Home / Tesla ha venduto Bitcoin? | Il crollo di BTC non spaventa Elon Musk

Tesla Bitcoin conferme

Tesla ha venduto Bitcoin? | Il crollo di BTC non spaventa Elon Musk

Tesla, nonostante un dietro front che ha indispettito il mondo degli appassionati Bitcoin, continua ad essere una compagnia di hodlers.

Questo è quanto emerge dalle ultime trimestrali diffuse dall’azienda di Elon Musk, che confermano che il monte di $BTC acquistati ormai tempo fa dal gruppo siano ancora tutti nelle mani dell’azienda, fatta eccezione per una piccola parte venduta qualche tempo fa per dimostrarne la liquidità.

Tesla non vende Bitcoin – assolutamente !

Una buona notizia per Bitcoin, in una fase relativamente complicata per il mercato. Possiamo investirci con la piattaforma sicura eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratis con TOP funzionalità anche per i professionisti – intermediario che propone anche strumenti operativi di trading automatico che non possiamo trovare altrove.

Con il CopyTrader infatti possiamo trovare la copia integrale delle posizioni dei migliori in un solo click oppure possiamo spiare come si stanno muovendo i loro portafogli. Per chi preferisce il trading di breve ci sono tutti gli strumenti di analisi tecnica integrati direttamente a grafico. Con 50$ passiamo poi al conto reale.

Tesla non vende: il mercato non spaventa l’azienda di Musk

Che le aziende ragionino con orizzonti temporali decisamente più ampi non dovrebbe essere un mistero per nessuno, ma forse nessuno si aspettava che la stance da hodler di Tesla fosse così solida. Il gruppo, nonostante un periodo relativamente complicato per Bitcoin non si è liberata di nessun coin.

Confermando così anche di essere tra le prime aziende al mondo per quota di BTC detenuta, in un mondo finanziario che ormai guarda a Bitcoin in modo sempre più concreto, anche attraverso la quotazione di diverse imprese che ne hanno in cassa perché operano nel mining Bitcoin.

La conferma di quanto fatto da Tesla arriva poi da un documento ufficiale e non dalle solite voci di corridoio. È il prospetto economico pubblicato in occasione dei dati trimestrali a confermare che nella cassa del gruppo dell’auto elettrica ci siano ancora tutti i Bitcoin acquistati.

Nessuna pressione dagli azionisti?

Un altro aspetto del quale con ogni probabilità si inizierà a parlare nelle prossime settimane sono le eventuali pressioni degli azionisti su questo tipo di operazioni da parte di Tesla. Il gruppo è ora in perfetta salute finanziaria e dunque può permettersi anche di viaggiare sulle montagne russe insieme a Bitcoin, ma cosa ne sarà quando si potrebbe avere bisogno di quella liquidità?

In realtà è una falsa domanda, confezionata ad arte dai detrattori di Bitcoin, che come spesso accade rappresentano una realtà che non esiste. Chi compra azioni Tesla sa bene di acquistare titoli di una società che è esposta verso Bitcoin e spesso lo fa proprio per quel motivo, tenendo conto del fatto che il prezzo potrebbe essere variabile e non avendo alternative negli USA per un’esposizione diretta verso il coin, in particolare nel caso di fondi e di investitori istituzionali.

Tesla potrà allargare la sua posizione in futuro?

Questo rimane il grande dilemma. Elon Musk da un lato è impegnato nella promozione di Dogecoin, dall’altro subisce pressioni riguardanti la questione ambientale, particolarmente importante per un’azienda che dai crediti ESG guadagna molto.

Per il momento un ulteriore impegno di Tesla sembrerebbe essere fuori discussione. Tuttavia mai dire mai, Bitcoin ha già ampiamente dimostrato di poter cambiare le carte n tavola in modo piuttosto rapido.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

One comment

  1. Il sig. mancato Dott Musk infatti percepisce un sacco di soldi dal suo governo perché le sue auto non ettono CO2, passando la palla al suo suddetto governo dicendogli ora siete voi a fornire energia pulita per caricare le batterie delle mie auto.
    Questa è una bolla che esploderà e non le cripto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *