Home / Bitcoin, scende il dominio sul mercato delle criptovalute

felpa-bitcoin

Bitcoin, scende il dominio sul mercato delle criptovalute

Anche se è ancora largamente il leader, il predominio di Bitcoin sul mercato delle criptovalute continua ad essere in calo. Ad oggi, infatti, la criptovaluta più nota e capitalizzata del mondo ha una quota di mercato sul totale del 64,2%, con un calo di 3 punti base, o del 4%, in due settimane. Il che, in fondo, rinnova una questione fondamentale: il dominio di Bitcoin finirà nei prossimi anni o no?

Come sta cambiando il mercato?

Per comprenderlo,  iniziamo con il dare uno sguardo al mercato delle valute digitali. La capitalizzazione complessiva del comparto ha mostrato un netto aumento rispetto ai minimi di tre settimane fa: a quel tempo, condizionati da un panic selling che ha coinvolto tutti i mercati, flussi massicci di denaro uscirono dall’ecosistema criptovalutario.

Stando alle rilevazioni compiute, in quel frangente temporale il valore totale del mercato è sceso a 108 miliardi di dollari. Tuttavia, un timido ritorno di fiducia ha poi permesso di contabilizzare un guadagno del 91% nel market cap.

La scorsa settimana ha peraltro visto guadagni piuttosto significativi per molte valute “alternative”, con VeChain – ad esempio – che ha registrato quasi il 20% di crescita in meno di 24 ore. Digibyte e Chainlink la scorsa settimana hanno ottenuto rispettivamente il 16% e il 15%.

Bitcoin, leader incontrastato almeno nel breve termine

Detto ciò,  riteniamo tuttavia che questi “colpi” da parte delle altcoin non saranno in grado di scalfire la leadership di Bitcoin.

Durante l’attuale situazione economica, infatti, è facile prevedere che il predominio di Bitcoin aumenterà ancora, dato che gli investitori criptati cercheranno di assicurarsi le migliori posizioni utilizzando quella che è la criptovaluta più affidabile.  Secondo NewsBTC, ad esempio, il dominio di BTC raggiungerà il 90% entro la fine della crisi economica!

Su quale altcoin puntare?

È pur vero che in questo contesto in cui Bitcoin dovrebbe ancora affilare le armi, potrebbero emergere delle valute alternative in grado di ritagliarsi ben più di qualche marginale spazio.

Basti ricordare che all’inizio del 2017, l’altra grande epoca delle altcoin, molte delle valute si sono affermate come progetti credibili alternativi a quello di Bitcoin. L’esempio più ovvio è Ethereum, che è passato dall’essere una piattaforma utile per la creazione di smart contract, a (anche) una criptovaluta in grado di ergersi a seconda valuta digitale per capitalizzazione dietro Bitcoin.

Come investire nelle altcoin

Ricordiamo a tutti i nostri più attenti lettori che uno dei migliori modi per poter investire in altcoin è certamente quello di aprire gratis un conto presso un exchange regolamentato. Noi ti consigliamo di farlo con Coinbase (qui il sito ufficiale), e nella nostra recensione (qui) trovi tutti i motivi che supportano questa convinzione!

Ti invitiamo infine a seguire la nostra nuova pagina Facebook. Troverai in essa tantissimi suggerimenti per un miglior trading online e, inoltre, potrai avere un filo diretto con i nostri lettori e con il nostro staff.

Buon trading!

Info su Roberto Rossi

Giornalista pubblicista, specializzato in tematiche economiche e valutarie. Appassionato di fintech, è consulente degli investimenti finanziari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *