Home / Bitcoin: nessun effetto ETF | Cosa sta per succedere? Analisi

BITCOIN

Bitcoin: nessun effetto ETF | Cosa sta per succedere? Analisi

Gli ETF Spot BTC non danno la spinta al Bitcoin che si avvia verso il prossimo halving. I segnali grafici indicano possibili correzioni del prezzo che si sta appoggiando sul primo supporto di breve in area 41.000$

L’approvazione e la quotazione degli ETF Spot BTC, al momento, non ha portato  quel impulso al prezzo del Bitcoin che era stato ipotizzato e bramato da molti.

Nel breve dobbiamo fare attenzione a non essere in presenza del classico adagio del mondo della finanza, buy on rumor and sell on news.

Questa è la chiosa dell’analisi pubblicata Sabato scorso, che sembra proprio riflettere quanto sta accadendo in questa settimana.

Tuttavia, è importante sottolineare che, nonostante gli ETF non stiano contribuendo a un aumento del prezzo del BTC i dati relativi al volume delle transazioni sui dieci ETF già in negoziazione indicano che, dalla loro introduzione, sono stati scambiati per un totale di oltre 10 miliardi di dollari.

Sfrutta Halving con eToro

💰Sfrutta i forti segnali del mercato crypto

✅Copia le strategie dei migliori trader

🥇Miglior Piattaforma con CopyTrading

🎯Fai crescere il portafoglio crypto

Gli ETF non danno la spinta la prezzo di Bitcoin

Nonostante la mancata impennata del prezzo sperata da alcuni, il controvalore degli scambi, in termini di volume e flussi di denaro sugli ETF, sta risultando un successo. Quest’ultima affermazione va contestualizzata nell’ambito del settore degli strumenti di risparmio tradizionali, ovvero gli ETF.

Bitcoin verso Halving

Il tema che guiderà i prossimi tre mesi di Bitcoin, sarà l’avvicinamento al suo halving, previsto intorno alla metà di Aprile 2024, il quale porterà ad una nuovo taglio delle ricompense per i miner. L’attuale reward per blocco di 6.25 BTC verrà dimezzata e passerà a 3.125 BTC per blocco.

Bitcoin - Halving Gennaio 2024
Bitcoin – Halving Gennaio 2024

In allegato è riportato lo schema frattale che ci sta guidando dalla prima pubblicazione fatta su criptovaluta.it nel Settembre 2022. Ho iniziato a elaborarlo nel 2021 e fino ad oggi, sta rispettando i tempi, tra le varie fasi di correzione che durano da massimo al minimo tra i 12 e 14 mesi e le fasi di ripartenza.

Per rispettare lo schema previsto, adesso Bitcoin non deve né rompere il minimo del Novembre 2022, né tanto meno superare il massimo storico attuale. Per raggiungere un futuro nuovo massimo storico, Bitcoin avrà un periodo di circa 17-18 mesi dopo la data dell’halving.

Dal target a 48.000$ il prezzo ritraccia

Passando alla situazione grafica, iniziamo con l’analisi dell’andamento del prezzo di Bitcoin sul chart weekly. Al momento di questa stesura BTCUSD è quota a 41.690$ e registra un calo del 13% rispetto al massimo fatto una settima fa a 48.750$. Questo movimento ha fatto virare in negativo anche il suo andamento da inizio anno, che adesso segna -1,55%.

Bitcoin (BTCUSD) – weekly 20 gennaio 2024

Sempre nell’analisi dello scorso sabato, veniva posta attenzione sulla candela weekly che si stava formando.

.. a livello weekly si sta formando una candela shoorting star... – … rientra tra i pattern di inversione .. – pertanto sarà importante vedere la chiusura di domenica sera.

Possiamo constatare che la candela weekly si è chiusa formando una chiara shooting star. Ovviamente ciò ci indica la debolezza del trend e ha fatto suonare un campanello di allarme.

La shooting star fa suonare un campanello di allarme

Questo non significa necessariamente che ci sarà una profonda correzione o un crollo. Tuttavia, analizzando il grafico possiamo identificare i due supporti principali di lungo termine del vettore che comanda che si estende dai minimi di Novembre 2022 a 15.479$ fino al recente massimo.

Il primo livello di supporto si trova a 36.000$ e corrisponde al 38.2 dei ritracciamenti di Fibonacci. A scalare, abbiamo il supporto principale situato in area 32.200$ e corrisponde al 50 di Fibonacci.

Un warning dal setup degli indicatori

Bitcoin (BTCUSD) – Setup indicatori su base weekly 20 Gennaio 2024

Nella parte inferiore del grafico, con questa fase di correzione, ho integrato nuovamente il setup system degli indicatori sul weekly che non riportavo da Settembre scorso. Questo setup si è dimostrato molto efficace in passato, in particolare nell’uscita data a Novembre’21 con il prezzo BTC attorno a 56.000. Attualmente, il setup è long da Gennaio 2023.  N.B. questa è una metodologia operatività da posizione, in quanto lenta e non adatta al trading di breve periodo o scalping.

La situazione grafica dei supporti sul breve su Bitcoin

Concentrandoci sulla situazione di breve periodo analizziamo il grafico daily, dove si nota come il Bitcoin ieri ha rotto il primo livello di appoggio in area 41.100$. Nella discesa ha fatto un minimo a 40.830$ per poi rientrare sopra il livello dove sta tradando ora.

Bitcoin (BTCUSD) – daily 20 gennaio 2024

In questo scenario i due supporti sui quali concentrarsi sono situati più in basso e sono definiti dal vettore che parte da 24.680$ di Agosto scorso fino al recente massimo. Il primo supporto passa in area 39.500$, mentre il livello principale di questo movimento è a 36.700$. Probabilmente sarà molto importante l’area tra 36 e 36.700$.

Investi con ByBit

💰BONUS di 30.000$ per i nostri lettori - Ref code: CRIPTOVALUTA

✅Verifica il conto per USDT Gratis

🥇Miglior Exchange con CopyTrading

🎯Trading con Leva, Launchpad, Launchpool

Un eventuale breakdown di quest’ultimo potrebbe essere pericoloso e probabilmente darebbe inizio a una fase correttiva più significativa, mettendo in crisi la leg up partita ad Ottobre.

Iscriviti
Notificami
guest

1 Comment
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Klaus Marvin
Klaus Marvin
3 mesi fa

E’ normale che il mercato scenda quando ci sono parecchie prese di beneficio. In questo momento non sa che direzione prendere ma penso che ritracci ancora e poi ci sarà un nuovo rally ma non si sa da che valore ripartirà, più probabilmente intorno ai 32.000 se dovesse scendere ancora tanto meglio per chi porta a casa i guadagni ad ogni bull run. Per il momento seguo le indicazioni di Saylor compro e non vendo.