Home / News / Azerbaijan e IBM insieme per la blockchain

Azerbaijan e IBM insieme per la blockchain

IBM e il governo dell’Azerbaijan, paese sul Mar Nero tra i maggiori estrattori ed esportatori di gas, avrebbero raggiunto un accordo per la costruzione di una blockchain da applicare alle procedure doganali.

La notizia è stata diffusa da Trend News Agency. 

In realtà le due realtà stavano già collaborando dall’Ottobre 2018, in un accordo che prevederebbe lo sviluppo di molto progetti basati proprio sull’utilizzo della blockchain made in IBM. 

Il sistema implementato, secondo quanto affermato da Safar Mehdiyev, capo dell’Agenzia di Stato per le Dogane dell’Azerbaijan, permetterà di ottenere informazioni su carichi e su persone che attraversano il confine, senza alcun tipo di interferenza esterna, con un sistema sicuro, affidabile, trasparente e sempre disponibile. 

Non si tratta della prima applicazione in campo doganale delle tecnologie basate su blockchain. È ormai qualche tempo infatti che le dogane USA stanno conducendo progetti pilota che permettono di semplificare le procedure doganali basandosi appunto su blockchain. 

Anche il Ministero della Giustizia presto pronto con un sistema basato sempre su blockchain

Secondo quanto circolato sempre nella giornata di oggi, in realtà IBM sarebbe pronta alla pubblicazione di un ulteriore progetto basato su blockchain e sempre per il governo azero. 

Questa volta sarà il Ministero della Giustizia a giovarsi della trasparenza, della distribuzione e della solidità delle reti blockchain, per la gestione di sentenze, condanne, informazioni e dati che riguardano i processi civili e penali che avranno luogo nel paese. 

Avremo sicuramente maggiori dettagli sulla questione nel prossimo futuro e – come sempre accade su Criptovaluta.it – non mancheremo di aggiornarvi. 

Molti governi seguono da vicino le tecnologie blockchain

Sono molti i governi che si sono accorti di avere potenzialmente tra le mani una tecnologia risolutiva per moltissimi processi statali. 

Altri, come vi abbiamo già raccontato – stanno invece cercando di attirare imprese private che opereranno proprio utilizzando questo tipo di tecnologia. 

Per blockchain, dunque, un futuro più che roseo.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *