Home / Bitcoin: Guida completa al re delle criptovalute

Bitcoin: Guida completa al re delle criptovalute

Cos’è e come funziona Bitcoin? Rappresenta una vera occasione per iniziare a fare investimenti per meri fini speculativi, oppure sono altri gli scopi per il quale è nato e viene diffuso? Seguendo questo video comprenderai le basi di Bitcoin e il perchè converrebbe la sua massiva adozione.

La nostra video intervista al massimo esperto internazionale di Bitcoin , Giacomo Zucco

Passiamo ora alla parte più speculativa che ruota intorno a Bitcoin. Fare trading sui Bitcoin si sta rivelando uno degli affari del momento e di certo un’occasione unica per fare trading su un mercato del tutto speciale che ormai praticano tutti i broker che si occupano di questa attività e che possono offrire sulle proprie piattaforme.

Oltre a parlare dei Bitcoin e spiegare nel dettaglio come funzionano, questa guida sarà utilissima perché intendiamo presentare anche gli intermediari finanziari migliori per entrare nel mercato delle criptovalute, del presente e del futuro, e farlo con le garanzie e la sicurezza di qualità che solo i migliori brokers di trading criptovalute sono in grado di offrire.

Da quando esistono i mercati finanziari davvero poche novità si sono rivelate come irriverenti e come possibile cambio di paradigma come si stanno rivelando i Bitcoin in questo momento.

Sono una valuta che sfugge ad ogni controllo e previsione, molto amata e molto osteggiata allo stesso tempo, ma per te non sono altro che un’occasione eccezionale per sfruttare i tuoi soldi e costruire una fortuna finanziaria che ancora pochi riescono a vedere.

Cosa sono i Bitcoin?

Nel 2008 un programmatore sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto ha lanciato questa moneta virtuale (uscita ufficialmente il 3 gennaio 2009) basandosi su una intuizione: distribuirla come fosse una release, un software da installare in un certo numero di macchine perché poi, da lì, altri potessero operarvi da remoto.

cosa sono i bitcoin
Bitcoin: guida completa – cos’è e come funziona

La creazione di valore di quello che era ed è semplicemente un lungo indirizzo che porta a questi miners è dato dal valore di scambio che ognuno è disposto ad attribuirgli rispetto a un bene concreto. Uno qualunque.

Ovviamente, dopo le prime creazioni di Bitcoin gli scambi hanno costituito il valore via via crescente o decrescente secondo le logiche economiche elementari, con la differenza (non da poco) che, pur essendo in grado di essere convertito, è fuori dal controllo delle riserve monetarie mondiali. Questo è un fattore che non va mai dimenticato e fa davvero la differenza in termini di libertà del settore e vantaggi per gli investitori.

Come funziona la rete Bitcoin

Tutto il sistema di bitcoin si basa su una rete informatica P 2 P ovvero peer 2 peer. Ovvero ci sono diversi nodi rappresentati da computer che non sono gerarchizzati come client e server. Si tratta di nodi paritari che possono servire sia da client che da server nei confronti di altri terminali della stessa rete.

I nodi sono atti ad avviare o completare transazioni, ma non esistono nodi centrali che abbiano un ruolo di controllo nelle transazioni o del funzionamento della rete stessa o della sua sicurezza. La rete si controlla da sola in base ad alcuni meccanismi matematici che vanno a costituire una blockchain.

Grazie a questo sistema si può capire bene perché dei bitcoin si è detto che si tratta di una moneta di libero scambio, nella quale si forma un libero mercato. Non esistono banche centrali che controllino e non esistono intermediari per il trasferimento del denaro.

Per la sicurezza e l’affidabilità di una moneta digitale i bitcoin dispongono sul sistema p 2 p di un qualcosa che è in grado di tenere traccia delle transazioni eseguite e ne garantisce l’autenticità e l’autorità. Un grande vantaggio dei bitcoin è che siccome non esistono banche centrali e nemmeno intermediari i costi di utilizzo del sistema sono ridotti al minimo. Non ci sono condizioni per aprire un conto e nemmeno la possibilità che un conto venga bloccato.

I bitcoin sono legali?

Si senza dubbio non ci sono precise leggi che li vietano specialmente in Italia. Sono una moneta riconosciuta, legale e autorizzata specialmente in rete, di qui poi ogni Paese si regola come preferisce per il suo utilizzo.

In alcune nazioni è ancora indefinito in altri la regolamentazione è in fase di lavorazione, quindi in parte il futuro dei Bitcoin dipenderà dal fatto di essere accettati e legalizzati dalle nazioni in giro per il mondo. Fino ad allora diventeranno qualcosa di veramente quotidiano. Ad esempio, il Financial Crimes Enforcement Netword (FinCEN), un ente del Ministero del Tesoro degli Stati Uniti, ha fornito una guida sulle valute virtuali. FincDa allora diventeranno qualcosa di veramente quotidiano.

Bitcoin può essere regolamentato?

Il protocollo di Bitcoin non può essere modificato senza la cooperazione di quasi tutti i suoi utenti, che scelgono quale software utilizzare. Cercare di assegnare dei diritti speciali ad un’autorità locale, secondo le regole attuali della rete globale di Bitcoin, non è, in pratica, possibile.

E’ comunque possibile regolare l’uso dei Bitcoin in modo simile a qualsiasi altro strumento. Proprio come l’euro, i Bitcoin possono essere usati per una grande varietà di scopi, alcuni dei quali possono essere considerati legittimi o meno a seconda delle leggi di ogni giurisdizione. La parola ultima spetta ai legislatori dei vari Paesi del mondo.

L’economia dei Bitcoin

Senza scendere in inutili particolari tecnici andiamo a descrivere come funziona l’economia dei Bitcoin. Essa si può riassumere in due registri. Uno è detto Transaction Chain. Serve a tracciare le transazioni in modo da garantire che chi paga abbia veramente la valuta nel suo portafoglio virtuale, l’altro sistema è la Blockchain che è indispensabile per la sicurezza del sistema.

La blockchain elimina del tutto la possibilità di truffe e quindi rende i bitcoin accettabili davvero per i pagamenti, quindi una moneta che si può utilizzare davvero e in tranquillità. Entrambi i sistemi dell’economia Bitcoin sono condivisi da tutti i computer sulla rete.

Per usare i bitcoin per pagare si comunica al sistema che il proprio wallet deve diminuire di una certa quantità e quello del ricevente aumenterà di una certa quantità. Saranno poi i nodi della rete a prendere nota dell’operazione all’interno del registro della Transaction Chain per poi rendere partecipi gli altri nodi.

bitcoin transazione
transazione dei bitcoin

Quali sono le differenze con una banca? Prima di tutto il registro delle transazioni non è tenuto in una singola istituzione ma da tutti i nodi della rete. Ogni nodo conosce le transazioni di tutti gli altri della rete Bitcoin, non solo i propri.

Ma come avviene una transazione?

Diciamo che l’uomo A voglia inviare soldi all’individuo B, per farlo A deve inviare alla rete la richiesta dove dice di voler effettuare la transazione e deve specificare i dati del conto di partenza e di quello di arrivo nonché la quantità di denaro che si desidera inviare.

Ogni nodo dove passa l’informazione trascrive la transazione e la passa agli altri nodi che la riportano sul loro registro e così via. L’uomo A può spendere quei soldi solo se non registrate correttamente tutte le operazioni che lo hanno portato in possesso di quei bitcoin.

Ogni input deve essere utilizzato del tutto in ogni transazione. Di conseguenza se si tenta di inviare una somma che non corrisponde a nessuno degli input ricevuti si deve inviare l’importo residuo a se stessi e poi inviarlo al destinatario.

Quando la transazione è stata effettuata viene considerata, usata e non potrà più essere riutilizzata.

Ma il sistema come fa ad accorgersi che sia stato il vero proprietario dei bitcoin ad inviare il pagamento e che abbia realmente la somma predefinita? C’è la firma digitale a garantire che tutto si svolga regolarmente, si tratta di un algoritmo matematico che impedisce la copia o la contraffazione delle operazioni di scambio.

La firma è il derivato di un meccanismo matematico molto sofisticato, formata da una chiave privata e una pubblica. La rete dei Bitcoin non salva un saldo come fanno le banche. Per fare le verifiche del mittente del pagamento per vedere se possiede la disponibilità di denaro da inviare, si fanno i collegamenti alle transazioni precedenti. Ecco spiegata la funzione della Transaction Chain.

Cos’è la transaction Chain di Bitcoin ?

Ad esempio se tu volessi inviare 5 bitcoin a un tuo amico dovresti fare riferimento ad altre volte in cui hai ricevuto 5 o più bitcoin. Quando si verifica la transazione da 5 che stai effettuando i nodi vanno a controllare direttamente che tu abbia davvero ricevuto quegli input.

La validità di ogni scambio quindi dipende da quello precedentemente effettuato. In realtà andrebbero verificate tutte le transazioni effettuate per garantire la sicurezza del sistema, non a caso quando si fa un wallet per la prima volta questo controlla tutte le operazioni a ritroso sino alla primissima mai effettuata ecco perché, solo la prima volta il sistema richiede anche 24 ore di controllo, ma solo la prima volta. Al posto di un registro di saldi i Bitcoin usano un enorme registro di transazioni quindi.

Come funziona la Blockchain Bitcoin

L’altro sistema di sicurezza che è stato implementato per evitare ogni rischio sulle transazioni è quello della blockchain. La rete bitcoin ordina ogni pagamento in gruppi che formano blocchi e li collega gli uni agli altri fino a creare una catena.

La Blockchain tiene traccia dell’ordine delle transazioni, la Transaction Chain traccia di come cambia la proprietà dei Bitcoin. Le transazioni nello stesso blocco della Blockchain sono considerate avvenute nello stesso momento. Le transazioni non ancora in un blocco sono considerate non confermate o non ordinate. Ogni nodo può raccogliere un insieme di transazioni non confermate in un blocco e trasmetterlo al resto della rete per approvazione.

Più nodi possono creare blocchi nello stesso momento, e ci potrebbero essere più opzioni tra cui scegliere. Come fa la rete a decidere quale sarà il blocco successivo da inserire nella Blockchain non potendosi basare sull’ordine in cui i blocchi arrivano? Una parte della soluzione è che ogni blocco deve contenere la risposta a un problema matematico molto particolare. Senza entrare nei dettagli, trovare la soluzione del problema è un po’ come indovinare la combinazione di un lucchetto. meno di avere molta fortuna, ci vorranno parecchi tentativi per trovarla. E in media la rete Bitcoin impiega una decina di minuti per trovarla.

Limiti nella creazione dei Bitcoin

Come abbiamo detto i Bitcoin non vengono coniati, come accade per le altre monete nelle banche centrali. I Bitcoin vengono creati dalla rete stessa attraverso un processo di “mining” e sfruttando un sistema decentralizzato..

Vogliamo ora spiegare un altro aspetto interessante nei Bitcoin. Il fatto è che la produzione di nuova moneta ha un limite. Ciò significa che non si potranno creare nuovi Bitcoin all’infinito ma il creatore della moneta ha imposto un limite preciso che è quello di 21 milioni di unità.

La disponibilità di nuove monete cresce come una serie geometrica ogni 4 anni. Stima che i 21 milioni di monete saranno raggiunti nel 2140. Inoltre in ogni Bitcoin c’è scritto chi ne è il proprietario, in questo modo lo si potrà spendere una volta soltanto. Questo sistema è perfetto per evitare qualsiasi tipo di truffa e rappresenta altissimi valori di sicurezza.

Letture integrative consigliate:

Bitcoin trading: vantaggi pratici

Ribadiamo che i Bitcoin sono una valuta virtuale, ma il loro concetto si distacca da quello di una semplice moneta così come siamo abituati ad immaginarla.

I Bitcoin devono la loro stessa esistenza sul fatto che esiste un sistema di condivisione conosciuto meglio come Peer to Peer, lo stesso su cui si basano sistemi di file sharing o cose simili alle quali ormai gli utenti di internet in generale dovrebbero già essere abituati.

Questo sistema è perfetto per chi intende utilizzarli come mercato di riferimento per fare trading perché significa che si può ottenere:

  • Alto grado di affidabilità: da quando sono nati i Bitcoin il loro valore non ha fatto altro che crescere per questo essi stanno assumendo sempre di più tutti i pregi finanziari dell’oro, che come ben saprai è considerato il bene rifugio per eccellenza, ma a differenza dell’oro il valore dei Bitcoin cresce e lo fa in maniera esponenziale, raggiungendo dei picchi che gli analisti faticavano a riscontrare in passato ed a prevedere per il futuro. Per questo il trading sui bitcoin può essere considerato come un investimento per il futuro, come un mettere i soldi in cassaforte e riprenderli raddoppiati dopo un tot di tempo;
  • Sicurezza: quello che le persone non sanno è che il settore dei bitcoin è anche ormai molto sicuro, infatti la gente è piena di pregiudizi riguardo a tutto quello che si compra e si vende online quindi figuriamoci per una cosa come i Bitcoin che sono la valuta di internet per eccellenza. La diffidenza in questi casi non conta e non aiuta perché i bitcoin sono la moneta virtuale più importante ed utilizzata ormai anche nel mondo reale per fare transazioni di beni tangibili quindi non bisogna lasciarsi spaventare da truffe o cose simili nel sistema dei Bitcoin;
  • Privacy assoluta: negoziare in Bitcoin garantisce un altissimo livello di privacy, il nome o i dati della persona che fa trading Bitcoin non appaiono mai da nessuna parte ed i dati vengono custoditi solo dal broker che gestisce la piattaforma di negoziazione che stai utilizzando. Quindi per tutti coloro che non vogliono mettere in piazza la propria privacy fare trading in bitcoin è l’ideale perché non lo saprà mai nessuno in giro e si ha la sicurezza di mantenere l’anonimato anche nei prelievi e nei depositi di capitale dal proprio conto di trading.

Se credi però che i vantaggi di fare trading di Bitcoin e di avere a che fare con questa moneta si esauriscano qui, non temere perché ne conoscerai molti altri durante la lettura di questa guida. I Bitcoin sono la valuta più particolare ed accattivante perché si tratta di una moneta del tutto speciale.

È l’unica valuta al mondo infatti che non viene emessa e controllata da un banca centrale, un po’ come accade per le altre criptovalute, la diretta conseguenza di ciò è che parliamo di una moneta che quindi non può essere svalutata in base alle decisioni di qualcuno o qualcosa, come accade per le valute standard come l’Euro o il Dollaro.

Mentre le valute classiche tendono alla svalutazione perché su di loro agisce l’inflazione fomentata dalle banche centrali, su una valuta come i Bitcoin questo è impensabile e non può accadere assolutamente.

Leggi anche la guida: Bitcoin trading

Valore Bitcoin

I Bitcoin possono andare in una sola direzione: quella di un costante apprezzamento (crescita di prezzo), molto, molto lento, ma costante. Il tasso a cui la moneta viene generata è bassissimo e sempre in diminuzione fino a quando non diverrà del tutto irrilevante, quindi i Bitcoin posseduti dagli utenti, che già oggi, mentre scriviamo, li usano per pagare ed acquistare merci e beni, sono destinati a vedere il loro valore crescere nel tempo in maniera decisiva. Insomma si tratta di un mercato in costante tendenza rialzista!

come fare trading bitcoin
Il trading è il modo migliore per speculare sui movimenti di breve periodo del valore di Bitcoin

Il mercato stesso dei Bitcoin è in continua ascesa, nel giro di poco tempo un mercato che contava un controvalore in dollari americani di “soli” 140 milioni di dollari è ora passato a centinaia di miliardi e crescerà ancora.

Parliamo di cifre non del tutto aggiornate, quindi l’indotto potrebbe essere anche molto più importante di così e tra l’altro il mercato potrebbe esplodere da un momento all’altro quando le nazioni si apriranno interamente al trading di Bitcoin.

Questi dati sono destinati a crescere negli anni a venire e questa tendenza è dovuta a due fattori in particolare:

  • Si tratta di una moneta totalmente libera e quindi atta a proteggere le libertà personali di coloro che scelgono di utilizzarla. Per questo ti consigliamo di farlo anche tu magari non solo con il trading ma anche facendo acquisti online con i Bitcoin, mentre guadagni sulle loro oscillazioni con il trading di cfd sulla moneta virtuale;
  • Inoltre come secondo fattore va notato che se tutti i broker Forex si sono dotati di questa valuta nel loro parco asset questo è dovuto al fatto che speculare sulle oscillazioni dei prezzi dei bitcoin sta diventando sempre più agevole e conveniente. Qui si fanno veramente grandi affari. Alcuni traders riescono a portare a casa anche il 40-50% annuo sui bitcoin e fare fortune sempre più grandi ed elevate.

Per il valore in tempo reale del prezzo di bitcoin, con annesso grafico, clicca su: Valore Bitcoin

Bitcoin Euro: quanto vale un Bitcoin in euro?

Togliamoci subito una curiosità. Quanto vale un Bitcoin in Euro? In Dollari statunitensi sul finire di dicembre 2017 ha sfondato il muro dei 17.500, quindi il suo controvalore in euro era superiore ai 14.000 per un solo btc. Essendo Bitcoin quotato, tutti questi dati sono in continua evoluzione, oggetto di impennate di prezzo e discese.

Per approfondire l’argomento puoi cliccare su: Bitcoin Euro

Quotazione Bitcoin

Se vuoi conoscere le quotazioni del mercato dei Bitcoin allora devi semplicemente affidarti ai grafici del valore attuale che mostrano l’andamento della valuta e si trovano piuttosto facilmente online.

È da notare però che tra i grafici più apprezzabili ci sono quelli di alcuni broker online che ti presentiamo in seguito che ti mostrano la quotazione dei Bitcoin e ti danno anche la possibilità di investire direttamente in base all’andamento del mercato. Sia al rialzo sia al ribasso.

Per approfondimenti sull’argomento clicca: Quotazione bitcoin

Differenza tra bitcoin miner e bitcoin wallet

Per capire come funziona il sistema Bitcoin occorre partire dalla comprensione di due elementi base: i “miner” e i “wallet”:

  • Per Miner si intende un calcolatore messo a disposizione del P2P di Bitcoin per l’operazione di verifica della correttezza di un’operazione. Agli albori del Bitcoin, bastava un modesto computer per poter svolgere questo ruolo, ma le potenze di calcolo necessarie sono sempre più alte (si parla di 5 quintilioni di operazioni al secondo, nel mondo) e si sono creati pool di professionisti che sono in grado di gestire e guadagnare da questo compito. È ancora possibile essere un miner singolo con un computer dotato di scheda e processore ASIC appositamente creati per il mining, ma i guadagni spesso non riescono neppure a coprire i costi del consumo elettrico per tenerli sempre accesi. Infatti come scopriremo minare i bitcoin non è più favorevole come pratica;
  • Per Wallet si intende il programma che permette di entrare nella rete Bitcoin. Il portafoglio contiene indirizzi e chiavi per effettuare le transazioni economiche, ad esempio spedire del denaro. Questo fa del wallet una banca personale per Bitcoin e può essere di diverso tipo: può essere installato sullo smartphone per piccoli pagamenti con QR Code, ad esempio il Bitcoin Wallet per Android, può essere un servizio web oppure può essere un software, come MultiBit, che offre pieno controllo del wallet offline, ma in questo caso backup e sicurezza del denaro sono piena responsabilità del possessore. Questo è un altro utilizzo dei bitcoin poco interessante specie per chi come te intende investire in questo business per aumentare i propri ricavi.

Chi intende fare affare sui bitcoin non li usa per fare transazioni. Ma per completezza spieghiamo come si usa una valuta virtuale proprio come potresti farlo anche tu.

bitcoin wallet cos'è
Il wallet non è altro che il portafoglio, online o offline, presso il quale si conservano i propri Bitcoin

Per usare un Bitcoin reale è necessario avere una chiave di decrittazione, che si può ottenere nei cosiddetti wallet per Bitcoin. I portafogli di chiavi sono alla base del Bitcoin e anche il passaggio più delicato.

In questi frangenti, infatti, si possono intromettere informatici con scopi di furto, tanto che i wallet hanno creato dei nuovi servizi, i più apprezzati dagli utenti, che permettono di scambiare Bitcoin senza installare software sul proprio computer o device mobile e con diverse garanzie al proprietario (non sempre infallibili).

Leggi anche: Migliori App Bitcoin

Come si usa la valuta virtuale Bitcoin per comprare o vendere

Gli indirizzi sono sequenze alfanumeriche della lunghezza di circa 30 caratteri. Ogni transazione viene archiviata in un apposito registro denominato “block chain”, utile a verificare che l’intera procedura sia andata a buon fine e che il valore transitato sia stato effettivamente posseduto prima e depositato poi.

Per poter spendere un Bitcoin è necessario avere una chiave personale che porta all’indirizzo presso il quale è possibile effettuare una transazione. Se qualcuno vuole spedire un Bitcoin o riceverlo, è necessario che chiave e indirizzo collimino.

Ovviamente perché ci sia una compravendita bisogna che le due chiavi e i due indirizzi si conoscano. Il peer-to-peer, a questo punto, consente la transazione economica e la registra.

Senza la semplificazione dei wallet, che usano questi numeri complessi al posto dell’utente, il network non si sarebbe mai sviluppato.

Invece, con il Bitcoin (e soprattutto, considerando il suo valore, le unità più piccole, i satoshis) è possibile comprare un oggetto in un negozio puntando su un semplice QR Code, ordinare il pranzo online o fare una donazione, senza particolare sforzo. 

Dove si possono conservare i Bitcoin per essere usati?

Per usare i Bitcoin bisogna avere un wallet., ovvero un portafoglio. Ce ne sono diversi tra quelli web: uno molto famoso tra gli americani è blockchain.info, ma ci sono anche Coinbase e molti altri. Il wallet, che comunica in modo semplificato il complesso scambio crittografato del Bitcoin, serve per andare nei luoghi dove i Bitcoin sono effettivamente acquistabili.

Questi luoghi in un certo senso sono banche: si apre un conto, si deposita, si usa il denaro. MT.Gox, Bitstamp, ognuno fa offerte diverse. La loro utilità risiede nel fatto che una volta acquisiti Bitcoin bisogna anche sapere dove trasferirli per averli a disposizione ed effettuare depositi e prelievi, oltre che conversione in denaro di carta.

Per la guida sui wallet Bitcoin, clicca: Bitcoin wallet

Teoricamente, un buon modo di scambiarsi monete virtuali è farlo anche nel mondo fisico: basta copiare su un biglietto la propria chiave. Un modo decisamente nerd di usare i Bitcoin è fare del proprio pc un miner, che faccia girare l’open software del Bitcoin, ma i numeri dicono che è piuttosto faticoso, complesso e ormai poco remunerativo. I Bitcoin stanno diventando così importanti e famosi che hanno ormai anche qualche avversario in giro per il mondo. La Banca centrale di Pechino ha vietato agli istituti di credito di garantire investimenti in Bitcoin o di investire in qualunque cosa abbia a che vedere con questa valuta, a causa dei rischi. Non ha però esteso questo divieto ai privati.

La notizia forse più sorprendente, è che il più grande wallet di Bitcoin del mondo è dell’FBI. Grazie ai suoi sequestri conserva decine di milioni di dollari in valuta virtuale, una cifra così importante che sono preoccupati dallo scambiarli sul mercato.

Un’uscita così massiva di moneta, infatti, avrebbe degli effetti deflattivi sulla quotazione, finendo paradossalmente per danneggiare l’intenzione della polizia federale americana di convertire in denaro questi sequestri, come prevede la legge americana, per il proprio autofinanziamento. Così dovranno trovare il modo di scambiarli poco alla volta, utilizzando diversi sistemi contemporaneamente.

Per approfondire l’argomento clicca su: Comprare Bitcoin

Bitcoin è una truffa?

Abbiamo già accennato il fatto che il sistema dei bitcoin si regge su una rete di peer to peer. Ora senza scendere in dettagli tecnici vogliamo specificare solo il fatto che, chi intende utilizzare questa valuta speciale doveva installare sul proprio computer un programma che serve a gestire le transazioni, totalmente gratuito ed open source.

Tutte le transazioni effettuate in bitcoin sono di pubblico dominio e grazie ad alcuni sofisticati sistemi di controllo è impossibile che possano avvenire truffe o raggiri sulla regolare circolazione della moneta. In pratica è l’unica moneta dove non esistono falsi!

Chi desidera entrare a far parte della rete dove vengono sviluppati i bitcoin può farlo in maniera autonoma e senza alcun costo di sorta.

Per di più non esiste alcun server centrale che gestisce i bitcoin o che controlla le transazione e l’attribuzione della moneta, questa viene gestita autonomamente dalla rete, tutti i nodi devono collaborare a far si che il sistema stesso esista.

Partecipare alla rete è una possibilità comune ed aperta a tutti senza spendere denaro, ma CREANDO denaro in forma di bitcoin, quello che viene richiesto è soltanto la “donazione” di una parte della potenza di calcolo del proprio personal computer per la gestione del sistema. Ogni utente più potenza di calcolo del proprio pc mette a disposizione più bitcoin può guadagnare!

Ormai da diverso tempo i bitcoin sono stati accettati e legalizzati dalla comunità internazionale come la sola valuta virtuale che si può utilizzare liberamente.

Non a caso poco tempo dopo alcuni broker di trading online e Forex già si erano organizzati per consentire ai propri clienti di negoziare tramite i bitcoin sulle loro piattaforme di trading.

Quindi se intendi investire e speculare sui bitcoin puoi essere certo di non correre alcun rischio dal punto di vista legale.

Inizialmente un mercato così libero ed indipendente come quello dei bitcoin ha spaventato gli stati e le grandi entità nazionali che si chiedono tutt’ora quale sia il modo migliore per gestire l’ingresso di questa nuova valuta tra le possibilità dei pagamenti su internet.

Quello che è certo è che i bitcoin sono diventati famosi anche perché proprio con questa valuta sono stati portati a termine alcuni scambi illegali ed importazioni di droga, ma questo non deve far pensare che sia colpa della valuta in se.

Se non fossero stati usati i bitcoin gli acquisti di droga sarebbero stati conclusi in dollari, come di consueto, quindi non è “colpa” dei bitcoin, certo è che non poco clamore ha suscitato la scoperta della presenza di simili transazioni.

Per approfondire l’argomento ti consigliamo la lettura della pagina dedicata: Bitcoin truffa

Bitcoin mining: cos’è e come funziona

Come ci si procura i bitcoin, ovvero come funziona il mining? Certo si può produrre qualcosa, vendere e farsi pagare in bitcoin, ma c’è anche un’altra strada per procurarsi i bitcoin gratuitamente ed è minandoli, o meglio forse è meglio dire “era”. In pratica si tratta di un modo di fabbricare denari a casa propria e semplicemente tenendo il computer acceso.

Il problema è che per fabbricare bitcoin si impiega una marea di tempo, il processo infatti è estremamente lento e gli sviluppatori stanno facendo in modo che il processo diventi sempre più lento per scoraggiare coloro che credono di poter monetizzare in questo modo.

come minare bitcoin
Il mining consente di mettere a disposizione hardware e potenza di calcolo in cambio di Bitcoin

Il fatto stesso che il tasso di produzione dei bitcoin si stia rallentando favorisce l’apprezzamento costante della moneta. Quindi l’unico altro modo per ottenere bitcoin è quello di acquistarli da chi già li possiede e li vende in cambio di valuta corrente. Ad oggi come abbiamo già accennato servirebbero macchine potentissime per fabbricare bitcoin in maniera conveniente.

Quando si entra in possesso di bitcoin è poi possibile iniziare ad usarli per fare acquisti su internet e non a caso giorno dopo giorno aumentano i servizi ed i prodotti che si possono acquistare grazie alla valuta virtuale che in questo modo sta diventando sempre più virale e “reale”.

Pensa che c’è addirittura un ateneo, quello di Nicosia a Cipro che accetta il pagamento delle imposte universitarie per il tramite dei bitcoin!

La tendenza quindi è chiara e la strada verso il successo dei bitcoin è ormai tracciata.

La cosa interessante però è che sempre più persone acquistano i bitcoin con il semplice obiettivo di specularvi grazie al fatto che il loro valore sta crescendo esponenzialmente. Si tratta quindi di un investimento sicuro e ad altissimo rendimento. 

Approfondisci l’argomento relativo al mining con la nostra guida: Bitcoin Mining

Free bitcoin

Con il mining è possibile ottenere i “free bitcoin” quindi? La risposta è no.

Alcuni lettori ci hanno chiesto proprio cosa pensassimo dei free bitcoin e noi dobbiamo quindi chiarire che non esistono e ad oggi è solo possibile cambiare la propria valuta per ottenere bitcoin ( quindi comprandoli ci si aspetta che il loro prezzo sarà destinato a salire ) o fare trading su di essi attraverso i contratti per differenza, attraverso i quali puoi fare compravendita sfruttando sia trend rialzisti che ribassisti.

Ottenere Bitcoin velocemente: il trading

Quale è il modo più conveniente di sfruttare le grandi potenzialità dei bitcoin? Per ottenere il massimo da loro è necessario effettuare operazioni di trading sulle piattaforme dei migliori broker online e ti chiariamo subito il perché.

Devi sapere che il valore dei bitcoin come abbiamo detto cambia in ogni momento a causa di diversi fatto e non è detto che continui ad aumentare per sempre.

Sebbene la tendenza attuale sia stata di un costante apprezzamento anche i bitcoin vivono sotto lo stesso tetto si tutte le altre valute che fanno parte del Forex, ovvero le leggi dei mercati.

I mercati sono i luoghi più mutevoli ed imprevedibili che esistano e quindi non è detto che la tendenza di fondo che informa l’andamento del prezzo dei bitcoin in questo momento, non possa subire variazioni a breve.

Chi oggi acquista bitcoin nella speranza che nel giro di 2 o 3 anni possa fare una enorme plusvalenza potrebbe trovarsi letteralmente fregato, ma questo non può accadere se stai operando sulla piattaforma di un broker online di alta qualità!

Per massimizzare e monetizzare fin da subito utilizzando i bitcoin conviene fare trading su di essi.

Quindi non è necessario fare operazioni di lungo termine che richiedono tempistiche troppo allungate per ottenere profitti, ti basta fare trading sul breve periodo per intascare i profitti che stai cercando ed evitare avvenimenti inaspettati possano mandare all’aria i tuoi piani.

Fare trading sui bitcoin non significa comprare e possedere realmente la valuta. Chi fa trading semplicemente specula sull’andamento dei prezzi grazie al sistema dei CFD che permette di fare altissimi profitti in breve tempo.

Come si svolgono le contrattazioni sui botcoin? Semplicemente il valore della valuta virtuale è espresso in dollari e gli investitori possono acquistare o vendere in base all’andamento attuale del mercato. Quindi:

  • Se il valore dei bitcoin continua a salire nel prossimo futuro, tu seguendo la corrente puoi sempre continuare a guadagnare;
  • Ma se il trend si dovesse invertire? Bene, tu allora puoi subito chiudere la posizione ed aprirne una in senso contrario cominciando a vendere Bitcoin e guadagnano lo stesso.

Questa fantastica opportunità però non è offerta da tutti ma soltanto dai migliori broker per il trading online, ma di chi stiamo parlando?

Lettura d’approfondimento consigliata: Guadagnare Bitcoin velocemente

Bitcoin Futures

Alcuni brokers, come ad esempio fa oggi Markets.com, non permettono di negoziare CFD di Bitcoin ma solamente Futures sui Bitcoin.

Si definiscono Futures quei contratti di acquisto o di vendita che vengono proposti ad una cifra prestabilita ed in una data futura (da qui il nome).

Permettono quindi agli investitori di “scommettere” sul valore futuro di un indicatore. In campo economico esistono Futures basati su qualsiasi cosa, in particolare se ne distinguono di due tipologie:

Futures Bitcoin logo
I Futures Bitcoin sono strumenti relativamente nuovi ma regolamentati, quindi sicuri al 100%.
  1. Commody Futures, quando sono basati sui beni, come ad esempio le materie prime;
  2. Financial Futures, quando si rivolgono a strumenti finanziari.

La principale funzione dei Futures è la copertura sulle fluttuazioni dei prezzi delle materie prime.

Ad esempio, un grosso mobilificio può scommettere che in un determinato momento futuro il prezzo del legname sarà superiore ad una certa soglia. Se vince la sua “scommessa” riceverà un premio che servirà a mitigare le perdite che nel frattempo subirà a causa dell’aumento del prezzo della materia prima. Se invece la sua previsione si rivela sbagliata, la perdita sarà mitigata dal fatto che il legname continua a costare poco.

Migliori broker per investire in Bitcoin

Per iniziare a speculare sull’oscillazione della quotazione di Bitcoin, devi affidarti ai migliori brokers per trading Bitcoin. Ecco la selezione dei migliori:

MIGLIORI PIATTAFORME TRADING CRIPTOVALUTE
Spreads: Bassi
Licenza: CySEC/ASIC/FCA
Commissioni: zero

Conto Demo: SI
Apri demo gratis
Please wait...
Recensione eToro
PROVA GRATIS ETORO Visita il sito ufficiale Il tuo capitale è a rischio.
Spreads: Minimi
Licenza: CySEC/FCA
Commissioni: zero

Conto Demo: SI
Apri demo gratis
Please wait...
Recensione Capital.com
PROVA GRATIS CAPITAL.COM Visita il sito ufficiale 83,45% of retail CFD accounts lose money.
Spreads: Da 0.0 pips
Licenza: CySEC/ASIC
Commissioni: zero

Conto Demo: SI
Apri demo gratis
Please wait...
Recensione FP Markets
Spreads: Onesti
Licenza: CySEC
Commissioni: zero

Conto Demo: SI
Apri demo gratis
Please wait...
Recensione IQ Option
SCOPRI TUTTE LE PIATTAFORME
Spreads: Stretti
Licenza: CySEC
Commissioni: zero

Conto Demo: SI
Apri demo gratis
Please wait...
Recensione Plus500
PROVA GRATIS PLUS500 Visita il sito ufficiale Il tuo capitale è a rischio.

I broker non sono altro che gli intermediari che ti mostrano una piattaforma di trading sulla quale operare con un grafico appositamente per i bitcoin, ma anche molti altri beni e titoli differenti che potrebbero interessarti per fare operazioni.

La prima cosa fa fare è aprire un conto presso di essi non sempre è richiesto subito un deposito iniziale, puoi rimandare la cosa ad un secondo momento dopo che avrai approfondito l’offerta del broker ed il funzionamento della sua piattaforma.

eToro

Se ti interessi al trading online è molto probabile che tu abbia già sentito parlare del broker eToro e di sicuro avrai sentito cose onorevoli. Questo broker ha fatto la felicità di milioni di clienti grazie all’innovazione costante che ha portato nel settore.

Quando si sperimentano novità vi è sempre qualcuno che si getta per primo alla carica e spiana la strada giusta per innovare un settore, un’idea, qualsiasi cosa, nel campo del trading questo “qualcuno” è eToro, il broker che ha saputo cambiare il trading online rendendolo social!

Capire cosa sia il social trading è molto semplice. Se conosci facebook allora sai già più o meno di cosa stiamo parlando. Il broker trading eToro si è inventato un sistema per fare trading alla stregua di come funziona il social network più grande del mondo. Qui ogni trader ha un profilo, con informazioni, fotografie ed una bacheca con frasi e commenti. Ecco perché, naturale conseguenza, è il fatto che con eToro tu puoi spiare gli investimenti e le operazioni di altri traders e volendo puoi anche copiare le loro iniziative! Iniziando subito con un deposito minimo di 200€, potendo usufruire di una piattaforma completa di trading online leader in Europa.

eToro permette di poter investire su Bitcoin ( ed altre criptovalute ) attraverso il tradizionale trading di cfd, facendo social trading o attraverso i crypto smart portafolios, ovvero in portafogli gestiti da analisti professionisti, tematizzati su Bitcoin o crypto in generale (Defi, Gamefi, NFT e Meta).

RECENSIONE ETORO NEGOZIA BITCOIN SU ETORO

IQ Option

Nato nel 2013, il broker IQ Option si è guadagnato grazie ai suoi servizi di alta qualità e a migliaia di recensioni tutte positive, sin dai primi mesi, la fama e l’autorevolezza nel settore del trading online.

Oggi IQ Option conta oltre 100+ milioni di clienti attivi che investono sulla sua multipiattaforma facendo trading attraverso i contratti per differenza su diversi assets tra cui le criptovalute, con il bitcoin tra le crypto monete maggiormente ricercate.

Fare trading di Bitcoin su IQ Option è conveniente, rapido e sicuro – con supporto professionale e assistenza disponibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 in lingua italiana. Per aprire un conto su I Option ed iniziare a fare trading di bitcoin occorrono anche solo 10 euro di versamento iniziale – otterrai anche un conto demo per fare pratica nel mondo delle criptovalute.

RECENSIONE IQ OPTION NEGOZIA BITCOIN SU IQ OPTION

Plus500

WebTrader di Plus500 è un luogo confortevole e professionale dove negoziare sui bitcoin o anche su oltre 2000 e più beni disponibili.

Con un deposito minimo di 100€ poi Plus500 resta uno dei broker più economici per iniziare la propria attività di investimento e farlo a partire da un capitale discretamente elevato che ti permette di gestire bene la tua operatività secondo i canoni del money management, come consigliato dai maggiori esperti di trading online.

Anche Plus500 offre un conto demo con un saldo di 40.000 per iniziare a fare pratica nel mondo del trading online delle criptovalute, partendo dalla semplice registrazione e conferma della stessa ( conferma del proprio numero telefonico ).

Una volta ottenuto il conto demo questo viene direttamente finanziato con 40.000 € di denaro virtuale che puoi usare a piacimento e che ti vengono subito ricaricati se dovessero finire. Una volta raggiunta una cifra virtuale inferiore a 200 euro (o valuta equivalente) il sistema ricaricherà in automatico il suddetto conto demo.

Plus500 offre condizioni di trading molto vantaggiose per fare trading online di bitcoin ed altre criptovalute; spreads stretti, possibilità di negoziare 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 (esclusa la domenica dalle ore 12.00 alle ore 14.00 UTC). Inoltre, offre un controllo su profitti e perdite grazie agli strumenti di stop loss e trailing stop e conto a zero commissioni.

RECENSIONE PLUS500 NEGOZIA BITCOIN SU PLUS500 *L’80,6% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro “.


Bitcoin opinioni e commenti finali

Come hai avuto modo di notare in questo nostro elaborato dedicato al trading online sui bitcoin, questo tipo di negoziazioni può risultare molto lucrativo in base alle scelte che si fatto, operando con broker del calibro di quelli che ti abbiamo proposto poc’ anzi non c’è dubbio che tu possa far crescere il tuo capitale al massimo impiegandolo direttamente sulle variazioni del prezzo dei bitcoin.

Questo asset è attualmente uno dei più vantaggiosi in assoluto per investire anche se mentre operi cerca di tenere sempre presente che anche se si tratta di un mercato atipico non è esente da rischi e se agisci in maniera sconsiderata il tuo capitale potrebbe risentirne!

La cosa più importante che devi ricordare quando fai trading Bitcoin è di metterci tutto il tuo impegno. Il trading di questo tipo ti può portare a risultati economici decisamente positivi, ma prima dei tuoi soldi è importante investire il tuo tempo, le tue capacità e tutta la tua attenzione.

Fin da subito puoi arrivare a risultati discreti ma per diventare veramente un asso del settore ci vorrà del tempo e prima accetti questa cosa, tanto prima arriveranno i risultati che speri.

I bitcoin sono l’occasione che stavi aspettando per fare trading online, sfruttali al meglio e realizza con essi la tua rendita economica con il supporto dei migliori brokers online che offrono il trading su questa criptovaluta.

Abbiamo dedicato una pagina esclusivamente alle opinioni sui bitcoin, in modo tale da poterti dare una visione globale dell’argomento, puoi approfondire clicca su: Bitcoin Opinioni.

FAQ Bitcoin – Domande e risposte comuni

Si può guadagnare con Bitcoin?

Si, certo che è possibile. Ma per farlo occorre imparare a fare trading in modo responsabile e corretto, altrimenti è da folli investire “alla cieca”.

Come posso investire in Bitcoin?

Per farlo hai due strade: il trading in criptovalute che ti permette di fare trading in BTC con i migliori broker di trading online oppure comprando bitcoin con gli exchange.

Come iniziare con i Bitcoin?

Puoi iniziare aprendo un conto virtuale per fare pratica sul miglior broker di criptovalute eToro.

Esistono truffe sui Bitcoin?

Si, e molte! Fai attenzione. Abbiamo stilato una guida completa per metterti al riparo dalle truffe di criptovalute. Leggila e tienila sempre in considerazione perchè è in costante aggiornamento.

I Bitcoin sono vietati?

Assolutamente no. Non esiste in Italia e quasi in nessuna parte del mondo una legge che vieti esplicitamente l’utilizzo dei Bitcoin, che restano così una valuta del tutto legale e utilizzabile con la massima tranquillità.

4 commenti

  1. gianfranco modena

    ciao e complimenti per il sito . le guide da voi proposte sono davvero complete e ricche di tante informazioni utili. volevo sapere se secondo voi il bitcoin , ora che è sceso , pensate possa ritornare a quei massimi del dicembre di 2017 e se vale la pena investire su di esso oggi.

    saluti

    • Criptovaluta.it

      Salve Gianfranco, si in criptovaluta.it siamo certi che il Bitcoin possa tornare a raggiungere i suoi massimi di fine 2017, anzi ti diremo di più … crediamo li possa sfondare, raggiungendo un nuovo massimo per noi pari a 25.000/30.000 dollari.

      saluti

  2. Calogero Caponetto

    Ciao, tempo fa sono stato promotore finanziario (così si diceva all’epoca) e oggi, leggendo gli argomenti da voi trattati con estrema professionalità, mi sono trovato decisamente accattivato dal settore investimenti in criptovalute. Ho deciso di dedicare il mio tempo libero a tutti gli approfondimenti necessari per sedimentare le basi necessarie per poter investire in questo innovativo settore finanziario.
    Grazie infinite e cordialità.
    Caponetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *