Home / Ripple perde il supporto a 0,2000 dollari, per ora meglio non comprare

Ripple perde il supporto a 0,2000 dollari, per ora meglio non comprare

Come tutte le altre principali criptovalute, Ripple ha perso qualche punto percentuale nelle ultime ore, scendendo al di sotto della zona di supporto posta a 0,2000 dollari. Il prezzo di XRP sta attualmente correggendo verso l’alto, ma il nostro scenario centrale rimane comunque piuttosto prudente, perché per il momento gli attuali segnali tecnici non confortano un balzo delle quotazioni oltre al precedente supporto, che ora vige come resistenza chiave.

Cerchiamo allora di comprendere come si possa cercare il guadagno con il trading di Ripple, ricordando pur sempre che il miglior modo per poter investire sul breve termine con le criptovalute, approfittando anche – come nel caso di oggi – di momenti di discesa del valore delle valute digitali, sia quello di usare i migliori broker CFD in circolazione, come eToro (sito ufficiale).

Se vuoi saperne di più su come funziona eToro, ti consigliamo di leggere subito la nostra recensione completa al broker. Se invece sai già come funziona e desideri entrare subito nel vivo del trading online di criptovalute, allora non devi far altro che aprire qui un conto di trading gratis (anche demo)!

Previsioni Ripple, lo scenario ora è ribassista?

Dopo molti tentativi di rompere la resistenza di 0.2050 dollari, Ripple ha invertito la propria tendenza iniziando un forte calo. Il prezzo di XRP ha dunque infranto molti supporti importanti vicino al livello di 0.2000 dollari, ed è oggi in un chiaro ambito ribassista.

Il declino è stato talmente deciso che in poche ore Ripple ha dovuto cedere circa il 5% del proprio valore originario, toccando un nuovo minimo settimanale vicino al livello di 0,1831 dollari. Il prezzo sta ora cercando di correggere il tiro, tornando sui livelli precedenti con rottura dei livelli di 0,1850 e 0,1860 dollari.

Tuttavia, riteniamo che per il momento gli spunti tecnici non siano in grado di supportare la ripresa dei prezzi di Ripple al di sopra delle aree di resistenza poste in rapida successione a 0.1920 dollari, 0,1945 dollari e soprattutto quella principale a 0,2000 dollari.

Dunque, per poter entrare rialzisti su Ripple è necessario attendere che la criptovaluta infranga con vigore la resistenza chiave posta a 0,2000 dollari, ritenuta come decisiva per poter riorientare nuovamente la valuta in una tendenza rialzista.

Attenzione, però. Il nostro scenario principale rimane ancora prudente e tendenzialmente ribassista. Non è dunque escluso che Ripple possa riprendere a scendere al di sotto del livello di 0.1850 dollari.

Le altre criptovalute: Bitcoin, Ethereum & co.

Come abbiamo anticipato in apertura di questo approfondimento, l’evoluzione delle ultime ore è negativa per tutte le principali criptovalute.

Al momento in cui scriviamo Bitcoin sta perdendo il 4% a 9.441 dollari, mentre Ethereum cede il 4,36% a 236,19 dollari. Bitcoin Cash perde il 6,01% a 240,09 dollari, mentre oscillano tra il 4% e il 5% le perdite di Bitcoin SV, Litecoin e Binance Coin.

Nelle prime 30 criptovalute per capitalizzazione di mercato tengono evidentemente solo le stablecoin come Tether e USD Coin. Tra le altre, l’unico spunto rialzista è fornito da VeChain, che sale dello 0,90% a 0,009838 dollari.

CLICCA QUI PER APRIRE UN CONTO GRATIS CON ETORO (SITO UFFICIALE) E FARE TRADING DI RIPPLE!

Info su Roberto Rossi

Giornalista pubblicista, specializzato in tematiche economiche e valutarie. Appassionato di fintech, è consulente degli investimenti finanziari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *