mercoledì , 28 Settembre 2022

Home / Luna Classic vola sul mercato! | Burn proposal di LUNAC piace agli speculatori

LUNA CLASSIC VOLA

Luna Classic vola sul mercato! | Burn proposal di LUNAC piace agli speculatori

Luna Classic non è morta, almeno stando a quanto sta avvenendo sul mercato e alle speranze di molti, che hanno in realtà acquistato ai minimi, di fare la cavalcata della vita verso la ricchezza: elementi questi che se messi insieme dovrebbero creare eccitazione nei più spericolati e qualche spunto di riflessione nei più ragionevoli.

Il rally in termini di prezzo nel giro di poche ore ha riacceso l’attenzione su un progetto dato per morto ma che, a quanto parrebbe è ancora portato avanti da un gruppo sparuto ma insistente di sviluppatori e validatori. A spingere il prezzo in alto del token, che deve esser considerato come altamente speculativo.

LUNC o Luna Classic che è comunque ancora disponibile su eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con strumenti crypto trading attivi – intermediario che ci permette di investire nel complesso su 78+ asset cripto scelti tra i miglior e anche tra i più speculativi.

Abbiamo inoltre il CopyTrading, sistema che garantisce la copia dei migliori che operano su eToro con un solo click. Abbiamo anche gli Smart Portfolios per chi vuole investire al top in panieri cripto diversificati. Con 50$ di versamento minimo possiamo poi passare al conto reale.

LUNC propone una tassa di burn dell’1,2%

A far schizzare in alto il prezzo di $LUNC nelle ultime ore è stato con ogni probabilità il proposal che vorrebbe inserire nel prossimo aggiornamento un tax burn dell’1,2%. In soldoni l’1,2% di ogni transazione verrà bruciato e quindi rimosso dalla circolazione, qualcosa che dovrebbe nel tempo ridurre in modo importante la quantità di circolante, con un effetto rialzista, ferma la domanda, per il token $LUNC.

BUrn terra luna fa volare LUNC
Il proposal di burn piace molto

Non è qualcosa di nuovo anche se poche volte forse lo abbiamo visto fare con queste proporzioni, e quindi è partita una sorta di caccia al token che ne ha determinato una crescita importante. Il tutto all’interno di un ecosistema che sta cercando molto lentamente di ripartire e che avrebbe dei piani anche per rilanciare lo stablecoin legato al gruppo, anche questo oggetto di studio nel momento in cui scriviamo.

Di carne al fuoco ce n’è, anche se invitiamo tutti a prendere con le pinze i movimenti di breve periodo, che sono frutto di entusiasmo che è cresciuto a fronte della catastrofe di qualche mese fa, e quindi di fronte ad una domanda prossima allo zero, con la possibilità che in molti provino a chiudere in attivo.

C’è un futuro per Luna Classic?

Difficile a dirsi adesso. Siamo infatti davanti ad un progetto che aveva raggiunto lo zero assoluto e che dunque non ha avuto molta difficoltà a riprendere un minimo di crescita. È molto difficile, anzi impossibile che si torni ai fasti di un tempo, che senza ombra di dubbio erano legati anche ad Anchor e ai suoi ritorni fuori dal comune e fuori dal mercato.

Qualcosa che sarà impossibile da replicare, vuoi perché il sistema ha ampiamente dimostrato di non poter essere sostenibile, dall’altro perché gli utenti e gli investitori dovrebbero aver mangiato al foglia, rimanendo per quanto possibili da certi meccanismi.

Per tutto il resto rimarremo alla finestra a guardare quanto di buono, eventualmente, potrà nascere da Luna Classic, ovvero dalle ceneri di uno dei progetti nati, cresciuti e crollati nel modo più incredibile.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.
Criptovaluta.it è su Google News !
Resta aggiornato sulle ultime news elaborate dal centro studi di Criptovaluta.it per Google News - clicca su questo link e poi sulla stellina ⭐ in alto a destra.

Iscriviti alla newsletter

2 commenti

  1. beh la speranza c’è… ed è già meglio che non averla del tutto… dando per persi gli acquisti fatti a 30 USD, cosi come quelli fatti durante il crollo a prezzi comunque sempre troppo alti, per ora mi tengo l’infinità di token acquistata pochi minuti prima del delisting finale, a 0.0000024 USD… si, sono tra quelli nominati nel primo paragrafo, che avendo acquistato ai minimi è perlomeno in sella per la cavalcata verso la ricchezza… non succede eh, ma se succede………….

  2. Ma non farmi ridere.. a breve crolla a 0,0000000004 forse non va a 0,000000000000

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *