Home / Algorand: arriva importante serie NFT! | L’idea di Andrea Bonaceto

ALGORAND NFT BONACETO

Algorand: arriva importante serie NFT! | L’idea di Andrea Bonaceto

Christie’s batterà all’asta AB Infinite 1, opera NFT di Andrea Bonaceto coniata sulla blockchain di Algorand, che permetterà un’interazione con l’elaborato dell’eclettico artista digitale. Un sofisticato sistema di intelligenza artificiale elabora le reazioni del pubblico per trasformarle in elementi grafici del dipinto, che risulta così in continua mutazione.

L’asta si terrà all’interno di Frieze Week, una delle kermesse d’arte contemporanea più importanti al mondo che va in scena a Londra proprio in questi giorni.

Un altro ottimo segnale per Algorand, che si conferma come blockchain più in del momento, e che possiamo trovare tramite il suo token $ALGO anche su Capital.comvai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con INTELLIGENZA ARTIFICIALE INCORPORATA – intermediario di grande spessore e tra i migliori su scala mondiale anche per la qualità dei suoi listini, che hanno già incorporato 476+ cripto asset.

Al suo interno anche strumenti di livello professionale per l’analisi tecnica e anche per la gestione degli ordini anche complessi. Possiamo inoltre appoggiarci alla già citata intelligenza artificiale per analizzare il nostro portafoglio. Possiamo passare poi al conto reale con 20€.

Bonaceto sceglie Algorand

AB Infinite 1 ci offre uno spaccato della vita di Andrea Bonaceto, artista digitale di fama internazionale che ama plasmare su blockchain colori, poesia e musica. Un’opera in costante mutazione grazie all’intelligenza artificiale, che registra le reazioni del pubblico sui social media per tradurle in elementi grafici del dipinto stesso.

NFT ALGORAND BOOM
Ancora Algorand in NFT

Un’approccio fortemente innovativo per un’opera interattiva che va a sondare sempre nuove possibilità espressive grazie alla blockchain di Algorand, protocollo su cui si basa il lavoro di Bonaceto.

La partecipazione di Christie’S dimostra l’importanza dei Non Fungible Token all’interno del panorama artistico contemporaneo. La collaborazione con la blockchain di Algorand stabilirà nuovi standard per i NFT al servizio dell’arte digitale.

Queste le dichiarazioni di Shamir Ozery , Head of Web3 in Algorand Foundation, che sottolinea da una parte il carattere innovativo dell’iniziativa, e dall’altra riflette sull’adozione della tecnologia NFT all’interno dei circuiti tradizionali.

Una tecnologia già ampiamente utilizzata non solo di Christie’S, che di recente ha aperto il suo mercato NFT con una collezione dedicata all’artista digitale Diana Sinclair, ma anche da altre case di pari caratura.

È il caso ad esempio di Sotheby’s, altro soggetto che può vantare altrettanta autorevolezza nello stesso settore, che di recente ci ha fatto scrivere di Tree of Life, collezione NFT con la quale il maestro della fotografia Sebastião Salgado inaugurava il suo ingresso nel Web3, e legata a un’iniziativa di beneficienza.

Un’opera diversa dalle altre

I casi che abbiamo appena riportato sono funzionali per inquadrare lo scenario nel quale si inserisce AB Infinite 1, l’opera multimediale con la quale Andrea Bonaceto vuole rappresentare il momento presente della sua esistenza e rendere omaggio a maestri del calibro di Picasso e Kandinsky.

Sono davvero onorato, perché Christie’s tratterà le mie opere insieme a veri e propri capolavori che arrivano dall’arte tradizionale. I Non Fungible Token sono per me uno strumento espressivo, e mi danno modo di dare forma a concetti molto profondi. AB Infinite 1 ha visto la luce così com’è solo grazie allo standard ARC-19 di Algorand, che permette al dipinto di modificarsi in base alle interazioni del pubblico sui social.

Andrea Bonaceto ci dà un’idea di come la blockchain risulti funzionale all’esistenza stessa della sua creazione, e non solo alla seppur centrale questione di garanzia, in termini di autenticità e originalità. Il protocollo diventa il motore stesso su cui prendono le vita le variazioni sul tema, configurandosi così come ulteriore strumento espressivo nelle mani dell’artista.

Un’installazione interattiva, se possiamo così definirla, che non mancherà di attirare l’interesse di appassionati d’arte, non solo contemporanea. Un omaggio ai grandi del passato e insieme alle più recenti forme espressive: un mix reso possibile solo grazie alla blockchain di Algorand e all’estro del geniale Andrea Bonaceto. E magari chissà, domani potremmo ammirare le sue creazioni al MoMA, che già ospita i capolavori degli artisti a cui lo stesso Bonaceto si ispira. Glie lo auguriamo.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *