Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / ETF Bitcoin ProShares è vicino al limite | Condannato dal grande successo

ETF Bitcoin ProShares è vicino al limite | Condannato dal grande successo

Sì, il primo ETF su Bitcoin della storia degli Stati Uniti è stato un enorme successo – e probabilmente ci sarà sufficiente spazio anche per quello di Valkyrie che ha fatto il suo debutto oggi. E anche per i prossimi.

La notizia, se vogliamo buffa, del giorno riguarda il particolare funzionamento della borsa CME di Chicago e i problemi che ProShares potrebbe avere a causa dell’eccessiva popolarità del suo ETF.

L’ETF di ProShares vicino al limite dei 2.000 contratti

Buona notizia? Ottima. Sono stati in moltissimi a investire il loro denaro su un titolo che replica l’andamento di BTC anche se tramite Futures. Una buona notizia sulla quale investire tramite eToro (vai qui per ottenere un conto virtuale gratis con tutte le funzionalità top incluse – intermediario con servizi fintech esclusivi al 100%.

Come il CopyTrader che offre la possibilità di investire con la copia dei migliori investitori in criptovalute o per spiare come si stanno muovendo all’interno del mercato. Con questo intermediario abbiamo a disposizione anche CopyPortfolios che includono diverse criptovalute insieme a BTC. Per passare ad un conto reale bastano solo 50$.

ProShares vicina al limite massimo di contratti futures che può detenere per legge

Una situazione estremamente curiosa quella dell’ETF ProShares, che ricordiamo ai nostri lettori essere stato il primo a quotarsi negli Stati Uniti, con gli scambi che sono attivi da martedì scorso. Bene, dato il grande successo dell’ETF il gestore si è già pericolosamente avvicinato alla quantità massima di contratti che si possono avere su un determinato mese al CME di Chicago – che è la piazza dove sono quotati appunto i futures sui quali si basa l’ETF di ProShareS.

Il limite massimo fissato dalle regole di questo mercato è di 2.000 contratti – con l’ETF di ProShares che ne controlla già 1.900, con soli 100 che sarebbero dunque ancora disponibili. Una situazione che potrebbe portare presto l’ETF a raggiungere il massimo.

Cosa accadrà in quel caso?

In quel caso ProShares potrebbe decidere di acquistare futures su Bitcoin a più lunga scadenza, ovvero trovandoci noi in ottobre adesso, con contratti in scadenza a novembre, e così via.

Ovvero la parte che l’ETF non potrebbe coprire con i rolling, il contratto a più breve scadenza, andrebbe coperta con contratti a 2 mesi, poi 3 mesi, e così via. Con qualche problema di carattere organizzativo e in termini di replica, perché ovviamente il prezzo di contratti a scadenze diverse può discostarsi, anche in modo importante.

L’arrivo di Valkyrie oggi alleggerirà un po’ la pressione?

In un venerdì da dimenticare per Bitcoin è stato anche quotato l’ETF Bitcoin di Valkyrie , fondo pressoché identico a quello di ProShares, che nel momento in cui scriviamo ha in cassa 44 CME Micro Bitcoin ad ottobre e 15 invece contratti di taglia standard, sempre in scadenza ad ottobre.

Gli holding di Valkyrie andranno rivalutati giorno per giorno – seguendo l’andamento dell’acquisto delle quote – ma tutto lascia pensare che potrebbe alleggerire almeno in parte la pressione che sta puntando su ProShares. E con l’arrivo di nuovi ETF – a partire dalla prossima settimana, il problema dei 2.000 contratti massimi al CME potrebbe essere superato.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *