Home / KuCoin NON è a rischio fallimento | Parla il CEO – Analisi

CEO KUCOIN SALVO

KuCoin NON è a rischio fallimento | Parla il CEO – Analisi

No, KuCoin non ha problemi di liquidità e non sta per fallire. Questo almeno secondo quanto ha dichiarato il CEO del gruppo, in risposta ai rumors che stanno circolando ormai da qualche giorno sui social network.

Rumors che sono piuttosto preoccupanti tenendo conto del fatto che da un lato ci si aspetta la sofferenza di qualche exchange di seconda fascia e che dall’altro non è chiaro ancora se il contagio innescato da Terra Luna e poi 3AC sia in realtà giunto al termine.

Le rassicurazioni offerte dal CEO di KuCoin arrivano dunque a rasserenare gli animi in una settimana ancora piuttosto complicata per il mercato cripto e per Bitcoin. Mercato che in molti credono abbia trovato un bottom sul quale possiamo investire con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito e con i migliori strumenti – intermediario che ci offre accesso finanziario a 75+ cripto asset scelti tra i migliori anche in prospettiva futura.

Al suo interno possiamo trovare anche il CopyTrader, straordinario strumento di trading automatico tramite il quale copiare con un solo click i migliori. Per chi preferisce invece investire di testa propria abbiamo gli Smart Portfolios, che ci permettono di investire su panieri di criptovalute. Senza costi aggiuntivi e senza complicazioni. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Solo FUD: KuCoin non avrebbe esposizione verso Terra Luna e 3AC

La paura iniziata a circolare sui social network nelle ultime ore (e a questo punto probabilmente creata ad arte) riguarda uno dei nomi più noti del panorama degli exchange di criptovalute. Parliamo infatti di KuCoin, che in molti hanno ritenuto in qualche modo e a qualche livello esposto verso Terra Luna e il suo crack e anche nei confronti di Three Arrows Capital, che ieri ah portato i libri in tribunale e che si trova ad affrontare una questione molto complicata sotto il piano societario.

Nessuna esposizione dal CEO di KuCoin
Il CEO di KuCoin scaccia i pettegolezzi

Questione complicata che probabilmente avrà come effetto principale quella di lasciare a bocca asciutta e che ha innescato una serie di fallimenti, problemi di liquidità e preoccupazioni anche all’interno di altri operatori di mercato. Con KuCoin che è stata l’ultima vittima del FUD, con notizie che a questo punto possono essere ritenute prive di fondamento riguardo l’eventuale blocco dei prelievi per gli utenti. Situazione sulla quale è intervenuto Johnny Lyu, che è CEO del gruppo, che ha chiarito la situazione tramite un Tweet esplicativo.

Attenti al FUD! Non ho idea di chi stia diffondendo questi rumors infondati e non ho idea di quali siano le loro intenzioni ma KuCoin non ha alcuna esposizione verso LUNA, 3AC, Babel, etc. Nessuna “enorme sofferenza” dal collasso di coin, nessun piano di arresto dei prelievi. Tutto da KuCoin è sotto controllo. Alcuni fatti recenti su KuCoin, così da potervi fare la vostra idea. Abbiamo raccolto 150 milioni di fondi a maggio, valutazione 10 miliardi. Siamo una delle poche piattaforme che stanno ancora assumendo. Siamo più attivi nel bear market, lanciando nuove funzionalità come gli ordini OCO, coppie fiat, etc. Essere trasparenti è sempre stato uno dei nostri principi chiave. Presto pubblicheremo un report sul nostro primo semestre 2022, così potrete saperne di più sulle nostre operazioni. Per i FUDers che diffondono informazioni non verificate pubblicamente, ci riserviamo il diritto di adire le vie legali.

Messaggio piuttosto duro e stringato che rispedisce dunque al mittente qualunque tipo di dubbio riguardo la solidità dell’exchange, che rimane uno dei principali player mondiali nonostante si tratti di un intermediario relativamente poco utilizzato in Italia.

Gli exchange sono sicuri?

SBF, il CEO di FTX, ha affermato pochi giorni fa che diversi exchange di terza fascia potrebbero avere problemi di liquidità. Qualcosa che ha innescato un certo panico tra gli utenti, che effettivamente non sanno ormai, in una serie di fallimenti a catena di chi potersi fidare.

Noi ne abbiamo parlato su Twitter, con qualcuno che forse si è fatto prendere da un panico ingiustificato. Cogliamo dunque l’occasione per ricordare a tutti i nostri lettori che avere piena ed esclusiva disponibilità dei propri coin e token è una pratica di buon senso sempre, e lo è in particolare in momenti in cui tutti fanno fatica a fidarsi degli altri. Vuol dire che l’exchange che avete scelto è prossimo al fallimento? Assolutamente no. Ma perché correre comunque rischi inutili, mentre “ritirando” i nostri coin e token potremmo dormire sonni tranquilli anche durante una fase di mercato ancora densa di preoccupazioni per la salute di certi operatori.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *