Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Ted Cruz vuole salvare Bitcoin e cripto | Attacco all’Infrastructure Bill

CRUZ CRIPTO BITCOIN

Ted Cruz vuole salvare Bitcoin e cripto | Attacco all’Infrastructure Bill

Su Bitcoin si sta consumando una delle battaglie più aspre della politica americana, con due opposti schieramenti che sembrano essere ormai capeggiati chiaramente da un lato dal presidente Joe Biden, dall’altro dal Senatore Repubblicano Ted Cruz.

Una battaglia che passerà danche dall’Infrastructure Bill, gruppo di norme patchwork che includono un po’ di tutto, compresa una stretta su exchangecrypto-broker e tassazione. Ted Cruz, che già nel recente passato si è speso con toni molto favorevoli sull’introduzione di Bitcoin al Congresso, vorrebbe intestarsi questa battaglia. E data la sua rilevanza politica, potrebbe essere un ottimo segno per il mondo di Bitcoin.

Possiamo operare, anche approfittando della turbolenza di Bitcoin di queste ultime, con Capital.com – vai qui per ottenere un conto virtuale con tutte le funzionalità top disponibili – che mette a disposizione capitale virtuale illimitato per ogni tipo di operazione.

Utile anche perché in una fase di movimenti laterali, possiamo utilizzarlo sia al rialzo che al ribasso. Possiamo inoltre muoverci con MetaTrader 4 e TradingView per un trading ancora più tecnico. Con 20€ possiamo passare ad un conto reale.

Ted Cruz non ci sta: vuole espungere le nuove norme sugli intermediari

L’infrastructure bill si è trasformato, come prevedibile, in un calderone contenente norme di ogni tipo, e non solo il finanziamento di infrastrutture in senso stretto. Al suo interno – cosa che ha scatenato un panico non ancora rientrato sui mercati – anche delle nuove norme che definiscono i cripto broker, in formulazioni che potrebbero causare problemi al settore – e un accenno ad una tassazione compressiva del settore

Ted Cruz, che già qualche giorno fa si era speso per Bitcoin in Congresso ha colto la palla al balzo e ha dichiarato, attraverso il proprio ufficio stampa, di voler combattere per eliminare queste formulazioni, che sarebbero particolarmente restrittive anche per il mondo degli exchange.

Una situazione prevedibile, dato che c’era già stata una battaglia tale ad agosto, rimandata poi quando il bill sarebbe passato per le mani del Congresso. Con sentimenti che sembrano essere, almeno per il momento, alternati. Perché per l’appunto una parte dei Repubblicani sarebbe per una modifica, mentre l’ala più radicale sulle criptovalute vorrebbe espungere completamente le locuzioni introdotte.

In quanto corpo deliberativo, il Senato avrebbe dovuto fare meglio il suo lavoro, organizzando audizioni per comprendere completamente le conseguenze dell’introduzione di nuove legislazioni su un settore emergente, prima di mettere a rischio profitti e privacy degli americani che vi partecipano. Chiamo con la massima urgenza i miei collegi in Senato alla rimozione di questo linguaggio chiaramente dannoso, che creerà incertezza di tipo regolatorio e che si trasformerà in una non-necessaria barriera all’innovazione.

Riproponendo così un tema che è stato quello caldo anche in fase di approvazione degli ETF, con le stesse parti in gioco.

Cosa vuol dire questo per Bitcoin e per il settore cripto?

Si tratta di una buona notizia, per quanto siamo certi del fatto che, sul medio e lungo periodo, il comparto non avrà bisogno in alcun modo di ricorrere all’aiuto della politica.

Perché una buona notizia? Perché una parte rilevante del Congresso americano, sebbene minoritaria, ha deciso di difendere il settore, almeno apparentemente senza secondi fini. Qualcosa che potrà fare la differenza sul breve periodo – come è avvenuto per gli ETF finalmente sbloccati anche negli USA. La battaglia sarà lunga – con il nuovo presidente degli USA che, non ne fa mistero più nessuno, vorrebbe regolamentare nei minimi particolari il settore.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *