Home / Chi ha investito in Bitcoin? | Elenco Big Companies BTC

Chi ha investito in Bitcoin? | Elenco Big Companies BTC

Nonostante il prezzo di Bitcoin sia di molto inferiore a quanto avevamo visto soltanto poche settimane fa, le aziende che vi hanno investito continuano a hodlare e alcune addirittura ad aumentare le proprie posizioni.

Un quadro generale che rende evidente come in realtà con $BTC ci sia in ballo molto di più di quanto abbiamo visto sui mercati sul breve periodo, con diversi gruppi che hanno fatto da pionieri e che addirittura stanno allargando le loro posizioni, come ha fatto anche Rothschild Investment Group.

Bitcoin nelle grandi aziende - ecco come
Bitcoin nelle grandi compagnie? Ecco la lista delle migliori

Un recap completo che aiuterà i nostri lettori anche ad avere un quadro più chiaro di quanto sta avvenendo su $BTC. Chi volesse poi sfruttarlo per investire potrà trovare $BTC anche su eTorovai qui per il tuo conto DEMO GRATIS con servizi PREMIUM già inclusileader anche del settore del trading automatico e dell’analisi tecnica.

Per il primo abbiamo infatti a disposizione in via esclusiva il CopyTrading, che ci permette di investire con una copia integrale di tutti i migliori investitori. Per l’analisi tecnica abbiamo tutti i migliori strumenti che sono offerti dal WebTrader di eToro, che ci permette di applicare tutto direttamente a grafico. Con 50$ possiamo aprire un conto reale di trading e investimento.

Dall’America con amore: Bitcoin spopola al NASDAQ e al NYSE

Sono sicuramente gli Stati Uniti il luogo d’elezione per le aziende che trafficano in Bitcoin o che vi vogliono investire, anche se qualcosa inizia a muoversi anche lontano da New York. Ma procediamo con ordine.

  • MicroStrategy

Con oltre 100.000 $BTC in cassa, MicroStrategy è l’azienda regina tra quelle che hanno messo in cassa Bitcoin. D’altronde Michael Saylor è uno dei sostenitori più popolari e accesi di questa criptovaluta ed è anche uno di quelli che ne ha acquistati per via personale. Il prezzo medio di ingresso è leggermente più alto del prezzo attuale di mercato e la società ha continuato ad acquistare sia durante le fasi rialziste che quelle ribassiste.

  • Tesla

Tesla fu responsabile di una delle bull run del 2021, con un acquisto di circa 1,5 miliardi di dollari ai prezzi di allora. Va rimosso da questo computo poi il 10% che l’azienda ha venduto per dimostrare la liquidità del protocollo. Tesla a causa di una nuova stance in termini di sostenibilità ha interrotto le sue operazioni su $BTC, pur continuando a conservarne in cassa.

Mappa delle aziende che investono in BTC
L’America domina in lungo e largo
  • Galaxy Digital

In questo caso l’HODL da parte di una società quotata non sarà sorpresa per nessuno. Il gruppo infatti è coinvolto direttamente nel mercato delle criptovalute. Si tratta comunque di un tesoretto da oltre 16.400 BTC, che vale ai prezzi attuali circa 600 milioni di dollari.

  • Voyager Digital LTD

È la prima delle aziende di questa lista che non è quotata presso la borsa USA, ma presso quella Canadese. Anche qui il tesoretto BTC è di quelli molto interessanti, perchè parliamo comunque di più di 12.000 coin, per un controvalore di poco meno di 500 milioni di dollari.

  • Marathon

Azienda che si occupa di mining Bitcoin tra le alte cose e che dunque è più che naturale che abbia in cassa dei $BTC. Tuttavia il tesoro di questa società, che è quotata al NASDAQ, è di quelli decisamente importanti. Parliamo infatti di 8.133 BTC.

Il discorso Exchange

Discorso a parte andrà fatto inoltre per gli exchange. Uno di questi è quotato, ovvero Coinbase e ha in cassa oltre 4.400 BTC propri, oltre a quelli in cold storage per conto dei clienti. In questo computo poi non sono presenti quelli che sono gli exchange non quotati, come ad esempio Binance, ma anche Kraken, Crypto.com e Bitfinex.

Bitcoin negli exchange
I miner e gli exchange sono tra i più avidi di Bitcoin

Una parte rilevante dei $BTC attualmente in circolazione potrebbe essere proprio in queste casse – con un cuscinetto importante utile anche a quanto riguarda le operazioni che effettivamente vi avvengono.

Oriente: ci sono diversi gruppi che hanno in cassa Bitcoin

Anche se per quantità decisamente più basse, ci sono altre aziende quotate in lontano oriente che avrebbero in cassa una quantità di Bitcoin considerevole. Abbiamo appunto Nexon in Giappone, Broker Group in Thailandia, Meitu ad Hong Kong.

Anche in Turchia c’è da segnalare Net Holding, che secondo i report più accreditati avrebbe in cassa 3 Bitcoin. Sicuramente non una quantità enorme, ma che comunque segnala un interesse anche da parte di un mercato fuori dagli orizzonti di noi europei.

Alcuni investono tramite Grayscale: in particolare i fondi

Per quanto riguarda i fondi che investono in Bitcoin, negli USA si è creata una situazione decisamente particolare, perché l’assenza di un ETF fino a poco tempo fa ha portato questi ad esporsi verso il fondo privato di Grayscale, che replica fisicamente $BTC.

All’interno degli holders di queste quote troviamo gruppi importanti come ARK, che ha tra i suoi gestori quella Cathie Wood che è tra le principali sostenitrici di Bitcoin su scala mondiale.

Abbiamo poi Horizon Kinetics, Simplify, Systelligence, ma anche Parkwood e Rothschild Investment Corp, che recentemente avrebbe allargato le proprie partecipazioni. Al suo interno troviamo anche Morgan Stanley, che notoriamente acquista quote del fondo per i suoi clienti.

Italia Bitcoin Zero
In Italia la cassa piange, ma non è una novità

Il parterre mondiale di società che si occupano di Bitcoin e che ne hanno in cassa a scopo di tutela del proprio patrimonio è di prima fascia. Tutto questo mentre in Italia non ci sono ancora aziende quotate che hanno seguito questo filone – con le principali banche che addirittura si sono confermate avverse a questo tipo di mercato. Chi vivrà vedrà, ma la qualità delle aziende che sono già esposte verso $BTC sembra aver indirizzato questa guerra in una direzione già ben precisa.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

One comment

  1. Scusate se rompo ancora…..
    Per quanto riguarda l’Italia, siamo tutti italiani e sappiamo come vanno le cose, cioè si fa e non si dice, vedremo quando salteranno fuori dalle tane i conigli…….un caro saluto tutti voi di criptovaluta.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *