del complesso apparato di società (sono oltre 130) gestite dal gruppo.

Una situazione che ha gettato ulteriormente nello sconforto il mercato di Bitcoin e delle criptovalute. Chi volesse fare trading o investimenti in queste fasi molto convulse per il mercato dovrà affidarsi possibilmente ad intermediari che offrano tutti gli strumenti utili per seguire questo tipo di eventi. Con l’affidabile piattaforma eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratis con tutti i top STRUMENTI per il trading – possiamo sfruttare, in particolare in momenti così convulsi, la nave scuola del conto demo gratis, che ci permette di farci le ossa sul mercato senza rischiare nulla, perché appunto consta di capitale virtuale.

Abbiamo sempre da questo intermediario anche accesso a 78+ mercati cripto, che ci permettono di investire sui prodotti più interessanti del mercato. E con gli Smart Portfolios potremo anche dedicarci ad investimenti in paniere misto. Con il CopyTrader invece possiamo investire in modo automatico, copiando i più bravi o spiando le loro mosse. Bastano 50$ di investimento in cripto per passare ad un conto reale.

Per FTX è in fallimento

Con l’eccezione della divisione che si occupa di derivati negli USA, è fallimento totale e completo per FTX, l’exchange guidato da quello che era, fino a qualche giorno fa, uno dei personaggi più acclamati del mondo cripto, con un piede e mezzo nella porta di Washington e che invece oggi si dimette anche da CEO mentre il suo reticolato di società, sono più di 130, si avvia verso il fallimento.

Fallimento FTX chapter 11
Avviata procedura ex chapter 11 per FTX

Il tutto è stato annunciato tramite la pubblicazione sull’account ufficiale Twitter di FTX di un lungo comunicato stampa.

FTX Trading LTD ha annunciato oggi che […] approssimativamente 130 compagnie affiliate, che costituiscono il gruppo FTX, hanno avviato la procedura volontaria ex Capitolo 11 del Codice della Bancarotta degli Stati Uniti d’America in Delaware, al fine di avviare un processo ordinato per revisionare e per monetizzare asset a beneficio di tutte le parti coinvolte.

John J. Ray sarà nominato CEO del gruppo FTX. Sam Bankman-Fried si è dimesso dal suo ruolo di CEO e rimarrà disponibile ad assistere la transizione in modo ordinato. Molti dipendenti del gruppo FTX in diversi paesi dovrebbero continuare con il gruppo FTX e aiutare Ray e i professionisti indipendenti nelle loro operazioni durante le procedure previste Dal Capitolo 11.

Si tratta di una procedura volontaria e concordata, che premetterà al gruppo di recuperare più rapidamente i propri attivi, durante un periodo di grazia che permetterà maggiore libertà di movimento.

Chi è il nuovo CEO

Interessante la scelta del nuovo CEO. Si tratta infatti di un noto avvocato, John J. Ray III, lo stesso che seguì anche le procedure di fallimento di Enron, caso forse ancora più eclatante, almeno per l’opinione pubblica.

Una scelta che sembrerebbe essere stata accolta almeno dalla stampa americana come un ottimo passo in avanti per la procedura fallimentare. Avvio della procedura che però ha punito in modo importante tanto Bitcoin quanto il resto del mondo cripto, che brucia tutto il recupero che si è verificato nelle ultime ore.

La situazione rimane ad alta tensione e sarà il caso di seguire molto da vicino quanto accade, in particolare per chi dovesse ancora avere delle posizioni aperte sul mercato. Seguiranno, come sempre su Criptovaluta.it, aggiornamenti.

Con una storia che però ancora non si è chiusa, tanto per i soggetti direttamente coinvolti, quanto per i regolatori che dovranno spiegare molto, almeno in Europa. E con gli europei tutti che attendono risposte concrete da chi avrebbe detto di pensare lui al controllo dei requisiti degli intermediari sul mercato, almeno in presenza di licenze europee.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

3 commenti

  1. Buongiorno a tutto ilo gruppo. L’avevo detto, era solo un rimbalzo del gatto morto. Ora aspettiamo l’effetto domino perchè sicuramente non è finita qui. Non tutti ma gran parte degli Exchange si sono dimostrati poco affidabili, come lo sono le banche del resto, che fanno con i nostri soldi quello che vogliono e male. Il fallimento di FTX è un altro punto a favore dei detrattori. Spero di no ma ora si rischia veramente il ban del mercato a causa di personaggi poco seri che mettono in dubbio l’esistenza di questo nuovo asset. Ci sono ancora troppi interessi attorno a questo comparto ma il rischio di trovare molti altri bluff è altissimo. Buona giornata.

  2. hai ragione, si rischia che tutto il comparto venga messo fuorilegge come gia’ accaduto in cina e c’e’ tanta voglia di farlo prima di tutto in europa.

  3. Secondo voi cm finirà x chi aveva qualcosa con ftx?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *