Home / $BAT entra in Flex e SPEDN | Come spendere i nostri Basic Attention Token

SPEDN FLEXA

$BAT entra in Flex e SPEDN | Come spendere i nostri Basic Attention Token

Anche Basic Attention Token, del quale non si parla molto di frequente anche a causa del suo andamento lento ma costante, continua a stringere nuove collaborazioni.

Il token che anima il browser Brave – con un particolare focus sulla privacy, è entrato a far parte del listino di criptovalute supportate da Flexa, network che permette tramite la App SPEDN di spendere le proprie criptovalute in molti punti vendita degli Stati Uniti.

$BAT sarà spendibile su Flexa tramite SPEDN
Un altro grande successo per $BAT

Anche questa può essere fonte di una spinta rialzista su $BAT – che possiamo trovare sulla piattaforma eToro – vai qui per ottenere un conto di prova gratis con 100.000$ di capitale virtuale – intermediario con un ricco listino di 40+ criptovalute scelte tra le migliori presenti sul mercato.

Il WebTrader ci permette di fare analisi tecnica in modo semplice direttamente sul grafico e di organizzare i nostri ordini in modo semi-automatico. Abbiamo a disposizione anche il CopyTrader, che ci permette di copiare il top dei trader in un solo click. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Flexa allarga il suo listino di criptovalute accettate: arriva $BAT

Flexa è ormai da qualche settimana alle grandi manovre: continua infatti ad aggiungere al suo relativamente folto listino nuove criptovalute. E tramite la App SPEDN non è soltanto possibile pagare con le principali criptovalute come Bitcoin o Litecoin, ma anche con progetti più di nicchia, come appunto nel caso dell’ultima aggiunta $BAT.

Parliamo del celebre token che fa riferimento al mondo di Brave, il browser nato per difendere la privacy degli utenti, in un mondo che è dominato da Google e dai suoi servizi online e non – vedi Chrome – dove sono i dati stessi degli utenti ad essere merce di scambio.

Un progetto che continua a crescere giorno dopo giorno, con una buona crescita in termini di introiti pubblicitari e in termini di utenti, che possono utilizzare il browser anche per visualizzare pubblicità rispettose della privacy, che permettono appunto di guadagnare $BAT. Un sistema articolato, che prova ad affermare un nuovo modo di retribuire gli utenti e di offrire servizi direttamente gratuiti, che ora con lo sbarco su Flexa diventa ancora più spendibile e con maggiore reach per chi vuole utilizzarlo come una valuta e non solo come asset speculativo.

Quale futuro per $BAT? C’è spazio per un’ulteriore crescita?

$BAT si trova relativamente lontano da un picco di prezzo che è stato raggiunto poco meno di 1 mese fa. Tuttavia la cosa va anche messa in prospettiva anno su anno, col token che è cresciuto oltre il 500% e che si è rivelato essere uno dei migliori investimenti per chi + entrato sul mercato già a gennaio scorso.

Le prospettive del progetto sono buone – e sebbene lenta la crescita sembra essere costante, sia in termini di nuove partnership come quella di oggi, sia invece in termini di crescita del browser, con il tema della privacy, lo dimostrano anche l’ascesa di Monero e di altri protocolli legati a questo tipo di sentimento, che sarà sempre più centrale.

Flexa, tramite questa operazione, forse non sarà in grado di muovere grandi volumi di $BAT, ma è comunque ottimo segnale per la crescita del protocollo – e anche del suo reach commerciale.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *