Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Nervos Network CKB vola | È tutto merito di YokaiSwap

Nervos Network CKB vola | È tutto merito di YokaiSwap

Nervos Network è un protocollo in blockchain che seguiamo da tempo su Criptovaluta.it – e che oggi torna alla ribalta grazie ad un boom di mercato, che ne ha spinto il prezzo in alto. Tutto durante una giornata che si preannuncia relativamente statica per il comparto cripto.

Giornata durante la quale Bitcoin sta avendo difficoltà a riconquistare i 47.000$ e con Ethereum che sta cercando di fare le barricate sulla soglia-simbolo dei 3.400$ – senza che sia chiara la direzione che potrà prendere il mercato nelle prossime ore.

Boom a mercato di Nervos Network - l'analisi di Criptovaluta.it
Una grande performance di Nervos Network – grazie a novità di carattere tecnologico

Ci sono però diversi altcoin – e $CKB è uno di questi – che stanno prendendo in mano la situazione, con un’esplosione in termini di prezzo molto interessante anche per gli investitori.

Come sfruttare questa notizia – Possibili segnali:

💻PIATTAFORMA⏳INTRADAY🎮PROVA GRATISTARGET PRICE $CKB📈LONG TERM
1 – Binance [EXCHANGE]BUY🟢Iscriviti Gratis!0,028$ – BREVEAcquisto🟢
2- Crypto.com [EXCHANGE]BUY🟢Iscriviti Gratis!0,040$ – MEDIOAcquisto🟢
Come sfruttare l’arrivo di YokaiSwap – segnali su $CKB

L’arrivo di YokaiSwap spinge in alto Nervos Network

La notizia più importante delle ultime 24 ore è stata l’introduzione di YokaiSwap, un exchange decentralizzato in modalità AMM, che include anche Yield Farming e staking sulla piattaforma.

Un progetto nato all’interno dell’incubatore del network inNervation e che è spinto l’entusiasmo sui mercati, con una corsa agli acquisti, anche spot, che hanno avuto un enorme impatto sul prezzo di $CKB, la criptovaluta di riferimento del protocollo.

  • Cosa aggiunge alle funzionalità del network

Yokai assomiglia molto ad altri AMM che sono forse più conosciuti dai nostri lettori. Parliamo di Uniswap e dei progetti derivati, che sono ormai da tempo tra i protocolli più capitalizzati sul mercato. Ci sono però delle novità – dato che sarà basato sulla tecnologia Universal Passport che è propria di Nervos Network. L’incentivo sarà sulla velocità di scambio e anche sull’interoperabilità, con l’offerta di molte coppie che dovrebbero arrivare nel giro di pochi giorni.

Progetto che è inoltre completamente open source – scelta fatta per attirare nuovi sviluppatori e per permettere a tutti di sviluppare implementazioni che potrebbero migliorare la funzionalità del progetto. YokaiSwap è già attivo sulla testnet Godwoken, e può essere già utilizzato per le interazioni tra Ethereum e CKB.

Qualche nota esplicativa su Nervos Network

Nervos Network non è esattamente una novità per i nostri lettori. Parliamo infatti di un network il cui token è parte del nostro portafoglio di investimento da tempo – in posizione n. 20 – con una mole di investimento importante per un progetto tanto subalterno.

💱 CRIPTOVALUTA🏁 NASCITA✅ VALIDAZIONE🔥 SEGNI PARTICOLARI📊 OUTLOOK DI MERCATO
$CKB2019NC modificatoInteroperabilità tra diverse blockchain – layerPositivo 🟢
La nostra sintesi su Nervos Network

Un network completamente open source che ha come primo obiettivo l’offerta di un layer 1 che possa essere da base per l’interoperabilità tra diversi protocolli, offrendo al tempo stesso la possibilità di sviluppare layer 2 e di utilizzare gli smart contract. Una soluzione tecnologicamente interessante – che si sta conquistando un discreto numero di appassionati e che con Yokai potrà inserirsi in un nuovo comparto, per il momento dominato dalle soluzioni basate su Ethereum e sulla Binance Smart Chain.

Dove potrà arrivare Nervos Network?

Senza scomodare l’analisi tecnica, che in queste circostanze può offrire decisamente poco in termini di anticipazione del trend, possiamo comunque avere un outlook positivo su CKB.

A prescindere dai comunque ottimi movimenti di breve periodo – il network presenta delle caratteristiche fondamentali in grado di renderlo uno dei protocolli più interessanti, anche in termini di capitalizzazione, dei prossimi mesi e anni. Per noi un’ottima alternativa per diversificare il proprio portafoglio, in particolare se dovesse essere troppo esposto verso BTCETH e ADA.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *