Home / JP Morgan: dichiarazioni SHOCK! | FTX crack CEX e NON DeFi o crypto…

JP MORGAN CRYPTO DEFI

JP Morgan: dichiarazioni SHOCK! | FTX crack CEX e NON DeFi o crypto…

Finché eravamo (quasi da soli) noi a dirlo, ci si poteva anche passare sopra. Ma questa volta a parlare è JP Morgan, banca internazionale di primissima fascia, che sottolinea in uno dei suoi report come il recente crack di FTX abbia in realtà molto poco a che fare con il mondo della finanza decentralizzata.

Sì, come avevamo letto qui e come in pochi (ma buoni) continuano a sostenere in ogni discussione pubblica e non, quanto avvenuto a FTX non c’entra nulla con il comparto che seguiamo ogni giorno qui su Criptovaluta.it, con anzi il mondo della DeFi che ha dato dimostrazione ampia di funzionare senza perdere colpi anche quando ci sono momenti di crisi di questa portata.

Un mondo cripto che prova a raccogliere i cocci e che viene scambiato ai prezzi minimi dell’anno, cosa che per molti potrebbe essere una sorta di occasione, da valutare però insieme ai rischi che questo tipo di mercato implica. Possiamo investire sul mercato con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con STRUMENTI AUTOMATICI di trading e molto altro – intermediario che ci permette di investire su 78+ cripto asset e di fare trading con strumenti professionali.

Al suo interno oltre al WebTrader che include analisi tecnica e gestione degli ordini, anche il gettonato CopyTrader, per copiare i migliori e per spiare le loro mosse. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale di trading che offre tutti gli strumenti anche ai piccoli investitori.

Anche JP Morgan lo ammette: il fallimento di FTX…

…è questione che sottolinea il fallimento degli scambi centralizzati e non quello della DeFi. Opinione che non è estemporanea ma messa nero su bianco nel report sul mondo cripto che diffonde settimanalmente sul mondo delle mid e small cap del settore bancario.o

Mentre la notizia del collasso di FTX sta rinforzando i cripto-scettici, noi vorremo sottolineare il fatto che tutti i collassi recenti nell’ecosistema cripto abbiano interessato operatori centralizzati e non protocolli decentralizzati.

Qualcosa di assolutamente evidente per tutti coloro i quali hanno seguito da vicino la vicenda e forse meno a chi si è improvvisato pontefice e vaticinatore della catastrofe se non della morte imminente di tutto il comparto, partendo ovviamente da Bitcoin per poi scendere a cascata verso i principali protocolli del comparto altcoin.

JP MORGAN ANALISI
JP Morgan ci prova

Non è così, se n’è accorta anche JP Morgan (che pur avrebbe interessi a dire il contrario) e speriamo che anche altri se ne accorgano, in particolare tra quelli che vantano una certa credibilità e si stanno adoperando in queste ore per informare il grande pubblico su quanto accaduto.

La chiamata per la maggiore trasparenza degli exchange

All’interno del medesimo documento c’è anche una chiamata per una regolamentazione del settore, che eviti però di essere eccessivamente stringente e di essere conformata alle preoccupazioni attuali, fortemente ingigantite tanto dai media tanto dai politici che cercano di cavalcare l’onda.

Maggiore trasparenza però secondo JP Morgan che deve essere accompagnata anche da una review ove possibile degli stablecoin e delle loro riserve e da una minore leva utilizzata dagli operatori del settore principali, exchange compresi.

Aggiungiamo noi: sarebbe il caso che gli exchange, ammesso che qualcuno ancora lo faccia, smettano di avere commistioni con società di investimento e hedge fund, che finiscono poi al momento del tracollo per trascinarsi dietro anche la parte di business che dovrebbe essere sempre sana, perché ha in cassa i denari dei clienti.

Si fanno comunque dei passi avanti: qualcuno anche ai piani alti (e più vicini a quelli della politica) sembra aver finalmente capito la questione. Peccato che avrà probabilmente poca eco su quei giornali e quegli hub informativi che raggiungono il grande pubblico.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

5 commenti

  1. ormai è palese che JP stia puntando molto sulle crypto… volenti o nolenti, preparatevi ad avere un alleato che difficilmente vi sareste aspettati nel lungo cammino per la mass adoption 🙂

  2. JP, JP, già che c’è la J mi fa innervosire 😀😀, scherzo Jacopo dai, facciamo la pace qui pubblicamente, mostriamo al mondo che le divergenze di pensiero possono anche unire invece che dividere e scatenare guerre inutili.
    Detto questo a me JP sta sui ×#***^^^&^ e in casa non ce lo voglio!

    • E che pace sia… è stata la “guerra” più farlocca della storia 😀
      Io continerò a dire come la penso, sia chiaro, tipo che per me l’analisi tecnica è utile quanto le previsioni di frate indovino 😛 e non azzardarti a dirmi che sto insultando persone perchè sennò si riparte da capo… sono tutti capaci di difendersi da soli, se si sentono insultati 🙂

      Cmq tornando in tema, come dice sempre il buon Gianluca, Bitcoin (e le altre crypto) sono anche questo: sono lì per chi le vuole, cioè per tutti, non solo per chi vogliamo noi. E se le vuole Jp, può prenderle pure lui. Te ne dovrai fare una ragione 😛
      Quello che invece è una puttanata sono tutti i prodotti derivati della m**** che ne REPLICANO il valore: è un esatto attacco ad uno dei fondamenti delle crypto, la loro SCARSITA’ e NON STAMPABILITA’. Sarà questa la guerra che dovremo combattere: comvincere parenti ed amici a rifuggire come la peste da opzioni, futures, derivati, cfd e merda varia e tenere btc VERI (meglio eth :P) in autocustodia. Semplice a dirsi, meno a farsi. Io sto già facendo proseliti da parecchio, esponendomi anche mica male – sappiamo tutti che è un periodo di quelli che… ‘nzomma ‘nzomma 🙂
      Ma qui non si molla manco un eth 😉

      • A me piacciono le persone vere, con una personalità che difendono con le loro convinzioni.
        E preferisco di gran lunga le persone che mi ci mandano difendendo la loro posizione piuttosto che quelle che sono accondiscendenti e false.
        E ne conoscono upff se ne conosco.
        Tornando al discorso sì certo Btc ed Eth sono per tutti, per chi le vuole, ma io difendo la mia idea seppur me ne dovrò fare una ragione.
        Per quanto riguarda la divulgazione della lieta novella mi di da fare anch’io nel mio piccolo.
        PACE.
        SE IO POSSO CAMBIARE, SE TU PUOI CAMBIARE, NOI POSSIAMO CAMBIARE, TUTTO IL MONDO PUÒ CAMBIARE…….ADRIANAAAAA 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *