Home / SEC su Gemini e Genesis | A RISCHIO 340.000 crypto risparmiatori!

SEC GEMINI GENESIS CAUSA

SEC su Gemini e Genesis | A RISCHIO 340.000 crypto risparmiatori!

Nuova tegola su Digital Currency Group e Genesis, società direttamente controllata che ha da tempo ormai problemi di liquidità. Questa volta a intervenire non sono i creditori, ma SEC, l’agenzia governativa USA che si occupa di vigilare sui mercati e sul loro corretto svolgimento.

L’accusa è di quelle gravi, ovvero di aver venduto, di concerto con Gemini, unregistered securities, e cioè titoli finanziari senza seguire la corretta procedura. È la stessa accusa che l’agenzia governativa muove nei confronti di Ripple, in una causa che si trascina ormai avanti da anni.

A voler vedere il bicchiere mezzo pieno possiamo sottolineare come i mercati non sembrino ormai più interessarsi delle problematiche che riguardano DCG e le sue controllate, con una performance ottima nelle ultime 24 ore che non è stata scalfita dall’arrivo di questa notizia. Possiamo operare sul mercato con eToroqui puoi richiedere GRATIS tutto quello che il gruppo offre – intermediario con un’ottima selezione di asset cripto e che segue tutte le regole, in Europa e altrove, per la vendita di cripto.

SEC contro Gemini e Genesis: “Hanno venduto Securities senza registrazione

La questione non sarà di facile comprensione per chi non conosce come vengono gestiti i mercati finanziari negli USA. Nel paese sono infatti attive diverse agenzie, con gli asset che vengono considerati come titoli finanziari che ricadono all’interno della giurisdizione di SEC. Una SEC che da tempo continua ad indagare gli operatori del settore, dai progetti cripto agli exchange, accusandoli appunto di non aver seguito le procedure previste per la vendita di titoli finanziari.

Ultima vittima della disciplina regulation through enforcement, ovvero della regolamentazione attraverso l’attacco legale, è Genesis, società di prestiti e crediti cripto con ricompensa che è di proprietà di Digital Currency Group e che si trova in difficoltà da qualche settimana in termini di liquidità. L’attacco a Genesis ha coinvolto anche Gemini, l’exchange cripto dei gemelli Winklevoss, che da qualche tempo sta chiedendo a gran voce la restituzione da parte di Genesis di circa 900 milioni di dollari di proprietà dei suoi clienti. A complicare ulteriormente le cose ora c’è l’intervento di SEC, che tra le altre cose è stato reso pubblico da un video di Gary Gensler, capo dell’agenzia, diffuso attraverso Twitter.

Le cinture di sicurezza sono in dotazione obbligatoria per ogni autovettura. Questo è vero nonostante le molte innovazioni nella tecnologia delle automobili, che siano con quattro ruote motrici o due, che siano elettriche o che utilizzino la benzina… i guidatori meritano di essere protetti. Allo stesso modo le nostre leggi sui titoli finanziari proteggono gli investitori. Non ci sono motivi per trattare i mercati cripto in modo diverso dal resto del mercato dei capitali soltanto perché utilizzano una tecnologia diversa. Il rispetto delle nostre leggi protegge il pubblico di investitori. Purtroppo alcune piattaforme che offrono cripto-prestiti non rispettano tali leggi. Consideriamo questo in via ipotetica: Bob offre una App che propone ritorni del 7% e Alice e milioni di altri investitori investono i loro asset tramite la App di Bob. La documentazione aiuta Alice a capire cosa fa Bob con i suoi [di Alice, NDR] asset, come finanzia i ritorni che sono stati promessi, ad esempio, sta gestendo un fondo hedge? In soldoni, che tipo di rischi sta assumendo?[…]

Per poi continuare:

Non importa che tipo di asset vengano conferiti, se oro, azioni, cincillà… è quello che Bob fa con tali asset che innesca le protezioni che sono offerte dalle nostre leggi. Questo è quanto abbiamo realizzato come SEC in un recente accorto con BlockFi. Ci sono costi nel rispettare le leggi, così come ci sono costi nell’aggiungere le cinture di sicurezza di cui sopra da parte dei costruttori di auto. Le piattaforme che offrono prestiti cripto devono seguire le nostre leggi. Questo rende i mercati più sicuri e migliora la fiducia negli stessi. Spingere queste piattaforme a rispettare tali leggi sarà a beneficio degli investitori e del mercato crypto. Come con le cinture di sicurezza nelle auto, dobbiamo assicurarci che la protezione degli investitori sia uno standard nei mercati cripto.

Un video che chi è abituato alle comunicazioni ingessate e istituzionali di CONSOB troverà essere ai limiti dell’assurdo. Ma tant’è, per quanto il paragone con le cinture di sicurezza non sembri, almeno a chi vi sta scrivendo, particolarmente brillante.

Gemini - analisi di Winklevoss contro SEC
Il tempismo è sospetto, almeno secondo il leader di Gemini

Ok per le cinture di sicurezza, ma i dubbi permangono…

Basta farsi un giro su Twitter e tra i commenti alla comunicazione di SEC per rendersi conto di quanto questa narrativa stia in realtà tenendo poco. SEC negli anni ha attaccato frontalmente progetti relativamente marginali, ignorando di prendersi cura – ammesso che sarebbe stato necessario – i più grandi player del settore come appunto Genesis, ma anche, se vogliamo FTX.

Difficile essere d’accordo con il tempismo inoltre, proprio se il punto è quello di cercare di tutelare gli investitori. 340.000 utenti dei piani Earn di Gemini devono recuperare ora denaro da due aziende che sono sotto inchiesta e che potrebbero trovarsi a fronteggiare spese legali di grande importanza.

Nel frattempo anche Tyler Winklevoss di Gemini ha affidato la sua risposta a Twitter.

Il prodotto era regolato secondo NYDFS e ci sarebbero state anche discussioni dirette per diciassette mesi proprio con SEC. L’agenzia, dice Winklevoss, non avrebbe mai sollevato obiezioni di alcun tipo, fino a DOPO [il maiuscolo è di Winklevoss] il blocco dei prelievi. Situazione sulla quale tutti dovrebbero riflettere prima di applaudire all’ennesimo intervento a gamba tesa del regolatore.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti
Notificami
guest

8 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Giorgio
Giorgio
19 giorni fa

La frase interessante è ” devono seguire le Nostre leggi “.
Qui potrei aprire un dibattito alla Giorgio e quindi super filosofico e super contorto.
Perché la Legge è una condizione posta alla libertà, dovrebbe essere una guida alla gestione della libertà.
Quindi stendere un gran numero di leggi ha 3 significati
1 le persone non sanno gestire la libertà.
2 chi impone leggi non si fida della gestione della libertà altrui.
3 Voglio limitare la tua libertà.
Detto questo penso che la legge dovrebbe essere coerente con la materia che cerca di legiferare, quindi ha senso applicare per esempio il codice della strada se le automobili ora volano?
Detto anche questo penso che il mercato cripto ha superato oppure sta superando il suo esame di maturità.
Ha attraversato oppure sta attraversando una delle peggiori crisi degli ultimi anni e se supera l’esame o se l’ha già superato il gioco è fatto.
Promosso, ora vai per la tua strada e diventa grande.
Di sicuro, come al solito non si sarà capito nulla di quello che volevo dire😃 fa niente, perché comunque la libertà che mi sono preso per dire quello che ho detto non ha leso la libertà di nessun altro.

Giorgio
Giorgio
19 giorni fa

Scusate, mi autotraduco.
Se tu SEC stai applicando una legge nei miei confronti, o al mio comportamento, che non è assolutamente coerente con il mio operato, la tua legge rappresenta il mio punto 3, cioè stai cercando di limitare la mia libertà.
Di fatto stai applicando il codice della strada e quindi supponi che io abbia commesso un’informazione riferendoti a un codice che definisce il buon uso di un veicolo che va su strada, ma io in realtà sto usando un auto che vola e quindi che non occupa il suolo, ma bensì lo spazio aereo.
Quindi, visto che un tribunale di fatto in Italia ma penso anche negli USA può ” abrogare” o rendere illegittima una legge, oppure renderla incoerente al fatto, l’infrazione non esiste.
Quindi, visto che la legge non ammette ignoranza e dovrebbe non ammetterla nemmeno il legiferare, tu SEC ti prendi un calcio nel culo, io vinco e oltretutto mi risarcisci.
Chiamatemi pure Perry Mason….grazie.

massimo
massimo
19 giorni fa
Reply to  Giorgio

voli pindarici! ma tanto fanno il [email protected] che vogliono, e dopo la pandemia il concetto di liberta’ ha perso qualsiasi significato a noi noto.

Giorgio
Giorgio
18 giorni fa

A volte parli difficile Gianlu!!
Poi con la mia leggera dislessia con le parole inglesi non vado d’accordo, mi si mischiano le lettere…….cerco su google Gianluca traduttore 🤣🤣 ciao carissimo.

Giorgio
Giorgio
18 giorni fa

Allora, ho cercato e trovato, non so se ho capito però.
Quindi la SEC mi prende e mi porta in tribunale, basandosi su una legge già esistente e la modifica ” cucendomela ” addosso come se fosse un vestito fatto su misura, ( tipo il gessato di Luigi 😁)
Però cosi mi dice ” è come se ”
E il come se non rispecchia la realtà.
Perché è come se io ti dicessi: ” se mi parli in legalese per me È COME SE mi parlassi in arabo ”
Ma tu non stai parlando l’arabo, sono io in realtà che non comprendo.
Ho capito qualcosa o nulla come al solito?

Giorgio
Giorgio
18 giorni fa

Intanto grazie mille per la risposta non dovuta e nemmeno scontata, grazie.
L’unica pecca?
Che non eravamo al bar 😃