Home / News / Il nuovo presidente del Federal Reserve System e le criptovalute

Il nuovo presidente del Federal Reserve System e le criptovalute

Jerome Powell con il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump durante la cerimonia di giuramento per la posizione di presidente del Federal Reserve System

Jerome Powell ha prestato giuramento come presidente della Federal Reserve System degli Stati Uniti nella giornata di lunedì, assumendo la carica dalla precedente presidentessa Janet Yellen. Questa posizione è particolarmente significativa per chiunque abbia interesse per le criptovalute, data la sua importanza in ambito legislativo.

Nel suo primo giorno di lavoro, Powell non si è occupato realmente di criptovalute, anche se durante quella specifica giornata sulle cripto si concentrava l’interesse dei media, a causa del forte crollo dei prezzi del mese di gennaio.

Questo, però non significa in alcun modo che le criptovalute non finiranno sul radar del nuovo presidente; soprattutto perché i regolatori di tutto il mondo guardano con sempre più attenzione alle cripto a causa dei rischi legati al mercato e delle impetuose oscillazioni dei prezzi, e gli Stati Uniti non possono essere da meno.

Inoltre, Powell ha precedentemente indicato, durante il suo lavoro come membro del Consiglio di amministrazione della Fed, come le criptovalute vengano monitorate molto da vicino.

Nello specifico Powell non ha indicato se si vorrà avvalere di un qualche  regolamento specifico riguardante le criptovalute; dicendo: “non abbiamo nulla contro Bitcoin e nulla contro la valuta digitale. Di solito consideriamo alcuni dei rischi derivanti dalle criptovalute associate al riciclaggio di denaro e a quel tipo di problemi. Ma non siamo largamente contrari o favorevoli alle valute alternative “.

Cauto interesse per i Bitcoin

bitcoin valore euro
Bitcoin è stata la prima criptovaluta ad essere stata creata e viene utilizzata da milioni di persone, ma il suo volume monetario non sembra interessare particolamente Jerome Powell.

Le principali preoccupazioni sono arrivate sul potenziale impatto che la volatilità delle criptovalute potrebbe avere sulle economie nazionali, soprattutto a causa delle recenti evoluzioni del mercato.

Valute come i Bitcoin hanno capitalizzazioni importanti (circa 126 miliardi di dollari) e mentre questi numeri possono essere considerati esorbitanti, Powell sembra aver parzialmente snobbato questi pericoli.

Durante la sua udienza di conferma davanti ai membri del Congresso, ha infatti detto che: “le criptovalute come Bitcoin non contano davvero oggi, non sono abbastanza grandi, non c’è abbastanza volume perché contino, non c’è dubbio che le loro valutazioni siano aumentate parecchio nell’ultimo anno. A lungo termine, le criptovalute di quella natura potrebbero avere importanza, ma ad oggi non contano davvero. ”

Powell si è però espresso in modo positivo relativamente alla Blockchain.

Mentre Bitcoin e altre criptovalute sembra stiano catturando tutta l’attenzione dei media in questo momento, è stata la Blockchain ad ottenere recensioni positive e costanti.

Proprio per questo motivo la tecnologia sembra aver catturato l’attenzione di Powell che ha detto:

…in realtà consideriamo Blockchain come qualcosa che potrebbe avere applicazioni significative nella parte dei pagamenti dell’economia. Questo è qualcosa a cui prestiamo molta attenzione.

About Matteo Barosso

Copywriter freelance e appassionato di criptovalute; sempre al passo con le novità che arrivano dalle start-up, con un sogno... vivere nella Silicon Valley per vivere i cambiamenti mentre accadono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *