Siamo su:

Yahoo FinanceMilano FinanzaAffari italianiAdnkronosilSole24 oreIl Tempo.itAskanews

Home / Fidelity punta su Bitcoin | Trading e custodia per i clienti istituzionali

BITCOIN ETF FIDELITY

Fidelity punta su Bitcoin | Trading e custodia per i clienti istituzionali

Fidelity è un gruppo che chi bazzica nel mondo della finanza consocerà bene. Uno dei gestori di fondi più importanti del mondo, che ha da sempre un rapporto di relativa apertura al mondo delle criptovalute e di Bitcoin.

Arriva un’ottima notizia per il gruppo e per l’ecosistema di Bitcoin – in una giornata che si è aperta di nuovo con calma piatta a livello di prezzi. Una buona notizia che, si spera, contribuirà a riportare un po’ di buon umore sul mercato.

Bitcoin Canada - Fidelity lancia i suoi servizi
Grandi novità in Canada per Bitcoin

Con l’ultima mossa di Fidelity, anche gli investitori istituzionali canadesi avranno accesso a $BTC in acquisto diretto. Una news bullish sulla quale possiamo investire con eToro – vai qui per ricevere il conto virtuale con trading automatico e capitale di prova – che possiamo utilizzare anche per fare trading copiando i migliori con il CopyTrader, oppure per spiare le loro mosse.

Chi preferisce investimenti più diversificati, può scegliere anche i CopyPortfolios – panieri di asset cripto che accompagnano Bitcoin in stile ETF e senza commissioni aggiuntive. Ci bastano 50$ per fare trading con un conto reale.

Fidelity apre alla custodia per i clienti istituzionali in Canada

Fidelity ha ricevuto approvazione dalle autorità canadesi per offrire un servizio di custodia per Bitcoin, un servizio che nelle intenzioni del gruppo sarà destinato ai clienti istituzionali che vogliono investire in $BTC e hanno ovviamente bisogno di chi si prenda cura dei loro acquisti. A questo sarà abbinato anche un servizio di trading, sempre per i clienti istituzionali.

La domanda di investimenti in asset digitali sta crescendo in modo considerevole e gli investitori istituzionali sono alla ricerca di piattaforme di dealing regolamentate per accedere a questa tipologia di asset.

Questo il commento a caldo di Scott Mackenzie, che è il presidente della divisione canadese del gruppo, commento che è stato diffuso tramite una nota della società, che con questa approvazione diventa il punto di riferimento per il mondo di Bitcoin nel settore istituzionale.

In arrivo anche ETF, sempre sul mercato canadese

Insieme a questa nuova approvazione ci sono altre notizie interessanti sul mercato canadese, almeno per quanto riguarda gli investitori istituzionali che guardano al mondo di Bitcoin. Secondo quanto riportato dalla stampa locale infatti, Fidelity ha infatti inviato la documentazione preliminare per un ETF basato sulla replica fisica di Bitcoin.

ETF che utilizzerà, primo nel suo genere, proprio i servizi custodial dello stesso gruppo. Il mercato canadese istituzionale di Bitcoin mette dunque il turbo – con nuovi canali che permetteranno un importante afflusso di capitali, già dal breve periodo.

Che tipo di notizia è per Bitcoin?

Un’ottima notizia, dato che si continua ad allargare il reach di questa criptovaluta anche come asset da investimento. Per quanto una parte dei massimalisti possa soffrire l’ingresso di grandi gruppi in questo spazio, dobbiamo riconoscerne l’importanza. Si tratta di capitali potenzialmente importanti, più che mai i benvenuti in particolare in un momento di relativa difficoltà per Bitcoin – che sta facendo fatica a tornare stabilmente sopra i 60.000$.

L’interesse e l’impegno in prima linea di gruppi come Fidelity è segno del passaggio del punto di non ritorno. Bitcoin è a tutti gli effetti un asset da investimento anche per istituzioni e grandi gruppi. Qualcosa che, soltanto qualche mese fa, avremmo fatto fatica a credere.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *