Home / Da Diem a Bitcoin e Lightning | L’avventura di David Marcus

Marcus Bitcoin Lightning

Da Diem a Bitcoin e Lightning | L’avventura di David Marcus

È nata Lightspark, startup basata su Bitcoin e Lightning Network. A capo delle operazioni c’è una vecchia conoscenza del mondo cripto: David Marcus. Il padre del diversamente fortunato progetto LibraDiem torna all’ovile, portandosi dietro parte del team di sviluppo che lo seguiva ai tempi di Zuckerberg.

Il figliol prodigo si dice pronto a sfruttare le opportunità che il buon vecchio Bitcoin ha da offrire, approfittando a suo dire del momento di flessione generale che i mercati cripto stanno vivendo.

David Marcus sceglie Bitcoin
Bitcoin colpisce ancora: Marcus si lancia nel settore pagamenti

Segno anche questo, se vogliamo, del fatto che a prescindere dalla potenziale crisi di prezzo Bitcoin continua ad essere un forte riferimento del settore. Possiamo investirci con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con tutti i TOP STRUMENTI – intermediario che ci permette di investire oltre che su Bitcoin su 63+ cripto asset, scelti tutti tra quelli utilizzati dai professionisti.

Abbiamo ad esempio il CopyTrader, sistema che ci permette di investire copiando i migliori investitori con un solo click e che ci permette inoltre di spiare come si stanno muovendo. Abbiamo anche strumenti quali gli Smart Portfolios, ottimi per chi cerca un investimento diversificato in stile ETF. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Marcus di Facebook sceglie Bitcoin e Lightning

David Marcus lascia Facebook per concentrarsi sui pagamenti crittografici: la piattaforma sarà Lighting Network, a testimonianza del grande ascendente che Bitcoin esercita su chi deve fare cose… serie. Finiscono così le stable-velleità del cofondatore di Diem, che ha abbandonato la famiglia di Menlo Park sul finire del 2021 per aprire ora un’azienda tutta sua.

Ma c’è di più: Marcus ha trascinato nell’avventura alcuni personaggi che occupavano ruoli chiave, nel progetto Diem/Libra. Si tratterebbe di figure dirigenziali, a dimostrazione (tutta nostra) del fatto che il team di lavoro è valido.

Lightspark riceverà i primi finanziamenti da Zeev Ventures, Ribbit Capital, Coatue, Felix Capital, Matrix Partners, Thrive Capital. A capo della cordata, Paradigm e a16z Crypto.

A nostro modo di vedere le cose Marcus non ha tutti i torti, anzi sembra vederci (di nuovo) chiaro. Abbiamo già raccontato del quasi funerale di Diem, nonostante l’enorme potenza di fuoco di Zuckerberg e soci.

L’ex Facebook da una parte approfitta della flessione dei mercati cripto per cercare di fare margine col neonato progetto Lightspark, dall’altra si rende conto che le stablecoin non solo possono non decollare come successo a Diem, ma sono evidentemente esposte a rischi che non hanno tardato a manifestarsi in questi giorni. Il disastro Terra Luna non fa di Marcus un veggente, ma forse gli da ragione.

Bitcoin continua a dominare

Sempre perché non vogliamo mettere il dito nella piaga, ci rivolgiamo in questa sede a chi si sta affacciando al mondo cripto in generale: Bitcoin e la blockchain, con tutti i limiti di velocità ed efficienza endogeni soprattutto nel layer 1, restano ancora il punto di riferimento per l’ecosistema cripto.

Di Bitcoin e blockchain ne abbiamo parlato anche con Giacomo Zucco

Se poi di limiti vogliamo parlare, perché le cronache di questi giorni, come correttamente hanno detto in molti, stanno facendo pensare ai più che se qualcosa non è supportato da Bitcoin, ci saranno pure degli ottimi motivi.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *