Home / Ucraina: donazioni con Algorand | Aggiunte anche $HBAR, $XMR e Casper

Ucraina Alternativa cripto

Ucraina: donazioni con Algorand | Aggiunte anche $HBAR, $XMR e Casper

Una guerra, lo abbiamo ripetuto più volte sulle pagine di Criptovaluta.it, nella quale le criptovalute stanno giocando un ruolo fondamentale, quantomeno dal lato ucraino.

Il governo di Kiev ha infatti già raccolto 65 milioni di dollari in Bitcoin ed altri coin e token e ha recentemente allargato i network che possiamo utilizzare per far arrivare aiuti (pare di carattere anche militare) all’Ucraina stessa. Ad essere stati aggiunti più di recente sono MoneroCasper e Icon ICX insieme ad Algorand, portando a 16 il numero di network supportati. 

Cripto Algorand e ICX insieme a XMR HBAR e casper per l'ucraina
Altre cripto per donare al governo Ucraino

Segnale questo che il mondo delle cripto sta oggettivamente avendo una spinta anche a causa del conflitto, come sostegno importante per chi ha difficoltà ad accedere al mondo delle banche data la situazione. Possiamo investire nei token supportati più di recente anche con Capital.com – vai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con INTELLIGENZA ARTIFICIALE e altri servizi top – intermediario che offre il più ampio listino di cripto, corredato anche da quanto viene offerto in termini di strumenti di analisi. 

Abbiamo infatti MetaTrader per fare analisi e per gestire i nostri ordini. Abbiamo anche TradingView sempre per l’analisi tecnica e anche per condividere insight con i migliori, con la possibilità di integrarlo all’interno del WebTrader dotato anche di intelligenza artificiale. Con 20€ possiamo passare ad un conto reale. 

L’Ucraina continua a fare ampio ricorso alle cripto

Il tutto per finanziarsi e per avere anche liquidità per l’acquisto di equipaggiamento, come visori notturni e giacche anti-proiettile, oggetti di carattere militare sì, ma no atti all’offesa, superando così una delle obiezioni che erano state sollevate durante i primi giorni di donazioni. 

Donazioni che i nostri lettori ricorderanno come partite da Bitcoin ed Ethereum e poi allargatesi con il tempo, includendo anche altri network. Bene: le ultime aggiunte riguardano network forse meno trafficati, ma che comunque possono dire la loro e che stanno già contribuendo alla crescita del monte di donazioni, che ha recentemente superato i 65 milioni di dollari. Somma importante, se teniamo conto del fatto che sono state raccolte tutte tramite donazioni volontarie

Quali network sono stati aggiunti più di recente?

Diversi, tra quelli che ormai da tempo seguiamo su Criptovaluta.it e che riteniamo essere da tempo parte integrante dell’ecosistema di elite che ruota intorno al mondo cripto. Abbiamo infatti Algorand di Silvio Micali, insieme a Monero, la cripto tarata sulla privacy, con HederaCasper e anche Icon

Tutte le modalità di donazione possono essere raggiunte tramite il sito ufficiale dell’iniziativa con la collaborazione di everstake insieme a FTX e anche a Kuna, che un exchange locale che ha giocato un ruolo fondamentale durante il blackout finanziario del paese. 

Comunque la si pensi sulla terribile vicenda che sta tenendo impegnati gli ucraini, si tratta di un momento topico per le cripto, che stanno facendo proprio quello per cui erano state concepite: essere network monetario di backup quando tutto il resto dei sistemi sarebbero falliti. 

Missione compiuta, e sebbene il grosso delle donazioni sia arrivato da Ethereum e tramite Bitcoin, si tratta comunque di un enorme successo per tutto il comparto, un successo che in pochi, anche noi che siamo appassionati, avrebbero potuto anche soltanto immaginare.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *