Home / VeChain: Guida definitiva a VET Coin

VeChain: Guida definitiva a VET Coin

VeChain è un progetto su blockchain che punta ad offrire strumenti alle grandi imprese, principalmente per il tracciamento della filiera e dei propri prodotti. Oggi è uno dei network in blockchain più popolari al mondo tra le imprese – anche perché in grado di offrire soluzioni per l’economia reale, già apprezzatissime da marchi come BMW, De Cecco, PwC e anche LVMH.

Guida e approfondimento su VeChain e la criptovaluta VET
La guida completa di Criptovaluta.it a VeChain e il token VET

Nonostante sia un nome sconosciuto ai più, almeno tra chi non frequenta assiduamente il mondo delle criptovalute, è una delle blockchain più interessanti tra quelle presenti sul mercato oggi. Nata prima come layer su Ethereum – e con token ERC 20, dal 2018 è su blockchain propria e ha aumentato la quantità (e la qualità) dei servizi offerti.

Principali informazioni su VeChain [VET]

❓Nome:VeChain
📑Sigla:VET
👶Nascita:2018 come progetto su blockchain propria
📈Previsioni:Previsioni VeChain
🔍Tecnologia:DEX ERC 20
Comprare:Come comprare VeChain VET
📱Wallet:Ledger XLedger S, VeChain Wallet
Uniswap [UNI] – Tabella principali caratteristiche introduttive

Che cos’è VeChain (VET)?

VeChain è una blockchain con toolkit per lo sviluppo di Dapps incluso, che cerca di offrire a grandi e grandissime imprese un’infrastruttura valida per il controllo delle proprie filiere, nonché per lo sviluppo di progetti su blockchain dal costo valutabile prima dell’implementazione.

Il controllo può avvenire a diversi livelli e anche tramite hardware compatibile, cosa che ha permesso a VeChain, come approfondiremo più avanti, di supportare già diverse industrie – e con necessità altrettanto diverse tra loro.

cos'è VeChain - a cura di Criptovaluta.it
VeChain integra diverse funzionalità all’interno del suo network
  • Una blockchain

VeChain è innanzitutto una blockchain, che funziona tramite un algoritmo di consenso particolare, basato sull’autorità dei nodi. La blockchain che viene offerta da VeChain – e del quale VET è token di riferimento – è prestante, offre transazioni a bassissimo costo e, cosa più importante, offre piene possibilità di sviluppo.

  • Un toolkit

VeChain non si limita ad offrire soltanto una blockchain. Offre anche un corollario di strumenti per lo sviluppo di app decentralizzate. Questa è una delle chiavi del successo, almeno tra le grandissime aziende, di VeChain.

Chi sposa questo progetto ha a disposizione non solo una blockchain performante, ma anche strumenti per la programmazione sviluppati per la medesima blockchain dalla stessa società che la anima.

  • Hardware

Forse però la particolarità più rilevante dell’intero progetto VeChain è la possibile integrazione con hardware, sempre sviluppato dalla stessa società. Questo permette di implementare progetti che, ad esempio, possono tracciare l’originalità di un prodotto.

Oppure che possono seguire la vita meccanica ed elettrica di un’auto – cosa che tra le altre cose è stata già implementata da grandi brand dell’auto come BMW. L’integrazione con l’hardware è un carattere decisamente specifico e che separa il progetto di VeChain da quanto è possibile fare anche per blockchain che vorrebbero offrire servizi simili a quelli di VET.

  • Un Ecosistema

VeChain punta ad essere un intero ecosistema, all’interno del quale dovrebbe trovarsi tutto quanto potrebbe essere utile per le aziende e per gli sviluppatori per realizzare applicativi, tracciamenti di filiera, sistemi di controllo. Il progetto continua a sviluppare nuove funzionalità e ad offrire nuovi sbocchi creativi a chi vuole utilizzarlo. La vivacità di questa blockchain non è forse seconda a nessuno, anche a progetti che sono arrivati sul mercato più di recente.

Come funziona VeChain VET

VeChain è una blockchain decisamente sui generis, che implementa in modo unico le caratteristiche che siamo abituati a vedere sui progetti di questo tipo. Sarà pertanto necessario approfondire maggiormente gli aspetti unici di questo network, anche per poterne comprendere le funzionalità e le potenzialità future.

Particolarità VeChain - a cura di Criptovaluta.it
Le particolarità nel funzionamento di VeChain sono importanti – e la separano dal resto del mondo delle criptovalute
  • VeChainThor

Si parte da una blockchain pubblica, che secondo i coordinatori del progetto ha come obiettivo quello dell’adozione di massa, con un focus specifico in termini di piccolemedie e grandi imprese. Il servizio, giova ricordarlo, era nato inizialmente all’intento del progetto Ethereum, per poi spostarsi su una rete propria nel 2018. Motivo del cambiamento l’impossibilità, per Ethereum, di sostenere progetti commerciali su vasta scala, anche in termini di Dapps.

  • Una struttura di governance votata al commerciale

Se è vero che Ethereum supporta le Dapps, è altrettanto vero che un sistema di governance come quello implementato da VeChain si presta maggiormente alle necessità delle aziende e delle applicazioni commerciali. La governance del progetto di VeChain punta inoltre ad offrire alle aziende un piano dei costi sempre calcolabile in modo anticipato, aspetto sul quale le reti di Ethereum per il momento sono ancora invece molto inaffidabili.

  • Supporto per gli smart contract

Che è mutuato direttamente dal sistema EVM di Ethereum, seppure con qualche modifica. Il supporto degli smart contract esiste soprattutto in virtù dei possibili impieghi che si potranno fare di questa novità tecnologica in ambito enterprise. Rimane il fatto che, nonostante il progetto affermi di essere focalizzato sull’adozione da parte di più persone possibili di un sistema di blockchain integrato, in realtà può soddisfare principalmente le necessità delle grandi imprese.

  • Sistema Proof of Authority

Molti dei nostri lettori avranno familiarità con il sistema PoW che viene utilizzato da blockchain come quella di Bitcoin. In questi sistemi, è necessaria la soluzione di complessi calcoli matematici al fine di validare una transazione e di verificare i nuovi blocchi. Questo sistema, scelto all’inizio per la sua grande sicurezza, con il tempo ha dimostrato di essere poco adatto alle necessità delle blockchain di larga scala, in quanto richiede appunto enorme potenza di calcolo e consumo di energia elettrica.

Il sistema scelto da VeChain si chiama Proof of Authority, ed è un sistema che permette di verificare le transazioni grazie a dei masternode, ovvero dei nodi che all’interno del network hanno uno status particolare. Per diventare supernodi all’interno di VeChain bisogna bloccare una quantità importante di token e soprattutto verificare la propria identità. Questo rende i supernodi particolarmente affidabili, anche se gioca a sfavore della decentralizzazione del sistema.

  • Una fondazione alle spalle

Dietro l’intero progetto c’è una fondazione che gestisce tanto lo sviluppo quanto i tentativi di espansione commerciale del progetto. Per il momento il modello di governance commerciale si è rivelato estremamente valido e ha permesso al progetto di stringere collaborazioni importanti con gruppi quali LVHM, ma anche BMWRenaultDeCecco,PwC e tanti altri.

Non è raro che dietro i maggiori progetti di blockchain e di criptovalute ci siano realtà commerciali molto articolate. In un sistema che è enterprise focused come VeChain questo si è rivelato essere, almeno per il momento, un bene.

Quali sono le principali caratteristiche del progetto?

Ci sono diverse caratteristiche specifiche e aggiuntive che rendono VeChain un progetto pressoché unico nel panorama delle blockchain che sono utilizzate in ambito aziendale. Il passaggio a rete propria ha permesso di implementare funzionalità e gestioni economiche che sono molto interessanti per il settore business.

  • I costi sono praticamente fissi

VET non è il token che viene utilizzato come gas per “pagare” le risorse che consumiamo all’interno di questa blockchain dobbiamo ricorrere infatti a VTHO, che è un token la cui massa monetaria viene gestita completamente dal sistema. Domanda e offerta possono essere così regolate al fine di mantenere i costi relativamente stabili per le aziende.

Si possono creare così prospetti di costi per i progetti che le aziende portano su questa blockchain che sono credibili e che rispecchiano la realtà. Questa è una caratteristica che separa nettamente VeChain dagli altri progetti che supportano app decentralizzate. Sarebbe impossibile oggi, per progetti come Ethereum, garantire questa stabilità dei costi.

  • Governance distribuita

Il sistema di governance è comunque legato agli utenti, che possono votare ricorrendo al token VET, un sistema questo che ricalca molto da vicino quanto viene fatto da altre blockchain. Il voto è limitato all’implementazione futura di altre funzionalità. Il potere, all’interno di questa blockchain, rimane a nostro avviso saldamente nelle mani dell’algoritmo.

Ci sono sicuramente dei progetti maggiormente orizzontali. Ma l’orizzontalità piena riteniamo che non sia stata mai nei desideri della fondazione che anima VeChain, che scegliendo progettualmente i supernodi, ha deciso di prendere una strada ben precisa.

  • Diventare Masternodes è costoso

Per provare a diventare masternode bisogna stakare 25 milioni di VET. Al prezzo attuale parliamo praticamente di 2,5 milioni di dollari. Successivamente i gestori di VeChain si preoccupano anche di verificare l’identità di chi prova a partecipare in qualità di supernodo. Il che vuol dire che il sistema ricalca più quello delle banche classiche che una rete distribuita in stile blockchain classica.

Questo non è necessariamente un male, almeno per un progetto che punta a servire principalmente realtà aziendali, che hanno bisogno di costi e tempi certi più di quanto abbiano bisogno di un ecosistema dove uno vale uno.

Approfondimenti sul progetto

Possiamo inoltre approfondire l’intero funzionamento del progetto analizzando la documentazione che viene messa a disposizione direttamente dal sito internet di VeChain. Per i più pronti tecnologicamente, sarà possibile anche accedere al WhitePaper, che è pubblico e che descrive minuziosamente il funzionamento del network.

È il documento fondamentale di ogni sistema di blockchain, perché descrive minuziosamente il funzionamento a livello tecnologico. Anche quello diffuso da VeChain è la vera Bibbia per chi vuole capire le scelte progettuali di chi ha messo in piedi il network, nonché i punti di forza e di debolezza rispetto a progetti analoghi.

  • Il sito internet ufficiale di VeChain

È completamente in inglese, ma è uno snodo fondamentale anche per gli sviluppatori che vogliono iniziare a sviluppare utilizzando questo specifico network. È molto denso di informazioni e fornisce documentazione accurata praticamente su ogni aspetto del sistema. Da leggere avidamente, almeno se vorremo avere a che fare con il progetto in termini di utilizzo reale.

Qual’è sarà il futuro di VeChain?

Il futuro di VeChain è legato alla sua capacità di penetrazione all’interno del mondo delle grandissime imprese. Un mondo del quale fa già parte e nel quale continuerà a penetrare anche grazie alla collaborazione recentemente stretta con PwC, una delle più grandi società di consulenza del mondo.

Esperti e analisti - futuro di VeChain - a cura di Criptovaluta.it
Il futuro di VeChain è roseo – almeno secondo esperti e analisti
  • Tracciamento filiera

Il tracciamento della filiera, per diversi tipi di motivi, è oggi uno dei problemi più importanti del settore produttivo mondiale. Dall’essere certi della salubrità di un alimento, al tracciare le possibilità di infezione. Nonché la possibilità di verificare che un prodotto sia originale. In questo specifico comparto, VeChain (e di conseguenza VET) sono al top, non hanno effettivamente concorrenza e possono continuare a dominare, anche sul lungo periodo.

  • Rapporti commerciali

VeChain non è una blockchain per tutti. O meglio, offre il top dei suoi servizi e della sua utilità principalmente a grandi aziende. Un mercato che potrebbe restringersi in futuro, anche se VeChain ha dimostrato di saper cambiare, di saper implementare nuovi sistemi e nuove tecnologie. Anche su questo specifico aspetto, VeChain sembra essere estremamente ben posizionata.

  • Settore Hardware

VeChain ha operato principalmente, per adesso, con sensori di prossimità, sfruttando la tecnologia NFC. La divisione hardware del progetto è, per quanto se ne parli poco, è parte cruciale del progetto.

Perché è tramite lo sviluppo anche di soluzioni hardware che questa blockchain potrà offrire nuovi tipi di servizi ai propri utenti. Torneremo tra poco sull’integrazione tra la blockchain di VeChain e i sensori e gli altri tipi di hardware che sono già parte del progetto e che sono correntemente utilizzati dalle aziende che partecipano già al progetto.

VeChain Vet Blockchain

La blockchain di Vechain è un sistema multilayer, che è al centro dell’intero ecosistema e che offre la risoluzione degli smart contract, l’iscrizione delle operazioni e la consequenzialità delle stesse. Ci sono diverse caratteristiche interessanti che dovremmo considerare all’interno di questa blockchain, che è nata nel 2018 dopo che il progetto ha dovuto separarsi, per raggiungere i suoi obiettivi, da Ethereum.

  • Costi fissi

O meglio, quasi fissi. Il primo degli obiettivi che VeChain si è proposta è di offrire alle aziende che utilizzano il suo network un prospetto dei costi chiaro, a seconda del tipo di lavoro che devono svolgere all’interno della blockchain. Questo è un aspetto fondamentale per quanto riguarda le prospettive enterprise di VeChain. I costi fissi si ottengono, tramite il network, grazie ad una gestione monetaria in stile banca centrale, almeno per quanto riguarda il token gas del network, che non è VET, ma VTHO.

  • Alto numero di transazioni al secondo

Il sistema, lavorando con un sistema di approvazione Proof of Authority, è in grado di gestire un altissimo numero di transazioni al secondo. Questo la rende quasi infinitamente scalabile e comunque più prestante delle blockchain che sono basate su Proof of Work. La scelta è sicuramente più centralista, ma permette di avere una blockchain dai costi di funzionamento più bassi e che può ospitare progetti anche molto complessi e che hanno bisogno di un alto numero di transazioni.

Blockchain di VeChain - a cura di Criptovaluta.it
La blockchain di VeChain è unica anche nel supporto che offre agli ecosistemi che ospita
  • L’esistenza dei supernodi

È un altro degli aspetti fondamentali del funzionamento della blockchain di VeChain. Perché sono i supenodi, che in VeChain vengono chiamati masternodes, che approvano le transazioni. Per diventare un nodo di questo tipo bisogna impegnare delle somme importanti e soprattutto verificare la propria identità, con un sistema KYC simile a quello impiegato dagli intermediari finanziari.

  • Trasparente

La blockchain di VeChain è stata concepita per essere completamente trasparente. E questo è un aspetto cruciale per un network che viene utilizzato sia per la tracciabilità di un prodotto, sia per verificare lo status di spedizioni nella logistica, oppure ancora per verificare i chilometri effettivamente percorsi da un’auto. Una volta che un dato viene inserito all’interno della blockchain, non può più essere modificato.

  • Soluzione ibrida hardware e software

Oltre ad un layer di strumenti per scrivere applicazioni, il network in blockchain di VeChain permette anche di integrare dispositivi IoT. Questo permette ad esempio l’utilizzo di sensori, che trasmettono dati direttamente sulla blockchain, dati che sono sempre verificabili. Questo ha aperto ad un autentico mondo di potenziali applicazioni del progetto, con strumenti che sono correttamente utilizzati oggi sia da chi ha interesse a verificare l’originalità dei prodotti che acquista, sia da chi invece vuole tenere traccia di spedizioni.

VeChain VET Wallet

Per quanto riguarda i wallet nei quali custodire i VET che abbiamo eventualmente acquistato, non abbiamo moltissima scelta.

Wallet VeChain - a cura di Criptovaluta.it
VeChain offre diverse soluzioni per i wallet

Per quanto riguarda i wallet software, la scelta migliore che abbiamo a disposizione è VeChainThor, che è distribuito direttamente dalla società che controlla il progetto. È disponibile sia per dispositivi Apple che per Android.

Per chi preferisce invece una versione su computer Desktop, possiamo scegliere VeChain Sync, che permette di stoccare sia VET che VTHO e anche VIP180. Al suo interno possono essere gestite anche le VeChain Apps.

  • I wallet hardware

Abbiamo però la più ampia scelta per quanto riguarda i wallet hardware. Possiamo infatti scegliere di tenere i nostri token VET – con il massimo della sicurezza – tramite Ledger Nano S e anche tramite Ledger Nano X. Si tratta di una soluzione più costosa, che però è ideale per chi dovesse decidere di accumulare delle grandi somme in VET

VeChain Mining

Non c’è la possibilità di fare mining su VET VeChain. I token sono stati tutti già prodotti e possono essere soltanto comprati e venduti tramite exchange. O in alternativa potremo investire utilizzando un broker che ne supporti lo scambio anche tramite CFD.

Anche il sistema di autorizzazione dei blocchi non fa riferimento al mining, al contrario di quanto avviene ad esempio con Bitcoin. L’autorizzazione ad iscrivere un blocco sulla blockchain avviene tramite Proof of Authority, che richiede anche l’identificazione del nodo stesso.

Non possiamo mettere a disposizione l’eventuale potenza di calcolo che noi abbiamo a disposizione con il nostro PC o con macchine dedicate per decidere di supportare il progetto in cambio di token. Chi volesse impiegare i propri mezzi in questo modo, dovrà guardare ad altri tipi di progetti.

Il modo migliore per puntare sul futuro del progetto rimane l’investimento. Troviamo VET quotato anche presso Capital.com (qui per iscriversi al conto demo gratuito), broker CFD che offre accesso al mercato delle criptovalute con strumenti analitici avanzati e anche con l’appoggio dell’intelligenza artificiale per l’analisi dei nostri investimenti.

Leggi anche: Capital.com cos’è e come funziona

VeChain VET Opinioni e Recensioni

Raccogliamo qui le migliori e più veritiere opinioni e recensioni che riguardano il progetto VeChain e la criptovaluta VET. Abbiamo scelto i migliori canali social e via forum, corredando il tutto anche con le opinioni della nostra redazione. Opinioni che abbiamo maturato dopo studi approfonditi e anche dopo l’utilizzo del progetto in prima persona su progetti di test.

VeChain Forum & Social tematici

Ci sono diversi canali social e tematici che possiamo seguire se vogliamo rimanere informati sulle evoluzioni del progetto di VeChain o semplicemente per capirne di più, chiedendo magari consiglio anche a persone che sono dentro il progetto in qualità di sviluppatori. Abbiamo selezionato anche qui i migliori, cosa che ci permette di approfondire ulteriormente le possibilità di VeChain, sia sotto il profilo finanziario che sotto quello tecnologico.

  • Twitter: l’account ufficiale di VeChain

L’account ufficiale del progetto VeChain da seguire è @vechainofficial. È in inglese e ci tiene costantemente aggiornati sulle novità della blockchain, sulle sue nuove collaborazioni commerciali e anche sulle operazioni di governance. Rimane uno dei migliori strumenti di informazione anche commerciale su VET. Da seguire subito, se abbiamo un account Twitter.

  • Reddit: /r/VeChain

Reddit è da sempre uno dei luoghi digitali maggiormente utilizzati da parte di chi segue le criptovalute. Esiste un subreddit , che troviamo sotto /r/VeChain, di appassionati e entusiasti del progetto, tramite il quale è anche possibile scambiare qualche parola con diversi sviluppatori. Un altro ottimo hub digitale per sviluppare le proprie conoscenze su questo token e sulla sua relativa blockchain.

  • Bitcointalk

È il forum da sempre dedicato a Bitcoin, ma che da ospita anche una popolarissima sezione dedicata agli altcoin. Anche se VeChain non è tra i progetti maggiormente seguiti da questo forum, troveremo comunque occasione di scambio di informazioni. Da seguire sempre se siamo investitori o semplici appassionati di criptovalute.

  • Investing.com

Il popolare sito di quotazioni riporta anche i valori aggiornati di VET. E come dovrebbe essere noto, si occupa anche di offrire una sezione chat, tramite la quale scambiarsi opinioni con altri investitori. Non sarà il massimo sotto il profilo tecnico, ma possiamo sicuramente utilizzarla per qualche informazione spot, soprattutto sul movimento dei mercati.

  • FinanzaOnline

Anche sul principale forum italiano dedicato alla finanza possiamo scambiare informazioni e anche strategie di trading su questo token. Sebbene l’attenzione per gli altcoin non sia al massimo, rimane comunque l’hub italiano principale per chi si occupa di finanza. Da tenere sempre sotto controllo, anche se poi dovessimo decidere di non investire su VET.

VeChain Pro e Contro

Abbiamo deciso di raccogliere in modo sintetico i pro e i contro di questo progetto, che come tutte le blockchain e i token non può fare al caso di tutti. Siamo sempre in presenza di un grande player del settore, per il quale i pro superano di gran lunga i contro.

  • Pro di VeChain

NUOVE COLLABORAZIONI: Nonostante VeChain abbia già incamerato delle collaborazioni di primissima fascia, il progetto continua ad inglobare grandi brand e marchi importanti a livello globale. PwC, per citarne una, era già entrata nel progetto nel 2018 e recentemente ha aumentato la sua presenza.

Capacità tecniche: le capacità tecniche del network sono evidenti a tutti. Non ci sono molti progetti che continuano a rinnovarsi come fa Vechain, così come non ci sono blockchain che continuano ad implementare a questo ritmo novità, tutte o quasi tarate sulle esigenze della sua nicchia di appartenenza.

Previsioni: le previsioni sul progetto VeChain sono tra le più rosee. Secondo tutti gli analisti il token di riferimento potrebbe guadagnare somme importanti, soprattutto sul medio e lungo periodo. Musica per le orecchie degli investitori che sono entrati adesso sul mercato o che lo faranno nelle prossime settimane.

Pro Vechain - a cura di Criptovaluta.it
I pro di VeChain superano i contro
  • Contro di VeChain

VeChain non è una blockchain perfetta e non può soddisfare tutti gli intenti di utilizzo. Se dovessimo rilevare dei contro che derivano dal potenziale investimento o utilizzo del network, non potremmo che concentrarci su questi aspetti che andiamo a riportare.

DECENTRALIZZAZIONE FIACCA: chi sogna un progetto davvero orizzontale, non potrà essere soddisfatto da quanto viene offerto da VeChain. La presenza di supernodi, l’assenza di creazione di criptovaluta nel durante, la partecipazione scarsa dei piccoli utenti al processo decisionale rendono VeChain un progetto top bottom. Che potrebbe essere quello di cui hanno bisogno le aziende, ma non necessariamente gli appassionati.

SISTEMA MOLTO COMPLESSO: VeChain soffre un po’ di quello di cui soffrono quasi tutti i grandi progetti commerciali che si occupano di blockchain. Con il tempo ha inglobato decine se non centinaia di template e servizi aggiuntivi ed è arrivato ad un livello di complessità davvero notevole. Muoversi all’interno del progetto non è sempre agile, anche per chi ha già maturato una certa esperienza all’interno di questo tipo di network.

Cosa pensa Criptovaluta.it di VeChain VET

VeChain è la dimostrazione ultima del grande potenziale delle blockchain in ambito commerciale. Nonostante non sia più un progetto giovanissimo, siamo comunque davanti ad un progetto molto innovativo e che ha ancora un’enorme forza propulsiva.

La gestione capillare del progetto da parte della sua fondazione è croce e delizia per l’investitore. Perché fino ad oggi ha garantito un’ottima diffusione commerciale, andando però a restringere la distribuzione e l’orizzontalità dell’intero network.

Il fatto che il token principale del network, VET, sia già quotato dai migliori broker che si occupano di criptovalute, rende questo progetto al tempo stesso interessante e papabile per i nostri investimenti. Perché al contrario di quello che avviene per diversi network scarsamente capitalizzati, avremo effettivamente a disposizione gli strumenti giusti per investire correttamente su questa criprovaluta.

Per noi, nonostante sia un progetto piuttosto anomalo rispetto a quelli classici che vediamo su blockchain, VeChain è uno dei più interessanti, sia economicamente sia in termini di potenziale penetrazione sul mercato. Con una criptovaluta che sarà, anche per i prossimi anni, una di quelle da monitorare con la maggiore attenzione.

Considerazioni finali

VeChain è un mondo a parte. È un servizio integrato e verticale che si sviluppa secondo i desiderata dei suoi utenti di riferimento. Non conosciamo alcun tipo di progetto che potrebbe essere anche lontanamente comparato per funzionalità e per prestazioni (in termini utili per le aziente), anche tra le blockchain più innovative che abbiamo recensito sulle pagine di Criptovaluta.it

Noi consigliamo a tutti i nostri lettori di continuare a seguire il progetto, che tra le altre cose citiamo di frequente anche all’interno della nostra sezione dedicata alle news. Perché di VeChain e di VET, volenti o nolenti, continueremo a sentir parlare anche in futuro. Anche grazie alle grandissime collaborazioni commerciali che il progetto è già riuscito a portare a casa.

FAQ VeChain VET: domande e risposte comuni

  1. Che cos'è VeChain?

    VeChain è una blockchain che offre strumenti alle imprese per la tracciabilità dei prodotti, per la verifica dell'originalità e per il controllo degli status. Tutto questo su un network a basso costo, con fee stabili e che permette scambi molto rapidi.

  2. Conviene investire in VeChain VET oggi?

    . Le previsioni su VeChain sono positive sul breve, medio e lungo periodo e aprono a degli scenari molto incoraggianti per il progetto, che ad oggi è uno dei più diffuso in ambito enterprise, ovvero tra le grandi e grandissime aziende. Le previsioni si basano anche sulla grande forza commerciale del progetto.

  3. A cosa serve VET?

    VET è uno dei due token che vengono utilizzati all'interno del progetto. È la criptovaluta a libera fluttuazione di prezzo che viene utilizzata per scambio di valore all'interno della blockchain di VeChain. È quanto ci servirà per investire sul progetto, se volessimo puntare sulla sua crescita.

  4. A cosa serve VeChain come blockchain?

    Ad offrire un framework e un'infrastruttura utile al mondo delle imprese per avere filiere e informazioni trasparenti, oppure per gestire l'originalità e le certificazioni che riguardano i propri prodotti. Il progetto è oggi in grado anche di ospitare applicazioni distribuite.

  5. VeChain avrà un futuro?

    . O meglio, se lo è già costruito. Il progetto già oggi ha collaborazioni molto importanti con brand che riguardano il settore automotive (BMW e Renault), la grande distribuzione organizzata (Walmart), ma anche con la tracciabilità del prodotto originale (LVMH). Anche in Italia ci sono diverse aziende e associazioni che la usano. Su tutti De Cecco e anche diverse importanti cantine del paese.

  6. È rischioso puntare su VET?

    Tutte le criptovalute – come tutti gli asset finanziari – incorporano ovviamente una certa percentuale di rischio. Tuttavia con VET stiamo puntando sul token forte di una blockchain altrettanto forte. Riteniamo pertanto che le prospettive potenziali del futuro siano superiori, almeno per il momento, al rischio che si potrebbe correre.

  7. VeChain è sopravvalutato?

    No. Anche se arriva da un grandissimo aumento di prezzo, VET è oggi un token sul quale, almeno secondo le previsioni, potrebbe essere comunque conveniente puntare. Potrebbero esserci delle correzioni importanti, ma questo non vuol dire che oggi il progetto è sopravvalutato, sia sotto il piano della penetrazione commerciale, sia sotto quello del valore di mercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *