Home / Per Glassnode accumulazione su Bitcoin | Trend invertito da…

accumulazione Bitcoin grafico

Per Glassnode accumulazione su Bitcoin | Trend invertito da…

Glassnode rimane uno dei maggiori hub informativi per capire cosa sta avvenendo on chain e come si stanno muovendo quei grandi account che hanno un numero enorme di Bitcoin a disposizione. E le ultime notizie che sono state diffuse da questo centro informativo sembrerebbero essere incoraggianti per quanto riguarda il futuro del mercato.

Secondo quanto riportato in un inserto video del gruppo, infatti, gli HODLER storici, quelli che hanno aumentato le loro posizioni, in particolare per i wallet che hanno meno di 100 BTC. Un segnale molto forte in uno dei momenti più difficili per il mercato di Bitcoin, mercato che sta offrendo qualche timido segnale di ripresa.

Possiamo investire su questo mercato anche con la Piattaforma Sicura eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con capitale di prova di 100.000$ – intermediario che ci offre la possibilità di investire all’interno del mercato con tutti gli strumenti più utili per fare trading di livello professionale.

Chi vuole affidarsi a quanto viene offerto dal mondo del trading automatico può farlo con il CopyTrader, sistema che ci permette di investire all’interno del mercato ricorrendo a copia e analisi di come stanno operando i migliori. Per chi invece dovesse preferire un investimento diversificato abbiamo i CopyPortfolios, che invece offrono la possibilità di investire in panieri cripto in stile ETF. Bastano 50$ per passare ad un conto reale.

Glassnode dice che gli hodlers hanno approfittato del dip

Ed è un dato importante quello che viene fuori dall’accumulation trend score, un indice elaborato da Glassnode stessa che dovrebbe segnalare i comportamenti di coloro i quali appunto accumulano Bitcoin. Nonostante la fase calante – o forse sarebbe il caso di dire grazie alla stessa – avrebbero approfittato dei prezzi molto convenienti a mercato per mettere le mani su altre porzioni di Bitcoin, così da aumentare le loro dotazioni a prezzi che sono meno della metà di quelli di picco.

Accumulazione Bitcoin
Da 1,5 settimane sarebbe ripartita l’accumulazione

Dato che, aggiungiamo noi, sono doppiamente importanti mentre i mercati (e non solo quelli cripto) sono in realtà dominati dalla paura, un sentimento che spinge verso comportamenti generalmente molto diversi. Segno che ormai a credere in Bitcoin e nella sua forza anche finanziaria sono in moltissimi, in particolare tra quelli che vi investono capitali anche freschi.

Segnale ineluttabile oppure abbiamo bisogno di ulteriori valutazioni?

A nostro avviso avremo comunque bisogno di ulteriori valutazioni, in un mercato che continua ad essere dominato da paure macro decisamente fondate. Da un lato abbiamo analisti che credono che i mercati abbiano ormai scontato – ovvero incorporato nel prezzo – tutte le paure legate al prolungamento della guerra, alla situazione energetica e anche alla recessione e all’inflazione.

Dall’altro c’è chi sottolinea come in realtà le crisi si prolunghino spesso oltre quello che sembrerebbe essere ragionevole. Una situazione macro che continuerà a dominare i mercati e per la quale probabilmente dovremo metterci in attesa di dati ulteriori.

Il dato che emerge, come abbiamo riportato nella nostra infografica, segnala una svolta a partire dall’ultima settimana, settimana e mezza. Ovvero da quando abbiamo visto anche una leggera ripresa di prezzo dopo i minimi toccati per il crack di Terra Luna. Che sia il segnale che il peggio è, finalmente, alle spalle?

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *