Home / Ripple: la guida completa alla valuta digitale atipica

Ripple: la guida completa alla valuta digitale atipica

Il mondo delle valute virtuali è in continua espansione e in costante cambiamento. Una delle maggiori espressioni di questi cambiamenti è proprio la criptovaluta Ripple, una valuta virtuale particolarmente interessante.

In questa guida vogliamo presentare tutti i principali aspetti positivi di Ripple senza dimenticare anche qualche aspetto svantaggioso. Vedremo anche il meccanismo di funzionamento e le somiglianze e differenze rispetto al sistema dei Bitcoin.

Su Criptovaluta.it, l’unico portale italiano interamente dedicato al mondo delle criptovalute, trovi materiale aggiornato e le migliori recensioni per cercare di restare sempre al passo coi tempi in un mondo in costante evoluzione come quello delle valute virtuali.

Cosa sono i Ripple?

È chiaro che ancora prima di affrontare altri argomenti, risulta di fondamentale importanza andare a definire prima che cosa sono i Ripple. Ripple, conosciuto anche con la denominazione della sua valuta XRP, è chiaramente una criptovaluta ovvero una valuta virtuale in circolazione già dal 2013.

Da quando è nata Ripple l’intenzione è stata sin da subito quella di sfidare le grandi criptovalute fino ad allora presenti: i Bitcoin ed Ethereum su tutte. Ovviamente come già accade per tutte le nuove criptovalute anche il valore dei Ripple non si basa sulla circolazione di alcuna moneta fisica, ma viene stabilito direttamente dai rapporti monetari che si possono scambiare solamente online.

Inutile dire che a fare da apripista nell’ascesa di Ripple ci ha pensato Bitcoin. Quindi se oggi anche questa moneta è finita sotto le luci della ribalta è dovuto al fatto che i Bitcoin stessi sono finiti già da diverso tempo sulla bocca di tutti in tema di criptovalute.

Da quando i Bitcoin hanno raggiunto quotazioni oltre i 6.000 dollari infatti le valute virtuali, anche quelle più piccole e meno importanti, hanno iniziato a vedere un sostanziale incremento nell’attenzione riservatagli.

ripple logo
Ripple

Storia di Ripple

Ripple ovviamente rappresenta un’interessante criptovaluta basata su un protocollo creato da OpenCoin nel lontano 2013 fondata da Chris Larsen e Jed McCaleb. Al giorno d’oggi l’ idea originaria viene costantemente sviluppata dai Ripple Labs di San Francisco in California.

Alla base del progetto immaginato da Larsen e McCaleb insiste la volontà di eliminare svantaggi e difficoltà legate all’utilizzo del Bitcoin. Vedremo poi dove risiedono le principali differenze. Chiaramente il sistema su cui si basa il Ripple è basato sul trasferimento di fondi in tempo reale attraverso un protocollo gestito dalla società stessa chiamato Ripple Transaction Protocol.

Con questo sistema può essere scambiata la criptovaluta proprietaria XRP sulla base di transazioni finanziarie rese più semplice e col pallino delle commissioni pari a zero su ogni transazione effettuata.

Se proprio dovessimo dare una definizione di Ripple va detto che l’intero sistema si basa su di una rete sicura che utilizza un algoritmo chiamato Ripple Consensus per stabilire e registrare transazioni monetarie su un database distribuito nella blockchain. Il database è chiamato Ripple Consensus Ledger (RCL).

A causa della sua natura distribuita il database RLC è in grado di offrire l’immutabilità delle transazioni senza basarsi su un operatore centrale. Il sistema è stato creato con uno scopo particolare: quello di facilitare gli scambi e le transazioni in denaro che avvengono tra gli utenti della rete.

Ripple oggi viene usato anche per cambiare moneta. Ad esempio si possono effettuare cambi tra Sterlina e dollari Statunitensi senza dover richiedere una simile operazione a un intermediario come una banca centralizzata per farlo. Un sistema particolarmente rivoluzionario quindi. Si pensi che la struttura su cui è basato permette il trasferimento di somme di denaro anche tra istituti bancari visto che viene utilizzato anche da Unicredit e Santander.

ripple
Logo di Ripple

Come funziona Ripple?

Ripple oltre a poter garantire i cambi tra le valute fiat (le normali valute che siamo abituati a utilizzare) può essere tranquillamente utilizzato anche per i cambi tra valute digitali cosa che sicuramente diventerà sempre più diffusa.

Se Bitcoin ed altre criptovalute utilizzano sistemi decentralizzati lo stesso non vale anche per Ripple che utilizza una piattaforma non decentralizzata ma open source. Ciò vuol dire chiaramente che ogni sviluppatore potrà dare il proprio contributo con interventi e modifiche sempre regolamentati da precise normative di utilizzo. I Ripple quindi non rappresentano proprio la criptovaluta, che ricordiamo è conosciuta col nome XRP, ma la piattaforma sulla quale operano.

Ripple differisce dal Bitcoin per il fatto che presenta registri per le transazioni denominati Ledger in grado di monitorare le transazioni e completarle in un tempo minimo. Molto interessante anche la possibilità di trasferire valute di differente forma, ad esempio se trasferisco euro ad un destinatario che vorrà ricevere dollari o altra moneta potrò farlo tranquillamente.

Questo sistema ha a sua volta una moneta ma con una grande differenza i Ripple non vengono minati dagli investitori su una rete di computer. Quindi i Ripple non nascono come i Bitcoin. Semplicemente le monete vengono assegnate a coloro che “donano” le capacità computazionali dei propri comparti hardware.

Forse è per questo che alcuni fanno fatica ad indicare il Ripple come una vera valuta virtuale in quanto viene meno un reale possesso da parte degli investitori del sistema stesso. Inoltre la cosa particolare è un’altra. Le monete sono tecnicamente di proprietà dei laboratori Ripple, il che fa differenza con i Bitcoin perché in questo caso è un po’ come avere una banca centralizzata.

I Ripple quindi come si diceva non presentano un sistema decentralizzato come accade per la maggior parte delle altre valute digitali.

Quali le caratteristiche principali di Ripple

Detto questo, quali sono allora le caratteristiche principali e uniche del sistema Ripple? Eccone un elenco:

  • Enorme rete di distribuzione
  • Mancanza di ente centrale con transazioni che avvengono direttamente tra gli account
  • Grande sicurezza negli scambi
  • Le transazioni sono sottoscritte e assicurate grazie a una crittografia di tipo ECDSA o ED25519
  • Come tutte le altre criptovalute i Ripple si caratterizzano per la scalabilità
ripple quotazione
Grafico sull’andamento dell’XRP

Vantaggi di Ripple

Quali sono i grandi vantaggi di Ripple che rendono il sistema particolarmente utilizzato anche dalle banche? Ripple ad esempio consente alle banche di fare pagamenti che superano i confini di due o più stati in tempo reale e con un crittografia end to end in grado di mantenere anonimi e sicuri tutti i dati relativi alle transazioni con costi delle commissioni quasi inesistenti.

Ciò consente a una banca di fornire liquidità tra proprie filiali in luoghi differenti, ma può farlo anche per terze parti. Più Ripple diventa diffusa e più aumentano anche gli scambi della sua valuta. Una peculiarità di Ripple è che non richiede la presenza di un conto bancario per effettuare transazioni.

Grazie a Ripple chi fornisce liquidità può concentrarsi sulla riduzione dei costi delle transazioni arrivando ad offrire i propri servizi a prezzi molto più bassi rispetto a quelli della concorrenza.

Valore Ripple

Il valore dei Ripple è in costante mutamento, un po’ la stessa cosa che accade per gli altri asset di questo tipo i cui mercati si presentano davvero molto instabili in certe situazioni. Nel suo valore monetario la criptovaluta pensata per i pagamenti intercontinentali istantanei fa segnare tuttavia sempre nuovi record.

Ripple si pone quindi al di sotto di  Bitcoin ed Ethereum visto anche che il suo valore cresce con costanza e può rivelarsi un vero e proprio investimento. Basta pensare che nel 2017 XRP è stata la valuta virtuale che è cresciuta più di tutte.

Nel gennaio 2017, infatti, un XRP veniva scambiato a poco più di sei millesimi di dollaro: a fine giugno aveva raggiunto i 25 centesimi. Una crescita pari a quasi il 4000% ottenuta nonostante il massimo storico di 41 centesimi sia stato toccato nel mese di maggio. Negli ultimi mesi del 2017 la moneta è scesa fin sotto i 18 centesimi, ma la crescita complessiva è comunque estremamente significativa.

Nel novembre 2017 il valore dell’XRP si è posto a 22 centesimi di dollaro. Il trend quindi è assolutamente positivo. Il picco l’ha avuto sul finire di dicembre 2017 e ai primi di gennaio 2018 quando Ripple ha superato circa i 3 dollari caduno.

Ripple – Euro

Volendo valutare un Ripple nei confronti del “nostro” Euro diremo che l’evoluzione è stata più o meno la stessa che si è avuta con il dollaro visto che un Ripple ad oggi vale circa 18 centesimi di euro. Ma questa disparità è destinata ad appiattirsi sempre di più.

La forza di XRP, infatti, è quella di sfruttare la blockchain per velocizzare al massimo i pagamenti intercontinentali, eliminando tutta una serie di intermediari che in alcuni casi fanno sì che un bonifico tra paesi extraeuropei possa impiegare anche giorni per arrivare a destinazione. I Ripple sono quindi una rivoluzione che probabilmente in tanti vorranno adottare in futuro.

Quotazione Ripple

Siccome le quotazioni dei Ripple sono in costante cambiamento la cosa migliore da fare sarebbe quella di seguire un counter di tutti i cambiamenti che avvengono anche giornalmente, utilizzando ad esempio anche quello che è presente qui su Criptovaluta.it.

Altrimenti ci sono molti siti che offrono questo servizio. Ad esempio si può conoscere il valore di cambio dei Ripple sulle piattaforme di trading online che presentano dei grafici fatti apposta per questo scopo.

Di seguito puoi prendere visione del widget che ti mostra la quotazione aggiornata del prezzo di ripple oggi in euro ( controvalore in dollari ), il volume totali degli scambi avvenuti su Ripple nelle ultime 24 ore e la capitalizzazione complessiva di mercato.

Guadagnare con Ripple

Ma si può guadagnare con l’utilizzo dei Ripple? La risposta è si ma più avanti cercheremo di introdurti nei diversi modi di cui puoi approfittare per cercare di ottenere dei Ripple.

Una volta ottenuti ci possono anche essere dei modi da sfruttare per poter guadagnare al meglio da questa opportunità. Infatti cercheremo di capire anche se ad oggi i Ripple possano o meno essere considerati un buon investimento vista anche la crescita esponenziale del loro valore nel corso del tempo. Per approfondire la tematica clicca su: Guadagnare Ripple.

ripple coin
Ripple

Comprare Ripple

Ma c’è un modo per comprare Ripple o in generale venirne in possesso? Quali sono gli exchange che offrono Ripple come possibile moneta in acquisto? Ma soprattutto questa valuta virtuale può essere considerata un buon investimento?

Quando si ottengono Ripple la cosa migliore è stiparli all’interno di un portafoglio virtuale dotato di una chiave di accesso che conosci solo tu. In genere i portafogli per i Ripple non hanno differenze con quelli che si usano per i Bitcoin e vengono chiamati wallet come già sappiamo.

In genere quando si ottengono valute virtuali c’è una sola soluzione che si dimostra veramente sicura, parliamo dell’hardware wallet Ledger Nano S e di altri prodotti di questa tipologia. Si tratta di un wallet hardware ovvero di un portafoglio fisico e virtuale allo stesso tempo dove inserire i tuoi preziosi Ripple che potrà essere “conservato” all’interno di hard disk o pen drive. Il consiglio è anche quello di fare sempre diversi backup.

Ci sono però anche delle alternative come il wallet Rippex che è un portafoglio utile per i computer desktop sviluppati da Mac, Windows e Linux.

Come comprare Ripple partendo dall’Euro

Se sei in possesso di una qualsiasi valuta fiat, puoi comprare Ripple? La risposta è si, sia che tu disponga di Euro di Dollari o di Sterline puoi sempre comprare Ripple, basta usare un metodo di pagamento a scelta tra bonifico e carta di credito.

Su Bitstamp ad esempio puoi comprare Ripple tramite bonifico bancario. Si tratta di un exchange che attraverso l’iscrizione e dopo la normale procedura di verifica dei dati e dell’identità ti permette di comprare subito Ripple al prezzo del cambio corrente sia EUR che USD.

Una volta confermato il trasferimento di denaro la valuta fiat può essere scambiata con XRP direttamente sull’exchange. Bitstamp permette alle persone di spostare i fondi sulla piattaforma con una carta di credito o di tradare Bitcoin direttamente per degli XRP.

GateHub è un altro exchange che supporta XRP. GateHub accetta trasferimenti SEPA e bonifici bancari, sebbene ci sia una fee da 15 $ per questi ultimi. Dopo aver ricevuto USD o EUR, queste valute possono venire scambiate in XRP sulla piattaforma di trading di GateHub.

Comprare Ripple con i Bitcoin

Se ti stai interessando ai Ripple è possibile che tu già possieda già  un’altra valuta digitale come ad esempio i Bitcoin, ebbene sappi che puoi acquistare i Ripple anche attraverso l’uso di Bitcoin. Tra l’altro la community di Ripple spinge su questo metodo visto che sarebbe questo il modo più economico per ottenere la criptovaluta.

bitcoin ripple
Bitcoin e Ripple

Bisogna affidarsi però sempre a un broker come IQ Option. Una volta ottenuti i Bitcoin puoi scegliere liberamente dove andare a cambiarli con gli XRP.

Tra i vari exchanges ricordiamo anche Changelly o Shapeshift pratici e buoni da usare.

Poi abbiamo anche Poloniex, Bittrex e Kraken tutti posti pratici e veloci per cambiare le proprie criptovalute come si preferisce, in base alle proprie esigenze.

Bisogna però ricordarsi che non bisogna mai lasciare le proprie valute virtuali all’interno di un qualsiasi exchange ma bisogna sempre dotarsi del proprio portafoglio criptovalute personale perché altrimenti si corrono rischi seri di perdere le monete.

Ripple Mining

Come abbiamo già detto, il Ripple è una criptovaluta che non prevede la presenza di attività di mining. In sostanza, è proprio questa la grande differenza tra il Ripple e le altre criptovalute. E allora come si fa ad ottenere Ripple tramite il mining?

Sopra abbiamo detto che è possibile ottenere Ripple usando le altre valute virtuali, come il Bitcoin, l’Ethereum oppure il Litecoin, come strumento di scambio nei confronti del Ripple. Oppure affidarsi ad IQ Option per fare trading online di Ripple e altre criptovalute.

Si tratta di effettuare un cambio di valuta, esattamente come quando ti rechi in un Paese che non adotta l’Euro, ti rivolgi ad un agente di cambio, per poter utilizzare la moneta locale per le transazioni che effettui.

Chi garantisce le transazioni?

ripple mining blockchain
Malgrado l’assenza di mining vero e proprio, il network di Ripple funziona in totale sicurezza

Ecco uno dei punti fondamentali da toccare quando si parla di Ripple. Poiché non esiste una vera e propria possibilità di fare mining, occorre che nella rete sia comunque presente un sistema di convalida senza che esso venga direttamente ricompensato. I nodi che consentono la convalida delle transazioni, in realtà, sono molteplici e hanno un interesse -anche se indiretto- a rappresentare un nodo di convalida.

Il concetto alla base è molto semplice: gli users frequenti di Ripple, che lo usano per qualsiasi ragione lo usino, hanno interesse a far funzionare rapidamente ed in sicurezza la rete. In questo senso, tutti sono coinvolti: exchange, investitori, speculatori, arbitraggisti, ed ogni istituzione che voglia rendere un servizio pubblico come un’università o un centro di ricerca. Anche se non viene riconosciuta una diretta ricompensa in Ripple, essa esiste comunque ed ha una duplice natura:

  • Aumento del valore della criptovaluta. Se si hanno dei Ripple, è chiaro che ne si desideri l’aumento in valore. Se la rete funziona a dovere, e dunque sono presenti molti nodi di convalida, tutti coloro che detengono una parte della capitalizzazione di questa criptovaluta ne trarranno beneficio in quanto la quotazione salirà.
  • Costi di transazione e rapidità di esecuzione. Il sistema Ripple è studiato in modo tale da garantire le migliori condizioni di negoziazione, in quanto a commissioni e rapidità, a coloro che rappresentano un nodo di convalida per gli scambi che avvengono nella rete.

Perché Ripple è immune al 51%-attack

Non tutti lo sanno, ma la rete di Bitcoin ha un problema intrinseco piuttosto preoccupante. Se un singolo nodo arrivasse a detenere il 51% dell’intera potenza di calcolo della rete, il sistema risulterebbe compromesso e la blockchain totalmente falsata dalle codifiche del nodo in questione. Inoltre, attraverso il mining questo nodo potrebbe arrivare presto a detenere pressoché tutti i Bitcoin della rete, rendendo inutilizzabile la valuta. Questo problema è noto come 51%-attack, ed è una cosa che non riguarda Ripple (e per ora nemmeno Bitcoin). Detenere il 51% della potenza di calcolo di sistemi come questi sembra impossibile, ma con l’avvento dei computer quantistici -che per ora non hanno ancora usi commerciali su larga scala- potrebbe diventarlo poco dopo il release di questi sistemi.

Ripple fonda il suo sistema di convalida su due aspetti fondamentali. Il primo è che la potenza di calcolo aggiuntiva ai requisiti minimi non è in alcun modo utile per poter cambiare il sistema con cui funziona questa criptovaluta; il secondo è che, qualora un nodo diventasse eccessivamente presente nella rete, agli utenti sarebbe comunque concesso di non lasciare che fosse quel nodo a convalidare le proprie transazioni.

Puoi acquistare sul sito ufficiale Ripple

Si, una volta entrati sul sito ufficiale puoi prendere parte al Forum su questa criptovaluta, e in questo modo cercare qualcuno che sia disposto a scambiare i suoi Ripple con un’altra valuta digitale, o a venderteli. Puoi trovare delle occasioni interessanti, nella sezione Market/Exchange, creata appositamente per questo genere di attività. Tuttavia bisogna fare sempre attenzione anche perché difficilmente si conoscono gli utenti.

Se invece vuoi semplicemente acquistare i Ripple c’è un’apposita sezione del sito che ti spiega come fare e quali sono i portali che ti permettono di effettuare queste operazioni.

Minare Ripple quindi non è possibile!

Puoi averli a disposizione gratuitamente tramite un contributo attivo alla comunità oppure puoi decidere di acquistarli, ma di fatto, questa criptovaluta non è stata concepita integrando il concetto di mining.

Guadagnare Ripple velocemente

Ma se per vari motivi non si è interessati a tutte queste “complicazioni” per ottenere i Ripple come si può trovare un metodo per guadagnare semplicemente e nella maniera più veloce possibile?

In effetti abbiamo visto che ottenere Ripple non è una cosa delle più semplici ed anche una volta ottenuti ci si chiederà pure cosa bisogna fare per ottenere dei profitti, ma soprattutto Ripple è un buon investimento?

Per prima cosa bisogna dire che nei prossimi anni Ripple si appresta a guadagnare maggiore importanza perché gode già dell’appoggio di molte banche e molte altre probabilmente sceglieranno presto di avvalersi dei servizi di Ripple. Questo accade grazie alla possibilità di sfruttare un network globale per spostamenti di somme di denaro di ogni tipo in tempo reale: una caratteristica davvero unica se si pensa che oggi per spostare denaro da banca a banca ci vogliono tempi non proprio brevi.

Figuriamoci poi per banche che si trovano i nazioni diverse.

XRP quindi possiede un potenziale sconfinato per chi vuole guadagnare e portare a casa alti rendimenti dovuti a plusvalenze su investimenti sulla valuta. Se XRP dovesse diventare la valuta ufficiale dei trasferimenti in ambito bancario probabilmente farebbe davvero il botto.

Come approfittare di questa rivoluzione? Facendo trading di XRP.

Ripple: come fare trading online ?

La migliore soluzione per investire in Ripple e guadagnarci velocemente è quella di fare trading sulla criptovaluta. Ma quali sono i broker che permettono la sua negoziazione?

plus500 ripple
Il trading su Ripple è possibile attraverso alcuni broker di CFD come Plus500

Sono quelli che permettono di fare trading CFD. Si tratta dei contratti per differenza che seguono l’andamento della valuta e ne copiano la quotazione. Le piattaforme per fare trading CFD su Ripple e altre valute virtuali sono semplici da usare e molto sicure.


Plus500 per negoziare Ripple

Ad esempio è possibile tradare Ripple con la piattaforma di un broker importante come Plus500 che applica spread molto competitivi, ovvero costi di commissione del trading praticamente nulli o che comunque equivalgono a pochi centesimi per operazione.

Apri un nuovo conto in Plus500 per iniziare il tuo trading con le Ripple

Il broker richiede un deposito minimo di 100 euro per l’apertura di un conto reale. In questo modo si può iniziare con una piccola spesa iniziare a produrre capitale e investire nell’interessante XRP di Ripple. Inoltre, con un conto demo presente su Plus500, è anche possibile negoziare inizialmente Ripple con un capitale virtuale e accumulare una utile esperienza di trading sulle potenzialità di questa criptovaluta.

RECENSIONE PLUS500 NEGOZIA RIPPLE SU PLUS500 *Servizio CFD”. L’80,6% perde denaro “.


eToro, Top broker di criptovalute con possibilità di tradare Ripple

Anche il celebre broker eToro offre la possibilità di fare trading con Ripple. Va notato che, essendo questo servizio famoso per il copy trading, non è necessario essere esperti per poter negoziare la criptovaluta in questione; semplicemente scegliendo di imitare le mosse di un trader o un indice di successo, la piattaforma penserà ad allocare i fondi in automatico. eToro gode poi di ottime integrazioni social, per cui sarà possibile anche osservare e partecipare alle discussioni che i trader pubblicano in tema Ripple, mantenendo un costante polso del mercato senza dover frequentare altri forum o community di riferimento.

RECENSIONE ETORO NEGOZIA RIPPLE SU ETORO


IQ Option, broker famoso per investimenti in criptovalute e Ripple

Un buon motivo per utilizzare IQ Option per fare trading su Ripple consiste nella trasparenza della valutazione della criptovaluta. Il broker infatti utilizza come valore sottostante, in ogni momento, il valore proposto da BitFinex. Questo exchange è uno dei più liquidi ed utilizzati, specialmente in Europa, per cui si possono prendere senza dubbio le sue quotazioni come accurate. Non essendo quotate in borsa nei mercati regolamentati, infatti, la maggior parte delle criptovalute rappresenta per i broker un problema in termini di determinazione del valore di mercato.

RECENSIONE IQ OPTION NEGOZIA RIPPLE SU IQ OPTION

Di seguito ti mostriamo la tabella di comparazione con i 4 brokers consigliati da Criptovaluta.it per negoziare criptovalute.

PIATTAFORME CRIPTOVALUTE CONSIGLIATE DA CRIPTOVALUTA.IT

Deposito: €200
Spreads: Bassi
Licenza: CySEC
Commissioni: zero
Conto demo: SI
Apri demo gratis
Please wait...
Recensione eToro

APRI UN CONTO
Visita il sito ufficiale
Il tuo capitale è a rischio.
Deposito: €10
Spreads: Onesti
Licenza: CySEC
Commissioni: zero
Conto demo: SI
Apri demo gratis
Please wait...
Recensione IQ Option
APRI UN CONTO
Visita il sito ufficiale
Il tuo capitale è a rischio.
Deposito: €100
Spreads: Stretti
Licenza: CySEC
Commissioni: zero
Conto demo: SI
Apri demo gratis
Please wait...
Recensione Plus500
APRI UN CONTO
Visita il sito ufficiale
Il tuo capitale è a rischio.
Deposito: €100
Spreads: Onesti
Licenza: CySEC
Commissioni: zero
Conto demo: SI
Apri demo gratis
Please wait...
Recensione Markets.com
APRI UN CONTO
Visita il sito ufficiale
Il tuo capitale è a rischio.

Ripple è una truffa?

Come è già accaduto a quasi tutte le criptovalute esistono sempre i detrattori che pensano che si tratti solo di una truffa. Ma come è ovvio risulta veramente impossibile che una valuta virtuale utilizzata anche da diverse banche possa essere una truffa!

Provare per credere insomma. I Ripple si apprestano a cambiare il modo con cui facciamo pagamenti internazionali, altro che truffa. Basta andare sul sito ufficiale di Ripple per rendersi conto del livello di serietà e sicurezza assoluta.

Ripple Opinioni e considerazioni finali

Cosa possiamo dire infine di questa valuta virtuale? Oggi non interessarsi di Ripple come di Bitcoin o Ethereum è diventato impossibile. Questo perché sia che si vogliano fare investimenti sia che si vogliano adottare nuove tecnologie non si può essere all’oscuro delle grandi novità portate dallo sviluppo.

Inoltre con l’andare del tempo, come abbiamo visto, investire in questa valuta come nelle altre valute digitali si rivelerà sempre di più come un affare importante e potenzialmente redditizio. Scopri di più sulle valute virtuali leggendo gli articoli di Criptovaluta.it e conosci tutte le opportunità che ti attendono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *