Home / Ethereum in chiave ribassista, possibile test a 240 dollari

ethereum

Ethereum in chiave ribassista, possibile test a 240 dollari

Nelle ultime ore Ethereum non è riuscito a superare l’area di resistenza posta a 288 dollari e, come conseguenza, e in uno scenario complessivamente ribassista sulle criptovalute, il prezzo della seconda valuta digitale più importante del mondo (per capitalizzazione) è sceso nettamente al di sotto dei 270 dollari e potrebbe presto testare il supporto di 240 dollari.

Ma siamo sicuri che convenga aprire una posizione short su un broker al top come eToro (sito ufficiale) o Capital.com (sito ufficiale)? O è meglio attendere nuove evoluzioni di breve termine?

Ethereum, non si esclude ritorno a 240 dollari

Recentemente abbiamo avuto l’opportunità di verificare un discreto incremento dei prezzi di Ethereum al di sopra dei livelli di 270 e 275 dollari. Tuttavia, la stessa criptovaluta ha poi fallito i tentativi di spingere i prezzi sopra 286 e 288 dollari.

Di conseguenza, c’è stato un netto calo al di sotto del livello di supporto di 280 dollari e della media mobile semplice a 100 ore, che ha aperto i margini per ulteriori perdite al di sotto dell’area di supporto di 270 dollari.

Se il trend non dovesse essere fortemente arginato, ci sono concrete possibilità di ulteriori perdite a breve termine al di sotto di 255 e 250 dollari. Successivamente, il prossimo supporto chiave è situato a 240 dollari o, addirittura, 230 dollari.

Ethereum in flessione nelle ultime ore, ma prova a tenere le posizioni

Occhio alle resistenze

Naturalmente, non è certo possibile escludere che la criptovaluta possa riprendere la sua corsa verso l’alto ma… attenzione alle sfide tecniche che sono ora poste sulla valuta digitale.

Se infatti il prezzo dell’Etereum dovesse crescere al di sopra della resistenza di 265 dollari, potrebbe recuperare verso 270 dollari e… qui essere costretta a sperimentare una resistenza sempre più forte, in corso di formazione.

Dunque, riteniamo che per un nuovo rally rialzista sia necessaria una chiusura al di sopra della resistenza di 270 dollari e della media mobile semplice a 100 ore. A quel punto prevediamo una resistenza intermedia intorno ai 288 dollari, e quindi una resistenza più importante a 300 dollari.

Per i nostri lettori trader, dunque, il messaggio è chiaro: scenario ribassista di breve termine, e ingresso long con un operatore come eToro (la nostra guida) o Capital.com (la nostra guida) solo sopra i 270 dollari, fissando gli opportuni take profit! ent

Info su Roberto Rossi

Giornalista pubblicista, specializzato in tematiche economiche e valutarie. Appassionato di fintech, è consulente degli investimenti finanziari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *