Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Philipp Plein: “Accetteremo le criptovalute per i pagamenti”

Philipp Plein: “Accetteremo le criptovalute per i pagamenti”

Non è la prima volta che mondo della moda e criptovalute si incrociano, anche se l’annuncio che è arrivato oggi ha davvero dell’incredibile.

Sì, il celebre marchio di moda Philipp Plein ha infatti annunciato una partnership con Coinify, gruppo recentemente acquistato da Voyager Digital, per accettare in futuro pagamenti in criptovalute.

Philipp Plein criptovalute - partnership con Coinify
Philipp Plein con Coinify per accettare le criptovalute

Una notizia storica per tutto il comparto cripto, sul quale potremo investire anche con la cripto-piattaforma eToro (qui per un conto demo gratuito per sempre e con tutte le funzionalità), che oltre ad offrirci le 29+ criptovalute migliori sul mercato, offre la possibilità di investire anche in panieri cripto in stile ETF, oppure di farsi guidare dagli altri con il CopyTrading, per copiare le loro posizioni con un click oppure per spiare come si stanno muovendo, in termini di ordini e di capitale.

La partnership tra il marchio tedesco e Coinify

La partnership che è stata appena siglata permetterà al marchio tedesco della moda Philipp Plein – insieme agli altri marchi controllati Plein Sport e Billionaire – di accettare pagamenti in criptovalute. Non sarà il primissimo marchio del lusso a farlo, dato che già Franck Muller e Hublot accettano Bitcoin e tutte le altre principali criptovalute ormai da tempo.

Una notizia che si innesta su un mercato delle criptovalute bullish, come non si vedeva ormai da diverse settimane, con il reach, anche in termini di pagamenti, dei principali circuiti in fortissima ascesa.

Credo che le criptovalute siano il futuro e con il mio team stiamo impegnando tempo e risorse, introducendo tutte le modifiche necessarie al sistema per accettare questo nuovo tipo di valute. Sono molto contento di poter offrire ai nostri clienti questa modalità di pagamento aggiuntiva e la flessibilità che questa comporta.

Così si è espresso il fondatore del marchio Philipp Plein, commentando la notizia dell’introduzione delle criptovalute all’interno dei sistemi di pagamenti supportati dai suoi negozi. Una scelta che è arrivata dalla partnership con Coinify, organizzazione della quale abbiamo parlato di recente in relazione alla sua acquisizione da parte di Voyager, notizia che ha portato la criptovaluta del relativo network ad una delle crescite più importanti per l’intero comparto.

Sempre più posti per pagare: le criptovalute ormai sono un must

Dalle case d’aste fino ai biglietti per le partite, passando per un’infinità di negozi, direttamente o indirettamente. Questo è un segnale forte per un comparto che era stato attaccato di frequente dai detrattori proprio per la sua incapacità di operare come valuta effettiva e dunque per i pagamenti in senso stretto.

Questi attacchi hanno però sempre meno collegamento con la realtà, dato che per l’appunto possiamo davvero spenderle ormai dove preferiamo. Che si tratti di Bitcoin o anche di Ethereum o di altre criptovalute nate proprio con questo scopo, ovvero quello di facilitare i pagamenti.

Un effetto a cascata che potrebbe essere rinforzato anche dall’introduzione a El Salvador, il prossimo 7 settembre, di Bitcoin come valuta avente corso legale. Tutto questo mentre sul fatto che si tratti ormai a tutti gli effetti anche di asset di investimento rimangono pochissimi dubbi. Tutte le principali banche d’affari offrono ormai BTC e le altre principali criptovalute come strumento e veicolo di investimento. Non per loro decisione, ma perché pressate dalle importanti (in termini di volumi) richieste da parte dei loro clienti.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *