Home / News / Si può vivere usando solo le criptovalute? Ecco la storia di chi ci è riuscito…
criptovalute

Si può vivere usando solo le criptovalute? Ecco la storia di chi ci è riuscito…

In Italia le criptovalute sono scarsamente accettate nei negozi “fisici”, e sono ancora più raramente negoziabili nei bancomat. Tuttavia, le cose stanno per cambiare, e in buona parte del mondo le valute digitali sono recepite in maniera più bonaria.

Dunque, lecito porsi una domanda curiosa: si può vivere usando solo le criptovalute e, dunque, rinunciando al possesso di denaro “fiat”?

La risposta è positiva. O, almeno, così parrebbe leggendo una delle ultime storie riportate sul Sydney Morning Herald, a narrazione delle avventure – se così si può dire – di Jaide Barclay, una giovane donna che ha appena concluso un viaggio in 10 Paesi, durato quasi tre mesi, vivendo solo di criptovaluta.

La ragazza, originaria di Newcastle, ha dichiarato al quotidiano di essersi sempre interessata al mondo delle criptovalute, e di aver comprato Bitcoin poco prima del boom del 2017. Dunque, nel 2018, pur con prezzi ben più bassi, la donna ha continuato a tenere d’occhio il mercato e, quindi, all’inizio di quest’anno, ha deciso di fare il passo più ambizioso: essere “parte integrante” della cultura criptovalutaria, scommettendo su se stessa e sulla possibilità di vivere solamente di Bitcoin & co.

Nell’intervista, Jaide afferma di aver usato Instagram per connettersi con altri appassionati di criptovaluta, divenendo poi ospite alla London Blockchain Week. A tale conferenza si è quindi resa conto che l’uso della criptovaluta era necessario per migliorare l’evoluzione del mercato finanziario ed economico, e di aver continuato a partecipare a conferenze e altri eventi. Fino ad arrivare al suo tentativo: vivere solamente di criptovalute.

Per far ciò, ha iniziato ad allestire alcuni wallet con Bitcoin e Ethereum, e ha poi cercato su Google tutti quei luoghi che accettavano la criptovaluta nei diversi luoghi che aveva intenzione di visitare. E così, ha avuto inizio il suo lungo viaggio, dall’Australia a Hong Kong, dalla Cina alla Corea del Sud, dal Giappone alla Malesia, dal Singapore all’Indonesia, dagli Stati Uniti alle Bahamas.

Pur con qualche difficoltà e qualche “trucco” (l’utilizzo di carte prepagate in criptovaluta, che la giovane ha largamente utilizzato, potrebbe non considerarsi un vero e proprio uso di valute digitali), l’esperimento è andato a buon fine. e 6 Colorf

Info su Roberto Rossi

Giornalista pubblicista, specializzato in tematiche economiche e valutarie. Appassionato di fintech, è consulente degli investimenti finanziari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *