Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / “Bitcoin batte oro” | La sconvolgente rivelazione di Goldman Sachs

Bitcoin contro oro

“Bitcoin batte oro” | La sconvolgente rivelazione di Goldman Sachs

L’inflazione è qui e ormai neanche le banche centrali se la sentono di ignorarla, nonostante per mesi abbiano insistito sulla transitorietà del fenomeno. Con il CPI – il Consumer Price Index negli USA che ha superato il 6% di rialzo, ormai non ci sono più dubbi – e anche le grande banche d’affari hanno iniziato a muoversi come se il fatto sia ormai inevitabile. 

Goldman Sachs punta all’oro a quota 2.000$ e, cosa più importante, ammette tramite un importante dirigente che Bitcoin sta parzialmente rimpiazzando il metallo prezioso come riserva di valore

Goldman Sachs preferisce Bitcoin
Bitcoin batte oro: lo dice Goldman Sachs

La descrizione di un fenomeno che è già in corso e che ormai non ha più senso negare. Fenomeno che è bullish per tutto il comparto e in particolare per Bitcoin, sul quale possiamo investire con la piattaforma eToro – vai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con capitale e funzionalità top – intermediario che ci permette di investire non solo su $BTC, ma anche su altre 40+ criptovalute

Abbiamo anche a disposizione le funzionalità fintech più utili per massimizzare i nostri profitti sul mercato, come il CopyTrader per la copia dei migliori investitori e i CopyPortfolios per i panieri cripto diversificati. Con 50$ passiamo ad un conto reale. 

Goldman Sachs scopre il segreto di Pulcinella: sarà il momento di oro e criptovalute

La dichiarazione di Damian Courvalin da Bloomberg TV è stata forse lapalissiana, ma al tempo stesso una prima accettazione di quello che, per gli appassionati di valuta solida come lo è Bitcoin era ormai scontato. Abbiamo infatti una situazione di fortissima inflazione, di debasement delle valute fiat. Cosa che ha portato, dopo l’arrivo dei dati sull’inflazione USA ad un enorme afflusso di capitali verso le criptovalute e l’oro. 

Per il secondo è un fenomeno che esiste da quando non abbiamo più la parità aurea e che non è sconosciuto né agli investitori né alle banche centrali. Nel caso di Bitcoin però siamo davanti ad una situazione relativamente nuova. Sì, questa settimana ha sancito il fatto che Bitcoin è una riserva di valore e che in parte (per il momento) ha già sostituito l’oro (che è cresciuto in misura minore rispetto a Bitcoin). 

Cosa che, come avevamo anticipato, è stata confermata anche da Courvalin di Goldman Sachs, che rimane una delle banche d’affari più importanti del mondo. 

Criptovalute e oro non devono cannibalizzasi per forza, ma è un fatto acclarato la sostituzione negli ultimi tempi.

Altro fatto molto interessante a sostegno di questa tesi di Courvalin, che sposiamo al 100%, è che in Cina si è visto un grande aumento della domanda di oro proprio in concomitanza del ban delle criptovalute. 

Cosa c’è da apprendere da questo excursus di Goldman Sachs

Apprendiamo – anche se su queste pagine lo si sosteneva da tempo – che siamo ufficialmente entrati in una nuova fase della vita di Bitcoin.  E che se dovessero permanere le condizioni economiche attuali, Bitcoin potrebbe davvero fare quel salto verso i 100.000$ che ormai molti analisti, compresi i nostri, si aspettano senza se e senza ma. 

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

5 commenti

  1. Il Bitcoin farà la fine dei bulbi dei tulipani olondesi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *