Home / Criptovaluta emergente

Criptovaluta emergente

Le criptovalute emergenti sono le criptovalute arrivate da poco sul mercato – o che sono rimaste per tempo sotto traccia – e che oggi invece sono diventate delle buone occasioni di investimento

Sono escluse da questa definizione le criptovalute che conosciamo tutti, come ad esempio Bitcoin o Ethereum, che sono ormai materiale per le piattaforme di trading criptovalute e non solo per gli exchange. I migliori exchange oggi possono offrire migliaia di criptovalute. Iniziamo subito la nostra guida col dire che le 5 migliori criptovalute emergenti di adesso sono:

  1. Polkadot
  2. Uniswap
  3. Chainlink
  4. Avalanche
  5. Aave

Dove comprarle? Oltre agli abituali exchange, di cui parleremo fra qualche paragrafo, Capital.com è considerata oggi la miglior piattaforma per investire in cross criptovalutari e fare crypto trading partendo anche con piccole somme (bastano 20 USD). Puoi sfruttare questo trend, aprendo un conto gratuito sulla piattaforma consigliata all’uso.

Capital.com vantaggi per trading crypto emergenti:

  • Trading sicuro e con piccole somme (si può iniziare con un micro deposito di 20 euro);
  • Segnali ed intelligenza artificiale;
  • MetaTrader 4 + TradingView per fare trading automatico ( anche su criptovalute nuovissime ed emergenti);
  • App formativa e gratuita;
  • Molti cross criptovalutari;
  • Piattaforma all’avanguardia.

Introduzione alle criptovalute emergenti:

🤔Come comprare:Exchange criptovalute
❓Quante sono:13 criptovalute
🏦Dove comprare:Coinbase Bitpanda / Kraken / Binance
MIGLIORI BROKER:🥇CAPITAL.COM / 🥇PIATTAFORMA ETORO
👍Opinioni:⭐⭐⭐⭐⭐
Migliori criptovalute emergenti

Cosa si intende per “Criptovaluta emergente“?

Per criptovaluta emergente si intende una criptovaluta non ancora conosciuta, soprattutto al di fuori dei circoli degli appassionati di criptovalute.

Criptovalute emergenti - guida completa all'acquisto
La guida di Criptovaluta.it alle criptovalute emergenti – La guida completa di Criptovaluta.it

In realtà il fattore temporale non è l’unico, perché esistono anche criptovalute emergenti che sono sul mercato da diverso tempo, ma che non hanno ancora conquistato le luci della ribalta. 

  • Tempo

Tipicamente le criptovalute emergenti sono criptovalute che sono arrivate sul mercato da poco, almeno rispetto a Bitcoin ed Ethereum. Il fattore temporale non deve essere però confuso con la novità. Perché sul mercato, ogni giorno, arrivano decine di nuove criptovalute, ma non tutte possono essere ritenute emergenti. 

  • Con un andamento di prezzo positivo, almeno sul lungo periodo

L’andamento di prezzo previsto deve essere positivo – e devono esistere delle concrete indicazioni alla base di queste previsioni. Altrimenti non si può parlare di criptovaluta emergente, ma soltanto di nuova criptovaluta.  Le previsioni sono basate sui dati che abbiamo oggi e su quanto riportano gli analisti – e non sono pertanto sempre corrette. Rimane però il fatto che non scegliamo criptovalute emergenti soltanto tenendo conto della loro novità sul mercato. 

  • Con un cambio di passo importante

Possiamo considerare come emergenti anche criptovalute che sono arrivate da diversi anni sul mercato. Cosa può qualificarle come emergenti? Un cambio di passo, che può essere esogeno (ovvero che arriva dalle mutate condizioni di mercato), oppure endogeno (con un cambio interno di focus, di codice e di funzionalità). 

Alcune di quelle che verranno inserite all’interno di questa guida rispondono proprio a questo identikit. Per anni sono state presenti sul mercato, senza però ancora sfondare. 

  • Quotate su un exchange

Se una criptovaluta non è quotata su un exchange di qualità, non può essere considerata come emergente. Sarebbe in quel caso una scommessa ancora più rischiosa, perché parleremmo di una criptovaluta che non possiamo in alcun modo scambiare presso mercati con un minimo di regolamentazione e di scelta da parte di una società affidabile.

Migliori criptovalute emergenti: Classifica 2021 aggiornata periodicamente

Abbiamo selezionato 13 criptovalute emergenti migliori, in una classifica che verrà costantemente aggiornata di nostri specialisti, così da poter rimanere sempre spunto di investimento verso territori meno battuti del settore criptovalute

NOME:BAT – Basic Attention Token 
NASCITA:2017
DOVE COMPRARE:Coinbase Bitpanda / Kraken / Binance
MIGLIOR BROKER:Piattaforma Capital.com
CAPITALIZZAZIONE:~2.200 milioni di dollari
TECNOLOGIA:Su Blockchain Ethereum
PROGETTO:Destinato ad Advertiser, fruitori e creatori di contenuti
CRIPTOVALUTA BAT

Basic Attention Token Ã¨ una criptovaluta attiva dal 2017 e legata a doppio filo a Brave, browser internet nato per evitare il tracciamento di cookies e di campagne pubblicitarie ai danni degli utenti. Un progetto solido, sul quale in pochissimi avrebbero scommesso alla sua nascita e che oggi invece ha milioni di utenti e anche diverse migliaia di inserzionisti.

BAT scheda - infografica
La scheda su Basic Attention Token

Il punto più interessante di BAT è che è una criptovaluta con la quale il network pubblicitario legato a Brave compensa i propri utenti, i quali a loro volta possono donare questi BAT alle attività editoriali che preferiscono. Un progetto che sta procedendo bene e che ha portato BAT a diventare tra le prime 100 criptovalute al mondo per capitalizzazione. Altro segnale del suo successo è la presenza sui listini del broker Capital.com (qui per un conto demo gratuito), che inserisce sulla sua piattaforma solo progetti promettenti e ben capitalizzati. È basata sulla blockchain di Ethereum ed oggi è una cripto emergente tra le più interessanti sul mercato. Da seguire. Ottima la performance ad inizio di 2021.

NOME:COMPOUND (COMP)
NASCITA:2020
DOVE COMPRARE:Coinbase Bitpanda / Kraken / Binance
MIGLIOR BROKER:Piattaforma Capital.com
CAPITALIZZAZIONE:~2.400 milioni di dollari
TECNOLOGIA:Token ERC20
PROGETTO:Gestione interessi finanziari, gestione prestiti in altre criptovalute
CRIPTOVALUTA Compound

Le criptovalute emergenti possono avere un senso finanziario anche in relazione alle possibilità tecniche che mettono a disposizione dei loro utenti. In questo senso il progetto Compound è di grande spessore, perché utilizzando un token ERC20, oggi permette di utilizzare una piattaforma finanziaria multi-currency, ovvero che possa supportare prestiti e altre applicazioni finanziarie utilizzando alto criptovalute.

Scheda su Compound - infografica
La scheda su Compound

Il progetto è molto ambizioso e dal suo esordio sui mercati, nei primi mesi del 2020, ha conquistato già una buona fetta di utenti. Il valore della criptovaluta è cresciuto – seguendo in larga parte l’andamento delle principali criptovalute. Chi vuole qualcosa di fresco e di mai visto prima in portafoglio, dovrebbe guardare con attenzione a quello che Compound può offrire. 

NOME:CELO
NASCITA:2020
DOVE COMPRARE:Coinbase  / Kraken / Binance
CAPITALIZZAZIONE:~950 milioni di dollari
TECNOLOGIA:ERC20
PROGETTO:Mobile first – accesso ai pagamenti in criptovaluta anche a chi ha solo un telefono
CRIPTOVALUTA CELO

Il progetto di CELO, uno dei più interessanti del 2020, è la riprova del fatto che i token ERC20 hanno aperto ad un mondo di possibili applicazioni della tecnologia delle criptovalute e della blockchain. CELO nasce infatti con un obiettivo ben preciso, permettere a chi non ha un computer – e magari solo uno smartphone (e neanche di ultima generazione) di effettuare pagamenti in valuta stabile e di riceverli. 

Scheda CELO - infografica
La scheda su CELO

Il progetto integra due tipi di token: cUSD, che è uno stable coin con valore ancorato a quello del Dollaro USA, e CELO, che invece viene utilizzato per le fee e per la governance. Anche questo progetto è cresciuto molto rapidamente ed è sicuramente degno di far parte della nostra selezione di criptovalute emergenti del momento. Quotata su tutti i principali exchange, aggiunge utilità a funzionalità, cosa che potrebbe determinarne un aumento di valore nel futuro prossimo. 

NOME:CHAINLINK (LINK)
NASCITA:2017
DOVE COMPRARE:Coinbase Bitpanda / Kraken / Binance
MIGLIOR BROKER:Piattaforma Capital.com
CAPITALIZZAZIONE:~14 miliardi di dollari
TECNOLOGIA:ERC20 con tecnologia ECR2223 per transfer e call
PROGETTO:Dati per smart contracts affidabili e decentralizzati
CRIPTOVALUTA LINK

I veri appassionati di criptovaluta conosceranno già a fondo quanto viene offerto da Chainlink, progetto di offerta di dati per esecuzione di smart contract che siano affidabili e decentralizzati. Un progetto per ora unico nel suo genere, che dal suo arrivo sui mercati nel 2017 è cresciuto a ritmi importanti e costanti. 

Chainlink scheda - infografica
La scheda su Chainlink

Perché LINK ha valore? Perché dovremmo mettere in portafoglio una criptovaluta di questo tipo, che non è utilizzata come scambio di valore? Perché è il carburante che permette di acquistare informazioni dalla rete di Chainlink e pertanto al crescere dell’utilizzo di questo network, crescerà il valore del numero finito di token che sono stati messi a disposizione.

Per noi oggi è una di quelle con maggiori prospettive – e anche una di quelle delle quali si parla meno di frequente, nonostante abbia tantissimo da offrire sia in termini tecnici che di potenziale crescita di valore. Un progetto sul quale possiamo puntare anche su Capital.com (qui per testare la demo gratuita), broker che offre accesso in CFD – con leva e vendita allo scoperto, anche a LINK.

NOME:POLKADOT (DOT)
NASCITA:2016
DOVE COMPRARE:Coinbase Bitpanda / Kraken / Binance
MIGLIOR BROKER:Piattaforma Capital.com
CAPITALIZZAZIONE:~39 miliardi di dollari
TECNOLOGIA:Ghost-based RADP – PoW per estensioni Blockchain
PROGETTO:Interoperabilità tra diverse catene 
CRIPTOVALUTA POLKADOT

Non ha il criterio della novità – dato che viene scambiata ormai da diversi anni sui mercati. Tuttavia, ha un’altra importante caratteristica che potrebbe renderla un big player per il futuro: ha un progetto molto solido, che è cresciuto su ottimi ritmi negli ultimi mesi e che offre anche uno spazio tecnico che al momento non può agilmente essere occupato da altri. 

Scheda Polkadot - infografica
La scheda su Polkadot

Scommettere su PolkaDot vuol dire investire in un progetto nato dal cofondatore di Ethereum e che offre un sistema effettivamente nuovo, che risolve uno dei problemi più importanti del mondo delle criptovalute – ovvero una interoperabilità tra le diverse blockchain, ferme restando le caratteristiche di sicurezza e di affidabilità che queste possono offrire. Il relativo cryptotoken è valuta con il quale si pagano le transazioni. E anche in questo caso, al crescere dell’utilizzo del network, crescerà il valore dello stesso.

Con una capitalizzazione di 28 miliardi di dollari, PolkaDot ha già detto moltissimo. La nostra previsione, allo stato attuale delle cose, è che PolkaDot potrebbe seguitare ad esprimersi su ottimi livelli e dunque a continuare a guadagnare in capitalizzazione, utenze e valore per gli investitori. 

NOME:BINANCE COIN (BNB)
NASCITA:2017
DOVE COMPRARE:Binance / Coinbase 
MIGLIOR BROKER:Piattaforma Capital.com / Piattaforma eToro
CAPITALIZZAZIONE:~85 miliardi di dollari
TECNOLOGIA:BSC
PROGETTO:Fee dell’exchange e valuta per scambio
CRIPTOVALUTA Binance Coin

Binance Coin è una criptovaluta che vede il suo valore indissolubilmente legato al mondo dell’omonimo exchange, Binance. È nata proprio per pagare le fee, ovvero le commissioni di transizione all’interno della piattaforma, diventando rapidamente – grazie all’importanza dell’exchange stesso – una criptovaluta a se stante, collegata oggi a diversi progetti terzi. 

binance coin scheda - infografica
La scheda su Binance Coin

Binance è quotata presso l’omonimo exchange e anche da Coinbase, segno che in realtà il progetto non è più di quelli direttamente ed esclusivamente legati all’andamento dell’exchange in questione. La tecnologia di base è ERC20 ed è oggi utilizzabile, tramite Dether, all’acquisto diretto in cash in oltre 120 paesi. Le sorti future di questa criptovaluta saranno sicuramente legate a quelle dell’exchange. Per noi, almeno per il momento, è una di quelle su cui puntare, dato anche il fatto che Binance continua ad essere un exchange estremamente affidabile e scelto da milioni di utenti che fanno compravendita di criptovalute. 

NOME:Cardano (ADA)
NASCITA:2017
DOVE COMPRARE:Coinbase Bitpanda / Kraken / Binance
MIGLIOR BROKER:Piattaforma Capital.com / Piattaforma eToro
CAPITALIZZAZIONE:~44 miliardi di dollari
TECNOLOGIA:Proof of Stake
PROGETTO:Scambio di valore a basso costo e ultra-rapido – focus sullo scaling, smart contract ad esecuzione automatica
CRIPTOVALUTA Cardano

Cardano è un’altra delle criptovalute nate da progetti molto ridotti per dimensioni, che oggi però valgono diversi miliardi sui mercati. Ci sentiamo di consigliarla perché, nonostante una grande crescita del progetto negli ultimi mesi, ha comunque ulteriore spazio. Il problema tecnico risolto da Cardano è di quelli importanti: il costo in termini energetici di una transazione e la velocità della stessa. Problemi con i quali Bitcoin deve continuare a fare i conti ancora oggi. 

La scheda su Chardano

Cardano (e la relativa criptovaluta ADA) si propongono come mezzo di scambio low cost e rapidissimo, all’interno del quale si possono anche creare smart contract. Simile, in alcuni aspetti, alla ben più conosciuta Ethereum, ma con un focus aggiuntivo sul minimo consumo energetico possibile. Sicuramente non una criptovaluta sconosciuta, ma una di quelle che, almeno potenzialmente, potrebbe avere ancora tanta strada (in positivo) da percorrere. Possiamo investire su Cardano anche tramite eToro (qui per il conto demo gratuito), broker in accesso DMA e CFD alle migliori criptovalute presenti oggi sul mercato.

NOME:Synthetic Network Token (SNX)
NASCITA:2017 (lanciata come HAV / Havven)
DOVE COMPRARE:Coinbase Bitpanda / Kraken / Binance
MIGLIOR BROKER:Piattaforma Capital.com
CAPITALIZZAZIONE:~2,25 miliardi di dollari
TECNOLOGIA:ERC20
PROGETTO:Tokenizzazione derivati su asset finanziari
CRIPTOVALUTA SNX

SNX Ã¨ criptovaluta di riferimento di un network con un progetto molto ambizioso: offrire un supporto tecnico per la tokenizzazione di asset che hanno come collaterale titoli finanziari. Un network nato per fornire liquidità potenzialmente illimitata al mercato dei derivati e che oggi muove già, ogni giorno, oltre 2 miliardi di dollari. 

SNX - scheda - infografica
La scheda su SNX

Investire in SNX vuol dire puntare su questo network – che è parte di un gruppo di strumento ideale per gli operatori del settore, che abbasserà i costi (anche di lending) e i tempi di transazione. È forse la più grande scommessa tra le criptovalute che abbiamo già citato in questa lista, per un motivo molto semplice: c’è il rischio che SEC e omologhe in altri paesi la considerino come una criptovaluta che è titolo finanziario, avviando le procedure che hanno già colpito Ripple. Per noi vale comunque la pena di seguirla e, per i più avventurosi, di investire. La troviamo, anche in questo caso, su Capital.com e potremo testare gli investimenti anche aprendo un conto demo gratuito con capitale virtuale illimitato.

NOME:Tezos (XTZ)
NASCITA:2018
DOVE COMPRARE:Coinbase Bitpanda / Kraken / Binance
MIGLIOR BROKER:Piattaforma Capital.com / Piattaforma eToro
CAPITALIZZAZIONE:~4,9 miliardi di dollari
TECNOLOGIA:Proof of Stake LPoS
PROGETTO:Tokenizzazione asset finanziari e fisici
CRIPTOVALUTA Tezos

Sì, anche di Tezos in moltissimi avranno sentito parlare. Quello che manca però spesso all’equazione è considerare quanto il gruppo stia crescendo anche tra gli operatori classici del banking nazionale e internazionale. Da poco più di un anno il gruppo ha stretto patti con Banco BTG Pactual, gruppo finanziario di Dubai e continua ad ospitare tokenizzazioni di asset importanti, tra i quali quello del resort St. Regis ad Aspen. 

Scheda Tezos - infografica
La scheda su Tezos

Tezos non è oggi più così brillante per tecnologia e neanche per valore, ma rimane una rete molto solida e soprattutto un sistema che continua ad aggiornarsi per seguire le necessità di mercato. Quando investiamo in Tezos, stiamo investendo in realtà in un sistema / gruppo che ha dimostrato di poter rimanere rilevante. 

NOME:Stellar (XLM)
NASCITA:2014
DOVE COMPRARE:Coinbase Bitpanda / Kraken / Binance
MIGLIOR BROKER:Piattaforma Capital.com / Piattaforma eToro
CAPITALIZZAZIONE:~15 miliardi di dollari
TECNOLOGIA:Proof of Stake
PROGETTO:Organizzazioni Finanziarie – Scambi Internazionali
CRIPTOVALUTA STELLAR

Sì, non è una criptovaluta nuovissima, anzi, è una di quelle popolari che sono nate per prima. Perché inseriamo allora Stellar in una classifica di criptovalute emergenti? Perché da un lato il gruppo continua a crescere e dall’altro invece l’arcirivale, Ripple (che occupa la stessa posizione di mercato), è in difficoltà a causa di una procedura aperta da SEC nei suoi confronti. 

Scheda su Stellar - infografica
La scheda su Stellar XLM

In realtà c’è molto di più da aspettarsi da Stellar e dai relativi Lumens. Parliamo di un network che può supportare scambi anche in altri asset, è cross-border e a bassissimo costo (una transazione oggi costa 0.00001 XLM). La partnership con diverse aziende del tech che conta (vedi IBM) non può che rinnovare la fiducia che in moltissimi nutrono in questa criptovaluta. Emergente in senso stretto? Forse no. Ma è una di quelle il cui futuro sembra essere particolarmente roseo, pur non rivestendo oggi il ruolo di big player

NOME:CURVE (CRV)
NASCITA:2020
DOVE COMPRARE:Coinbase Kraken / Binance
MIGLIOR BROKER:Piattaforma Capital.com
CAPITALIZZAZIONE:830 milioni di dollari
TECNOLOGIA:DAO Token / Ethereum
PROGETTO:Liquidità per Stable Coin
CRIPTOVALUTA Curve

Curve è una criptovaluta molto particolare, con la quale si pagano interessi nella relativa piattaforma, nata per offrire liquidità al mercato degli stable Coin. 

Scheda su Curve - infografica
La scheda su Curve

Il meccanismo di funzionamento è relativamente semplice: si bloccano fondi sul network (che faranno da base per la liquidità) e si ricevono in cambio token che rappresentano l’interesse e che possono essere utilizzati o per acquistare servizi o come mezzo di pagamento. IL progetto è nato in ambito DAO ed è ad oggi, almeno secondo la nostra redazione, uno dei più interessanti nel mondo delle criptovalute per supporto finanziario. Chi vuole investire su questo rivoluzionario progetto, può farlo con broker solidi come Capital.com (qui per il conto dimostrativo gratis), che lo offre a listino per accesso in CFD, con leva finanziaria e, per i momenti di trend negativo, anche con vendita allo scoperto.

NOME:KUSAMA (KSM)
NASCITA:2020
DOVE COMPRARE:Coinbase Kraken / Binance
MIGLIOR BROKER:Piattaforma Capital.com
CAPITALIZZAZIONE:3,6 miliardi di dollari
TECNOLOGIA:NPoS, PoW, XCMP
PROGETTO:Interscambiabilità tra blockchain
CRIPTOVALUTA Kusama

Kusama è legata a doppio filo a quanto viene offerto da PolkaDot, dato che ne condivide il fondatore e il funzionamento. La differenza maggiore tra i due è che mentre PolkaDot è destinato alle grande compagnie e al settore finanziario più ufficiale, Kusama rimane underground e destinato anche ai piccoli utilizzatori. 

Scheda su Kusama - infografica
Scheda su Kusama

Rimangono pertanto le caratteristiche tecniche che abbiamo visto poco sopra per Polkadot e soprattutto la prestanza a livello di transazioni e di inter-operabilità. È una delle criptovalute cresciute più rapidamente negli ultimi tempi e pertanto una di quelle da seguire con maggiore attenzione, soprattutto per chi cerca emozioni (e rischi) forti sul mercato. 

NOME:ORCHID (PXT)
NASCITA:2019
DOVE COMPRARE:Coinbase Kraken / Binance
MIGLIOR BROKER:Piattaforma Capital.com
CAPITALIZZAZIONE:284 milioni di dollari
TECNOLOGIA:ERC 20
PROGETTO:Network di risorse condivise
CRIPTOVALUTA Orchid

Orchid non varrà oggi molto in termini di capitalizzazione, ma è alla base di un progetto di grandissimo interesse, che vorrebbe essere alternativo alle classiche VPN, per una gestione della privacy online decentralizzata e conveniente per ogni partecipante. Si basa su tecnologia ERC20 e utilizza il token relativo per retribuire chi mette a disposizione le proprie risorse di rete e di computing. 

Scheda Orchid - infografica
La scheda su Orchid

Dietro il progetto qualche nome famoso dell’underground informatico, tra i quali Freeman, creatore ai tempi di Cydia, il primo store per dispositivi Apple con jailbreak. Il progetto vede anche dei partecipanti del mondo finanziario importanti ed è ad oggi uno dei più tecnicamente interessanti, tra quelli basati su tecnologia ERC20. Un buon investimento tra le valute emergenti, di recente listato su tutti i principali exchange e che troveremo anche sul conto demo di Capital.com.

Migliori piattaforme per comprare criptovalute emergenti

Comprare le criptovalute emergenti è possibile attraverso i migliori exchange criptovalutari. Qui puoi prendere visione della tabella completa con tutti i migliori testati e recensiti dagli analisti di Criptovaluta.it.

MIGLIORI EXCHANGES CRIPTOVALUTE

Fattori di scelta delle criptovalute nuove migliori

Ci sono oltre 8.000 criptovalute al mondo oggi , molte delle quali emergenti e arrivate sul mercato da poco – oppure sul mercato da più anni, ma senza aver mai conquistato le luci della ribalta. Come si svolgono le selezioni da Criptovaluta.it? Abbiamo diversi criteri che utilizziamo per valutare la bontà di un progetto. 

Criteri che per trasparenza – e per fornire ai nostri lettori tutto quello di cui hanno bisogno per compiere delle scelte intelligenti e di buona protezione del capitale, riportiamo anche qui. 

  • Validità del progetto

Dietro una criptovaluta deve necessariamente esserci un progetto valido. A cosa punta la criptovaluta? Chi sta guidando le operazioni di quotazione, di gestione dell’eventuale mining, di cura dell’algoritmo? Il progetto deve essere analizzato a fondo e soprattutto deve avere un senso finanziario ed economico. Parliamo di criptovalute emergenti sì, ma che un giorno dovranno diventare criptovalute affermate e con una buona capitalizzazione di mercato. 

  • Senso finanziario

Ci sono ottimi progetti di criptovalute no profit o nate senza avere in mente una scarsità di token. Sono queste criptovalute che non hanno alcun tipo di senso sul piano finanziario e che dovrebbero essere lasciate da parte quando siamo alla ricerca di un buon sistema sul quale investire. 

  • Specificità tecnica

Le criptovalute non sono soltanto moneta in senso stretto. Spesso ci aiutano a risolvere problemi tecnici e altrettanto spesso offrono delle soluzioni che fino a ieri non esistevano. Avere una specialità tecnica è oggi uno dei prerequisiti fondamentali per giudicare una criptovaluta emergente come migliore. 

  • Sottocosto

Il prezzo delle criptovalute emergenti deve essere oggi più basso di quello che ci aspettiamo sarà nel futuro. Cerchiamo sempre degli asset sottoprezzati al momento, così da avere delle buone prospettive future anche in termini di valore. Dopotutto vogliamo investire e l’obiettivo primo rimane quello di incrementare il capitale che abbiamo versato oggi per acquistare la criptovaluta. 

Perché scegliere criptovalute emergenti?

Da un lato abbiamo delle criptovalute ormai in circolazione da anni e che sfiorano per affidabilità sui mercati le valute fiat classiche. Dall’altro le criptovalute emergenti, che invece offrono meno garanzie e che in alcuni casi si rivelano per essere dei pessimi investimenti. Perché dovremmo scegliere di correre rischi così importanti con il nostro capitale? Perché alcuni questi progetti sono sicuramente le criptovalute su cui investire oggi, a patto di voler cercare profitti importanti seguendo strade meno conosciute.

  • A grandi rischi corrispondono guadagni potenziali altrettanto grandi

Il primo punto è sicuramente il guadagno potenziale. Ci sono criptovalute oggi che hanno prezzi molto bassi rispetto al montante di valuta in circolazione e un buon motivo per sceglierle è appunto la possibilità di moltiplicare di diverse volte il proprio capitale

Chi ha investito in criptovalute emergenti del passato ha ottenuto dei guadagni che altri tipi di asset finanziari non possono offrire. Pensate a chi ha investito in Bitcoin soltanto qualche anno fa: oggi si trova con il proprio investimento moltiplicato anche di 10.000 volte. Ed è proprio questo che cerchiamo quando ci mettiamo alla ricerca di una buona criptovaluta emergente. 

  • Perché c’è della qualità

Non è vero per tutti i progetti di criptovalute emergenti, ma è sicuramente vero per tutte quelle che abbiamo citato nel corso della nostra guida di oggi. Le criptovalute emergenti sono, talvolta, centro di migliorie tecniche e soluzione di nuovi problemi, caratteristiche che purtroppo difficilmente troviamo nelle criptovalute storiche e che oggi troviamo al vertice della capitalizzazione. 

  • Perché possono sovrastare le criptovalute classiche, anche sul medio periodo

Non è inconcepibile che alcune delle criptovalute emergenti più importanti del momento tra qualche mese varranno di più, anche in termini di capitalizzazione, delle criptovalute classiche che già conosciamo. 

Nessuno può fare previsioni certe in questo campo, ma scegliendo le criptovalute emergenti giuste sulle quali puntare, possiamo metterci in condizione di sfruttare eventuali corse al rialzo. Ci sono diverse criptovalute oggi al top che sono nate proprio come criptovalute emergenti

  • Perché il mondo delle criptovalute sta cambiando

Siamo abituati a ragionare sempre in termini di capitalizzazione, ma il vero futuro delle criptovalute sarà per chi sarà in grado di offrire novità tecniche e soluzioni a nuovi problemi. Quasi tutte le criptovalute che abbiamo elencato nella nostra classifica appartengono a questa categoria: hanno un progetto solidissimo alle spalle e puntano non soltanto sull’hype, ma sull’offerta di soluzioni concrete a costi concorrenziali. 

Criptovalute emergenti: sono tutte buone?

No, non tutte le criptovalute emergenti possono essere considerate come buone. La maggioranza di queste avranno vita breve o saranno comunque destinate a non crescere di valore

criptovalute emergenti scam - infografica
Non tutte le criptovalute emergenti sono interessanti o solide

Non basta affidarsi ad una criptovaluta, soltanto perché apparentemente emergente, per fare un buon affare. Con oltre 8.000+ tra le quali scegliere, in aggiunta, vorrebbe dire sceglierne senza alcun criterio ed essere certi di accrescere il proprio capitale. Le cose non stanno ovviamente così ed è per questo motivo che ci siamo preoccupati di sceglierne 13 da consigliare ai nostri lettori. 

È necessario anche però individuare quei progetti che, almeno secondo la nostra redazione, oggi non hanno alcun tipo di senso, che possono essere truffaldini o che comunque non hanno le basi per essere oggetto di investimento. 

Nuove criptovalute da evitare secondo Criptovaluta

Non tutte le criptovalute emergenti oggi hanno senso finanziariamente parlando. Noi ne segnaliamo sette – che tra schemi truffaldini oppure scarsa progettualità, sono ad oggi le peggiori sulle quali investire. 

  • KIN

È la criptovaluta della App di messaggistica Kik, ormai sul mercato da quasi 4 anni. Anche se nelle ultime settimane ha recuperato un minimo di valore, siamo molto lontani dai massimi toccati nel 2018. La causa con SEC, con relativa multa, lascerà molto probabilmente delle ferite aperte importanti. 

Allo stato attuale delle cose, per noi è una criptovaluta emergente sulla quale non investire. Il consiglio aggiuntivo è quello di evitare di entrare nella mentalità tipica di chi non conosce i mercati. Se è arrivata a valere quasi zero, non vuol dire che un minimo movimento di prezzo sarà in grado di renderci milionari. 

  • PlusCoin

Anche se la polizia cinese ha fatto ormai il suo dovere e ha arrestato oltre 100 persone coinvolte in questo schema Ponzi, continuiamo a vedere online pubblicità e inviti all’investimento, spesso da sedi periferiche del gruppo multinazionale che ha messo in piedi l’ennesimo sistema di investimenti con ritorno garantito basato su una nuova criptovaluta. 

La storia di PlusCoin dovrebbe essere d’esempio a tutti, anche nella scelta di nuove criptovalute emergenti. Quando il progetto che ci viene offerto, finanziariamente parlando, è troppo bello per essere vero, meglio starne alla larga, perché il rischio di perdere tutto per mano di truffatori è concreto. 

  • Yam Finance

Progetto collegato ad agricoltura concreta, di letterali food tokens. Ottimo il progetto di basse, meno l’esecuzione, che ricorda molto da vicino il funzionamento di diversi schemi MLM. Cos’è successo poi? Semplice, gli smart contract in realtà contenevano degli errori di aritmetica di base, con conseguente bug impossibile da sistemare. 

Il risultato? Un nuovo lancio di Yam, ma con questa storia alle spalle, meglio rimanerne alla larga, soprattutto oggi che abbiamo a disposizione così tante alternative. Il settore DeFi, quello dei token finanziari – o meglio, della tokenizzazione degli asset – rimane uno dei più interessanti al momento. Ma come dovrebbe essere chiaro dall’esito di Yam Finance, non tutte le ciambelle riescono con il proverbiale buco. 

  • HOTDOG

Anche questo è un token sul quale ormai non ha più senso investire, e che entra di diritto in queste nostre citazioni perché esempio di quello che può accadere quando si investe senza alcun tipo di conoscenza del mercato. 

HOTDOG è stato uno dei tanti token nati su Uniswap di recente. In poche ore, pompato dalla grande fame di DeFi Coins su scala mondiale, ha raggiunto il prezzo di 6.000 dollari sui principali scambi. Dopo pochi giorni, insieme seguito a vendite verticali, il prezzo è tornato ad essere inferiore ad 1 dollaro. Una storia che dovrebbe essere di esempio su quello che può accadere quando si investire su una criptovaluta di bassa qualità, che sta avendo un aumento di prezzo ingiustificato anche dalla matematica finanziaria che governa le criptovalute. 

  • BEAM

Nato con una forte vocazione per la privacy ma già smascherato dagli esperti nel 2019, BEAM si è rivelato essere uno degli scam peggiori mai registrati nel mondo delle criptovalute. Puntando a diventare un nuovo Monero, in realtà ha raccolto capitali che non sono stai mai ottenuti indietro dai legittimi proprietari. 

Cosa peggiore: presso scambi non ufficiali e non controllati il token continua a circolare, attraendo investitori purtroppo ignari della vicenda. Da starne alla larga. 

  • OEN

Lanciato di recente, questo ennesimo token ERC non ha mai preso il volo e nonostante le grandi promesse, è rimasto un progetto praticamente morto. 

Il sito non è più raggiungibile e in realtà dietro le promesse non si è mai concretizzato nulla, se non una manipolazione anche abbastanza grossolana dei valori su diverse piattaforme. A completare il quadro, il listing su diversi exchange truffa. OEN non ha fatto troppi danni in Europa, ma deve essere preso ad esempio del perché non investire su token che non sono stati ancora listati su exchange rispettabili, come quelli che consigliamo in questa guida. 

  • Chicken

Token che ha, almeno a sua detta, cercato di ottimizzare i processi che abbiamo già visto applicati con Sushiswap. Altro food token che promette un lancio in più fasi ma che, almeno secondo noi, al momento non dovrebbe meritare l’attenzione degli investitori. 

Il prezzo è relativamente stabile dal suo lancio ad inizio 2020, ma cominciamo a diffidare da progetti che nascono tutti con le stesse intenzioni, con pochissimi che però riescono effettivamente ad arrivare a meta, ovvero a diventare dei rispettabili asset finanziari sui quali investire. 

Criptovaluta emergente opinioni e recensioni

Aggiungiamo ulteriori opinioni e recensioni del nostro staff, che possono aiutarci a comprendere il fenomeno delle criptovalute emergenti e soprattutto a metterlo in prospettiva, anche in relazione agli altri tipi di investimenti che si possono fare nel settore. 

La scelta tra criptovalute conosciute e criptovalute più emergenti non è di poco conto: da un lato c’è la certezza di progetti che hanno già superato la prova del nove, dall’altro progetti ancora in divenire, che presentano moltissime incognite. 

Conviene comprare criptovalute emergenti?

Dipende. Non riteniamo che le criptovalute emergenti siano la soluzione ideale per tutti e non riteniamo che dovremmo destinargli tutto il nostro capitale. Ci sono profili di convenienza e invece profili di rischio, che vanno correttamente bilanciati per ottenere il massimo da questo sottomercato di asset comunque finanziari. 

  • I rischi sono alti

Se i rischi nel mondo delle criptovalute sono già alti, il discorso si fa ancora più complicato per quanto riguarda le criptovalute emergenti. In questo caso stiamo puntando su delle scommesse letterali, alcune delle quali non si realizzeranno. 

Chi si avvicina al mondo delle criptovalute emergenti deve fare i conti con questo rischio e non farsi immobilizzare. Deve tenerne conto e controbilanciarlo, con tecniche specifiche delle quali parleremo tra poco. 

  • I potenziali guadagni sono molto alti

Di fronte ai rischi – così funziona il mondo degli investimenti e della finanza – troviamo anche delle occasioni di guadagno che nessun altro asset – comprese le criptovalute più conosciute – possono offrire. Non è un automatismo e non tutte le criptovalute emergenti saranno in grado di offrire guadagni enormi. 

Ma il fatto che in potenza questi guadagni ci siano, è un buon motivo per guardare, con interesse, alle criptovalute che oggi non sono al vertice, che sono nuove o che per anni sono rimaste sottotraccia

La convenienza non può che essere personale: dovremo valutare, in relazione ai nostri bisogni di investitori, come, quanto e quando investire in tali criptovalute. Senza salire per forza su un treno che potrebbe non essere quello che fa al caso nostro. 

Ulteriori consigli sulle criptovalute emergenti

Ci prendiamo la libertà di dare qualche ulteriore consiglio sulle criptovalute emergenti, al fine di indirizzare in modo intelligente il nostro investimento. 

  • Diversificare è il primo passo

Se vogliamo creare un buon portafoglio che ci permetta di ottenere il massimo dalle criptovalute emergenti, diversificare rimane il primissimo passo. Non bisogna puntare tutto il proprio capitale su una sola criptovaluta, emergente o meno. Dobbiamo fare tesoro dell’esperienza, nella creazione di portafoglio, di chi investe in mercati più classici e farla nostra. 

Scegliamo dunque diverse criptovalute emergenti, magari insieme a criptovalute più conosciute e avremo un portafoglio dove il rischio è effettivamente distribuito. 

  • Sceglierne due o tre sulle quali puntare

Non disperdere eccessivamente il proprio investimento, anche se le opportunità sono tante. Perché comunque gli investimenti andranno seguiti e rimarrà fondamentale avere tempo a sufficienza per studiarne andamento e prospettive. Se la diversificazione da un lato è molto importante, dall’altro dovremo evitare un’esposizione su un numero troppo elevato di criptovalute emergenti. 

  • Evitare troppe avventure

Il mondo delle criptovalute è già molto volatile di per se – e non c’è bisogno di infilarsi in troppe avventure per avere il brivido dell’investitore. Anche di fronte ad asset altamente speculativi, mai perdere il lume della ragione. Bisogna sempre affrontare con il massimo possibile della razionalità i nostri investimenti. 

Considerazioni finali

Le criptovalute emergenti, grazie anche alla meritoria opera degli exchange, sono una possibilità di investimento per tutti. Non tutte però sono degne della stessa attenzione e non tutte possono offrire speranza per il futuro. 

In questa guida – che si avvia alla conclusione – abbiamo studiato tutte quelle che oggi presentano delle buone prospettive, evidenziandone punti di forza ed eventuali debolezze. La scelta ora non può che passare a chi investirà, che troverà in questa guida spunti e criteri per evitare criptovalute emergenti che non hanno senso e per puntare soltanto a quelle che presentano delle buone prospettive. 

Lasciandosi sì ispirare, ma confrontando comunque le possibili scelte con la propria strategia complessiva di investimento, tenendo conto anche dei rischi e dei potenziali guadagni in prospettiva. 

FAQ migliori criptovalute emergenti: domande e risposte

  1. Che cosa sono le criptovalute emergenti?

    Le criptovalute emergenti sono cryptotokens che sono nati da poco tempo, o che da poco tempo hanno un valore importante di mercato. 

  2. Conviene investire in criptovalute emergenti?

    Le criptovalute emergenti possono essere un'ottima opportunità di profitto, anche se vanno valutati volta per volta i progetti che sostengono, la solidità del management e i rischi coinvolti. Sono mediamente più rischiose delle criptovalute più famose. 

  3. Chi dovrebbe investire in criptovalute emergenti?

    Le criptovalute emergenti dovrebbero interessare soltanto chi è disposto a correre rischi in cambio di potenziali guadagni alti. Chi non vuole correre rischi maggiori, dovrebbe invece orientarsi verso criptovalute più stabili. 

  4. Le criptovalute emergenti sono una truffa?

    No, anche se è vero che qualche neonato progetto di criptovalute nasce proprio allo scopo di far arricchire rapidamente chi lo ha creato, spesso con schemi poco limpidi o ampiamente truffaldini. 

  5. Quali sono le migliori criptovalute emergenti?

    Nella nostra guida abbiamo individuato 13 criptovalute emergenti ideali per iniziare a investire oggi su asset Crypto più interessanti. Al momento riteniamo come migliori 3 BAT, Chainlink e CELO. 

  6. Come si può investire in criptovalute emergenti?

    Gli exchange sono il canale migliore per investire in criptovalute emergenti, perché da un lato offrono strumenti idonei per farlo, dall'altro selezionano soltanto quelle con un progetto solido alle spalle. 

  7. Quanto conviene investire in criptovalute emergenti?

    È saggio destinare a questo tipo di investimenti soltanto una parte del nostro capitale. Si tratta pur sempre di investimenti ad alto rischio.

Info su Gianluca Grossi

Laureato in Giurisprudenza, è esperto di investimenti in criptovalute. Ha già investito in passato in BitCoin, DogeCoin, Ethereum e XRP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *