Home / Analisi prezzi Dogecoin | In fase laterale e bassa volatilità

Analisi prezzi Dogecoin | In fase laterale e bassa volatilità

Dogecoin (DOGE) è la criptovaluta meme per eccellenza, in questi ultimi mesi non sta vivendo un gran momento. Soprattutto aveva abituato trader e fans a spike violenti, molto adatti al trading speculativo, con Dogecoin che faceva gain a doppia e tripla cifra. Il tutto, spesso grazie al tweet magico di Elon Musk, che se tutto ciò fosse accaduto in mercati regolamentati, gli avrebbe nella maggior parte dei casi, comportato problemi di manipolazione dei prezzi.

Mancano i tweet di Musk

Venuto a mancare il drive market per Dogecoin con il silenzio di Musk, possiamo vedere dal seguente grafico weekly che il prezzo dopo la forte discesa, partita dai massimi di Maggio’21, in questi mesi estivi si è molto appiattito. Sostanzialmente DOGE da Giugno è entrato in un fase di congestione evidenziata dal box in azzurro, che lo comprime tra 0,053$ e 0,088$ in un range di circa il 65%.

Doge
Dogecoin – weekly

Dogecoin dal grafico weekly, cosa si deduce

Con le frecce arancioni, sono evidenziati, una serie massimi decrescenti, che partano dal Maggio’21 fino ad oggi. In aggiunta abbiamo una diagonal trend discendente e la Media Mobile a 20 periodi (Sma20). Si può notare, come fino ad oggi, il prezzo di DOGE abbia sentito la Sma20 che ha fatto da repulsore. Dal grafico weekly, possiamo fare un primo ragionamento di lungo periodo, che porta ad evidenziare, un segnale di ripartenza serio, lo avremmo solo con una prima rottura dei massimi decrescenti tra 0,017/18. Per cominciare questo percorso, sarà comunque importante che Dogecoin, inizi anche ad inanellare una prima serie di minimi crescenti.

Doge è vicino alla base del box

Tagliando il tempo e scendendo su un grafico time frame daily, entriamo su quello che è successo in questi ultimi mesi estivi. Il box di congestione dove si è mosso Dogecoin è molto più evidente, così come è evidente che in questa fase il prezzo è molto vicino alla base del box ed ai minimi di periodo.

Dogecoin
Dogecoin – daily

Inoltre anche il setup degli indicatori, su base giornaliera, è in negativo da circa un mese, a conferma della debolezza. Al momento non sono vicini ad aree di ipernegatività, tali da far presupporre un rientro, con relativa ripartenza di DOGE. Altro dato è relativo alla volatilità che al momento risulta molto bassa, come è tipico di una congestione. Attenzione che usualmente i picchi maggiori di volatilità si hanno in presenza di accelerazioni ribassiste, mentre sui rialzi sono più contenuti.

I supporti di Dogecoin se rompe il box

Se Dogecoin perde la base del box di congestione, in area 0,053$ scivolerà verso il supporto dato dai minimi di Giugno a 0,048$. Successivamente abbiamo dei livelli supportivi statici a 0,044$ e poi il successivo verso livelli più siderali in area 0,027$ che dal prezzo attuale corrisponde ad una perdita di oltre -50%.

E’ giusto anche ragionare sul lato lungo del mercato, con un rialzo di Dogecoin. All’interno della congestione, deve prima andare a rompere al rialzo il livello a 0,068$ e poi successivamente, il più importante a 0,073$. Ovviamente poi abbiamo la resistenza data dalla parte alta del box di congestione. Solo con il break out di quest’ultima area, si potrà andare a ragionare e valutare i livelli più alti verso 0,098 – 0,1$.

Info su Alessandro Lavarello

Profesional Trader, Analista tecnico, Socio SIAT, ha operato presso le sale trading di Twice Sim e poi IWBank.
Criptovaluta.it è su Google News !
Resta aggiornato sulle ultime news elaborate dal centro studi di Criptovaluta.it per Google News - clicca su questo link e poi sulla stellina ⭐ in alto a destra.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *