Home / Economia USA a picco: -1,4% | Cosa cambia per Bitcoin e criptovalute? Analisi

Powell Bitcoin analisi

Economia USA a picco: -1,4% | Cosa cambia per Bitcoin e criptovalute? Analisi

Joe Biden è preoccupato dalla recessione che potrebbe arrivare nel 2023. E questo dovrebbe interessare anche chi investe o ha investito in Bitcoin o nel mondo cripto. Una situazione molto difficile da leggere, che merita sicuramente un nostro approfondimento per capire a fondo come si sta muovendo il mercato e come potrà reagire.

Il tutto all’interno di una giornata di trading, da quando hanno aperto i mercati USA, relativamente interessante, nonostante arrivino tuoni e fulmini dai dati economici USA. Cosa sta succedendo? I mercati sono impazziti? Non è detto.

Powell Bitcoin - analisi di quello che succederà
A Powell Servirà un numero da vero equilibrista

Anzi, i più scaltri potrebbero avere anche delle buone occasioni sul mercato, da sfruttare con la piattaforma sicura eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con il TOP degli STRUMENTI di TRADING – intermediario che ci offre accesso a tutti i migliori strumenti e listini di cripto, con 63+ asset del comparto disponibili.

Ottimo anche per chi vuole fare trading automatico, perché ci offre la possibilità di investire con il CopyTrader, che offre copia in un solo click dei migliori della piattaforma. Abbiamo poi anche gli Smart Portfolios, che invece offrono panieri cripto in stile ETF. Con 50$ poi passiamo al conto reale di trading.

Economia USA a picco: cosa significa per i mercati

I dati che sono arrivati dagli USA sono al di sotto delle già magre aspettative. Si parla di un calo per il primo trimestre dell’1,4%, una sorta di shock per gli analisti che avevano creduto alle parole di Jerome Powell.

Il capo di Fed a più riprese aveva parlato di un’economia forte e di un mercato del lavoro al top, condizioni che avrebbero permesso alla banca centrale degli Stati Uniti di alzare i tassi senza colpo ferire o quasi. Ed è su questo specifico aspetto che si giocano i futuri di Bitcoin e del resto del mercato cripto.

Da un lato abbiamo infatti il terrore della recessione dei mercati, dall’altro le condizioni che avrebbero permesso a Jerome Powell e Fed di intervenire senza colpo ferire sembrano essere venute meno. E quindi i 75 punti base di aumento dei tassi che i mercati si aspettano potrebbero rivelarsi una cura da cavallo troppo forte per un paziente che ormai è moribondo.

Jerome Powell sarà in grado di fare l’equilibrista?

Era un dubbio che ci eravamo posti già diverse volte su Criptovaluta.it, ad esempio in occasione di altre uscite del factotum della politica monetaria USA, anche prima di avere dei dati effettivi sull’andamento dell’economia USA.

Ora le opzioni di Powell sono fondamentalmente due. Da un lato può decidere di continuare con la sua politica di innalzamento dei tassi relativamente ripida, con la conseguenza di accelerare però l’arrivo della recessione, su un mercato che non sembra in grado di sostenere questo tipo di manovre.

La seconda è invece un atteggiamento più dovish, ovvero più da colomba nei prossimi meeting della sua istituzione. E questo potrebbe dare un po’ di ossigeno a mercati che sono stati letteralmente massacrati dall’inflazione, dall’arrivo di tassi più alti e da una situazione economica effettiva che è molto meno solida di quello che vorrebbero rappresentare gli alti papaveri e gli economisti.

Introdurre Bitcoin e cripto in questa analisi

Fino a quando non avverrà un decoupling certo e definitivo o quasi, ovvero una separazione tra quello che avviene sui mercati di rischio e quello delle cripto e di Bitcoin, le operazioni della banca centrale USA continueranno ad avere degli effetti importanti su questi mercati.

Se dovessimo puntare qualcosa oggi, lo punteremmo su una Fed che tornerà a più miti consigli, dato che nessuno, tanto meno Joe Biden, vorrebbe presentarsi alle midterms di fine anno con un paese sconquassato sul lato economico.

Un innalzamento dei tassi meno consistente potrebbe aiutare l’economia? In realtà si tratterebbe di un calciare la lattina più avanti, cosa che ad ogni modo favorirebbe le performance di Bitcoin e del resto del comparto. Staremo a vedere: nel corso dei prossimi 1 o 2 anni potrebbero cambiare molte cose del mondo come lo conosciamo. Sul lato economico e non. E Bitcoin potrebbe giocare un ruolo da protagonista.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *