Home / Anche Santander Brasile su Bitcoin e cripto | Si parte tra pochi mesi con il trading

SANTANDER CRIPTO

Anche Santander Brasile su Bitcoin e cripto | Si parte tra pochi mesi con il trading

Anche Santander Brasile si appresta ad offrire servizi di trading di criptovalute ai propri clienti. È questa la notizia del giorno, con il CEO del gruppo nella divisione carioca che ha confermato che tutto sarà pronto nel giro di pochi mesi.

Altro passo in avanti molto importante per l’intero comparto, che avrà tra le sue fila un altro grande gruppo bancario tanto d’affari quanto retail, gruppo che in realtà, come vedremo, è già attivo in Europa su diversi fronti del mondo Cripto.

Ottimo segnale per tutto il comparto, mercato al quale potremo accedere anche con Capital.comvai qui per ottenere un conto gratuito di prova con CAPITALE VIRTUALE ILLIMITATO e servizi TOP – intermediario che ci permette di investire su diversi strumenti cripto, con 476+ asset a listino, dai più comuni e popolari a quelli meno conosciuti.

Abbiamo a disposizione MetaTrader 4 e TradingView, piattaforme utilizzate anche dai professionisti del trading su altri mercati. Per chi vuole accedere invece via browser è disponibile il WebTrader, che ci permette di operare anche con intelligenza artificiale per scoprire errori nella composizione del nostro portafoglio. Con 20€ possiamo investire con il conto reale di trading dopo aver testato la demo.

Santander Brasile offrirà servizi di trading sulle criptovalute

Bitcoin ma non solo. Santander metterà a disposizione della propria clientela l’accesso ai mercati delle principali criptovalute, in quella che è una mossa importante anche data la rilevanza del gruppo a livello mondiale. Un banca che è, lo ricordiamo ai nostri lettori, la principale della Spagna per volumi e anche per numero di clienti.

Santander punta su Bitcoin e cripto
Brasile al top del comparto cripto e Bitcoin

Ci aspettiamo di essere pronti nel giro di pochi mesi, chissà, durante le prossime trimestrali o anche prima. Riconosciamo che il mercato [delle criptovalute, NDR] è qui per rimanere e la nostra non è necessariamente una reazione ai competitor che provano a posizionarsi. È semplicemente il riconoscimento della richiesta dei nostri clienti per questa categoria di asset, così dovremo trovare il modo corretto (anche a livello informativo) per farlo.

Questo il commento di Mario Leao, che è CEO della divisione brasiliana del gruppo, in un paese dove in realtà a tema cripto si sta muovendo molto, anzi moltissimo in termini di mercato delle criptovalute.

Questo in un paese, aggiungiamo noi, dove si è già mosso un importante competitor soltanto qualche giorno fa e dove la borsa ospita già ETF su Bitcoin e su altre criptovalute. Non è dato sapere per il momento quanto sarà vasta l’offerta di Santander, anche se tutto lascia intendere che ci sarà accesso quantomeno alle principali criptovalute per capitalizzazione di mercato.

Sudamerica terra di elezione per il mondo cripto?

Parrebbe di sì. Non solo il Brasile si è lanciato come hub, con impegni importanti anche sul piano pubblico, con Rio de Janeiro, ma ci sono anche movimenti importanti, dal basso, in paesi che sono falcidiati dall’inflazione come Argentina e Venezuela.

Tutto questo nonostante in molti, tra i detrattori del settore, continuano a sognare la scomparsa del settore. Cattive notizie: non sparirà, e non sparirà anche perché hanno dovuto arrendersi all’ondata di novità e di libertà rappresentata dal comparto i grandi gruppi finanziari. Per interesse loro, ci mancherebbe, ma comunque in prima linea.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *