Home / Fed hawkish sui tassi di interesse con +0,75% | Bitcoin e Crypto rispondono…

FED RIALZI TASSI CRIPTO

Fed hawkish sui tassi di interesse con +0,75% | Bitcoin e Crypto rispondono…

Mossa aggressiva da parte di Fed. Come i mercati avevano iniziato a sospettare da lunedì scorso, l’aumento dei tassi è stato maggiore di quanto era stato preventivato dalla stessa Fed soltanto a maggio.

75 punti base, ovvero 0,75%, mentre fino alla settimana scorsa tutti, sempre a causa di quanto detto da Fed lo scorso mese, si aspettavano “soltanto” uno 0,50% in più. Cambio di strategia complessiva? Difficile dirlo. La situazione è complicata e dovremo cercare di capirci qualcosa in particolare per operare sui mercati con cognizione di causa durante le prossime settimane.

Il mercato continua ad essere incerto, un palo della cuccagna per chi ama i cambiamenti rapidi dentro range ristretti. Possiamo operarvi con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con il il TOP degli STRUMENTI di TRADING – intermediario che ci offre la possibilità di investire su 75+ cripto asset, con un approccio squisitamente finanziario.

Avremo a disposizione, per chi ama il Trading Automatico, il CopyTrader, che permette di investire copiando il top dei trader che utilizzano questa piattaforma. E avremo anche a disposizione gli Smart Portfolios se preferiremo invece un investimento già diversificato, in stile panieri ETF. Con 50$ passiamo al conto reale in qualunque momento vorremo.

Cosa fa Fed? Ondata hawkish per combattere l’inflazione

Il tema è questo: l’inflazione non accenna a scendere, cosa che ha portato Fed a cambiare rotta anche rispetto a quanto aveva preventivato soltanto un mese fa. A maggio infatti, come avevamo ampiamente commentato e riportato, si era previsto un innalzamento massimo di 50 punti base, con powell che ebbe a dire che l’opzione 0,75% non sarebbe stata sul tavolo.

Analisi cripto BTC tassi interesse
Fed Hawkish, ma non può fare altrimenti

I dati impietosi dell’inflazione, che si trova anno su anno di poco al di sotto della doppia cifra, ha costretto Fed a rivedere i suoi piani, in un cambio repentino che ha cominciato a materializzarsi nella giornata di lunedì, per poi diventare evidente durante la giornata di martedì. Aumento di 0,75% che poi c’è stato effettivamente, con i mercati che però avevano già prezzato questo cambiamento.

Bitcoin ne ha approfittato per recuperare un po’ delle perdite da inizio settimana (anche se in misura relativamente modesta), così come hanno fatto diversi token del comparto. Ma è un fuoco di paglia oppure l’inversione del trend?

Occhi puntati su luglio

Jerome Powell, il capo di Fed, è stato relativamente chiaro, per quanto possa esserlo il comandante di un’istituzione che si trova a muoversi entro uno spazio molto stretto e che deve, per sua stessa ammissione, navigare a vista.

  • Per luglio possibili altri 75 bps

Anzi, molto probabili e già scontati dai mercati. Questo perché nessuno si aspetta un repentino ribasso dell’inflazione, che in larga parte, come vedremo, dipende in realtà da cause esogene almeno sul breve periodo.

  • Quanto potranno fare i tassi?

Una parte delle critiche sono partite da un assunto che è stato messo sul tavolo proprio da Powell: diversi dei fattori che stanno portando ad un’inflazione così sostenuta sono di carattere esterno. Dalle politiche zero COVID della Cina passando per il conflitto in Ucraina. Se dovessimo sposare questa tesi, verrebbe da chiedersi che tipo di risultato si possa ottenere con un rialzo dei tassi, se non quello di accelerare la recessione.

Cosa vuol dire questa situazione per il mondo cripto e Bitcoin?

Difficile a dirsi, perché è altrettanto difficile capire quale sarà la reazione dell’inflazione e se la soluzione di qualcuno dei problemi indicati da Powell possa effettivamente dare una mano verso un ritorno all’inflazione più in linea con i target.

Per noi, con la promessa di aggiornarci a breve quando la situazione diventerà più chiara, ci sarà ancora da soffrire in cerca di una direzione netta. Con lo spettro della recessione che si fa sempre più importante e che potrebbe cambiare sul medio periodo tutto quello che sappiamo dell’andamento del mondo cripto.

Un mondo cripto che per la prima volta nella sua storia si trova ad affrontare un vero bear market nel settore delle azioni. Vedremo di cosa sarà capace: noi rimaniamo più che ottimisti sulla ripresa del settore, se non subito comunque più vicina di quanto si aspettano i pessimisti.

Info su Gianluca Grossi

Analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

4 commenti

  1. Sono d’accordo con chi vede dietro a questa crisi il tentativo di attuare un reset della società occidentale. Vogliono colpire i risparmi della classe media, altrimenti avrebbero abbassato i tassi per incentivare gli investimenti. Spero che queste politiche gli si ritorcano contro e questo periodo porti la gente a chiedere con forza una grande riforma sul capitalismo finanziario.

  2. Bitcoin e crypto Rispondono? Ma siete seri?

  3. le cripto non fanno altro che amplificare i movimenti del listino tecnologico. e’ come fare il nasdaq 100 a leva x3. se dopo aver perso 1/3 del valore non e’ prossimo a un fondo, le cripto continueranno a sfracellarsi nonostante un -90%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *