Home / Bitcoin City, le prime immagini | Ecco cosa ha condiviso Bukele

Bitcoin City - primi piani

Bitcoin City, le prime immagini | Ecco cosa ha condiviso Bukele

Dopo l’acquisto milionario di Bitcoin di qualche ora fa, Nayib Bukele torna a parlare anche di Bitcoin City, quella che dovrebbe diventare la capitale mondiale del mondo che ruota intorno a $BTC.

E lo fa con diversi rendering, non è chiaro se già definitivi o soltanto idee da condividere con gli investitori, rivelando comunque un luogo che farà gola a molti e che è diventato già parecchio condiviso sui principali social network.

Bitcoin City - i primi piani resi pubblici - analisi
Primi piani resi pubblici per la Bitcoin City

Una buona notizia per El Salvador e Bitcoin? Sarà il caso di parlarne, anche per capire che tipo di impatto potrà avere su $BTC. Possiamo investirci, in attesa dei Bitcoin Bond con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con 100.000$ di capitale virtuale – intermediario che ci permette di investire con strumenti professionali su tutto il mercato cripto.

Abbiamo anche il CopyTrader per iniziare a fare trading copiando gli altri in modo automatico, così come abbiamo quanto viene offerto dagli Smart Portfolios, che includono diversi cripto asset in un solo paniere, in stile ETF. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Nayib Bukele svela le prime idee sulla Bitcoin City

Del progetto ormai si parla da tempo, anche se vale la pena fare un breve recap per capire cosa potrà esserci nella prima città al mondo che sarà intitolata appunto a Bitcoin. Una città che dovrebbe essere senza capital gain tax e con una serie di vantaggi per imprese e professionisti a tema Bitcoin che vi si trasferiranno. E non è finita qui, perché verrà utilizzata anche l’energia geotermica di cui il paese è ricco.

Usata per cosa? Per alimentare la città, ma con ogni probabilità anche per dare energia praticamente a costo zero a tutte le imprese di mining Bitcoin che vorranno trasferirsi da quelle parti. Cercando così di creare dei circoli virtuosi in grado di trasformare questo angolo di mondo davvero in una sorta di capitale di Bitcoin.

Una rappresentazione sicuramente molto suggestiva, che in meno di 24 ore ha fatto letteralmente il giro del mondo tra gli appassionati, ma che ovviamente – e vogliamo sottolinearlo – rappresenta ancora un concept che ha bisogno di esser sviluppato. Ci vorrà il tempo che ci vorrà, dopotutto neanche Roma fu costruita in un giorno. Serve però questa condivisione ad aumentare, o meglio, a far tornare un po’ di hype verso El Salvador, ultimamente caduto come ambito un po’ nel dimenticatoio.

Presto anche i Bitcoin Bond?

Dovrebbe essere questo il caso, dato che il paese aveva promesso un ritardo soltanto momentaneo nell’emissione dei titoli di debito che, tra le altre cose, dovrebbero anche finanziare lo sviluppo della megalopoli dedicata a Bitcoin.

Emissione poi rimandata a causa di problemi interni nel paese e a condizioni economiche sicuramente non ottimali sui mercati internazionali. Situazione sui mercati internazionali che però non parrebbe essere affatto più calma rispetto alla data in cui fu rimandata l’emissione dei titoli.

Rimane questa una delle incognite più grandi intorno a questo progetto, che però, dato l’hype che sta raccogliendo, potrebbe avvicinare davvero un gran numero di investitori. Staremo a vedere.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

4 commenti

  1. Gaetano Di Chiara

    Peccato che il Bitcoin sta crollando e El Salvador rischia la bancarotta ( leggi default) !!!

    • … e anche oggi BTC è morto. Per la quarantesima volta. Ah no scusa, STA morendo. Anzi, stava morendo. Se Bitcoin perde il 30% in una settimana ed è morto che dire di Netflix che ha perso il 60%? E’ già cadavere!!!
      Meglio di Kenny in SouthPark 😀

  2. Gaetano Di Chiara

    Purtroppo internet è pieno di questi articoli che tendono a convincere gli sprovveduti ad acquistare bitcoin anche in un momento del genere, cioè di una dimostrazione chiara della pericolosità di affidare a Bitcoin i nostri soldi.

    • E pensa che tu questi articoli li leggi anche se sembra chiaro che non ti interessano 🙂

      Io quand’ero pischello andavo ai cineforum impegnati, anche se mi facevo 2 cojoni enormi, perché almeno si cuccava sicuro 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *