Home / Ethereum guida la riscossa cripto | Volano anche gli L2 Polygon e Loopring

Ethereum vs Layer 2

Ethereum guida la riscossa cripto | Volano anche gli L2 Polygon e Loopring

Tutti lo avevano dato per spacciato. Tutti lo vedevano andare a zero in poco, pochissimo tempo, invece almeno sotto il profilo finanziario Ethereum ha dimostrato di essere ancora forte e di poter dire la sua. Questo è quanto stiamo imparando in queste ore, con un mercato molto vivace che ha visto proprio nel secondo cripto asset per capitalizzazione di mercato una guida.

E abbiamo imparato anche altro: come diciamo da tempo su Criptovaluta.it, i layer 2 migliori non sarebbero stati in conflitto finanziario e di attenzione da parte degli investitori, perché ci sarebbe stato spazio per tutti e perché in realtà risolvono problemi che Ethereum non potrà risolvere anche dopo il merge. In questo caso parliamo dell’ottimo Polygon $MATIC, sicuramente il migliore della settimana, ma anche di altri l2 insospettabili, come ad esempio Loopring.

Tutti e tre asset che possiamo trovare su eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con il MEGLIO DEL FINTECH a disposizione – intermediario che ci permette di investire su tutti i migliori asset del mondo cripto, con 75+ che sono già presenti a listino.

Abbiamo anche la possibilità di avere accesso al CopyTrader, il miglior sistema di trading automatico a livello mondiale, dato che ci permette con un solo click di accedere alla copia dei migliori trader. E abbiamo anche strumenti di investimento diversificato, su tutti gli Smart Portfolios che includono nel loro paniere tutte le migliori cripto del momento. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Ethereum guida la riscossa: cosa c’è da sapere

Della prossimità del merge anche su mainnnet di Ethereum abbiamo parlato poco fa, sottolineando come sia stato almeno in parte veicolo del ritornato entusiasmo intorno ad Ethereum. Finalmente dovremmo esserci, e anche le preoccupazioni per il ritorno in commercio (in realtà molto diluito nel tempo) di tutti gli $ETH messi in staking si sono rivelate per quello che sono: panzane utili ad ottenere qualche click ma con nessuno tipo di legame con la realtà.

La verità che ora i mercati ci raccontano è che l’enorme crollo di valore di Ethereum nelle scorse settimane si è rivelato essere eccessivamente punitivo e figlio di un panico che ha colpito in generale i mercati di rischio, con quello delle criptovalute che si è confermato come destinazione principale per gli orsi e per chi cercava denaro facile dagli short.

Orsi che sembrerebbero aver finito, almeno per adesso, le cartucce e che dovranno fare i conti con un mercato che ha ritrovato, almeno parzialmente, una sorta di entusiasmo. Entusiasmo che vede Ethereum addirittura finanziariamente più forte del mondo legato a Bitcoin. Una situazione interessante, con un guadagno di quasi il 50% dai minimi toccati. Ovvero, in rapporto, come se Bitcoin fosse intorno a quota 26.000-27.000$. Bitcoin che invece ha superato solo oggi quota 22.000$, pur dimostrando una certa forza in termini di potenzialità di recuperare livelli di prezzo più interessanti.

La seconda grande verità: i layer 2 non sono in competizione con Ethereum

Quando lo abbiamo scritto le prime volte su Criptovaluta.it qualcuno si è dichiarato enormemente scettico, ritenendo Ethereum quasi inutile se soluzioni come Polygon Matic avessero preso effettivamente piede. Quello che ci raccontano i mercati durante questa settimana – e che continueranno a fare in futuro – è che però in realtà gli andamenti sono ancora paralleli nella stessa direzione. Perché per l’appunto la crescita enorme di Ethereum non ha in alcun modo ridotto quella di protocolli come $MATIC e Loopring.

Ethereum e Loopring e Matic in parallelo
Layer 2 ed Ethereum in parallelo
  • Polygon sfrutta i tanti accordi chiusi nelle ultime settimane

Anche questo è qualcosa che avevamo messo nero su bianco: una minima normalizzazione di quanto avviene sui mercati avrebbe portato all’esplosione di $MATIC, grazie a decine di accordi chiusi con grandi gruppi. Ultimo in ordine temporale è stato quello con Disney, e ne arriveranno ancora tanti altri. Nel complesso qualcosa di prevedibile – e chi ci legge ogni giorno può confermarlo.

  • Anche gli altri l2 possono avere un futuro brillante

L’arrivo del merge non sarà una condanna per i tanti layer 2 che hanno raggiunto un buon grado di diffusione e un buon livello di capitalizzazione. La performance di Loopring nelle ultime 24 ore e durante l’ultima settimana dimostrano, ancora una volta (ed è verificabile) che avevamo ragione. Impariamo, durante questa fase complicata per i mercati, tra chi parla con dati alla mano e seguendo quello che i mercati indicano e chi invece trae conclusioni strampalate. Da guardare per i prossimi mesi sia Loopring, sia Immutable X.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

One comment

  1. Buongiorno a tutto il gruppo. Bitcoin ed Ethereum oggi stanno trascinando con se il mercato delle altre cripto più piccole. Con il miglioramento del sentiment gli altcoin tendono ad essere altamente volatili imitando esageratamente il comportamento delle principali cripto.
    Il dominio di Bitcoin sulle cripto più piccole sembra essere in calo, cresce invece il ruolo della rete Ethereum su cui si basa la stragrande maggioranza delle moderne tecnologie. Ma la notizia più importante è che per la prima volta nella storia Ethereum potrebbe diventare il motivo per la crescita di Bitcoin. Ethereum potrebbe essere paragonato come il nuovo petrolio all’interno di tutto il sistema. Non me la sento di fare previsioni sulla fine del bear market e l’inizio di una nuova bull run ma sicuramente al raggiungimento di ogni nuovo massimo storico c’è una nuova caduta, come si diceva in passato “é troppo bello che può solo peggiorare”. Buona giornata e un saluto al mitico Gianluca Grossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *