martedì , 27 Settembre 2022

Home / Celsius gioca d’azzardo con i Bitcoin dei clienti | Scattano le indagini

CELSIUS AZZARDO

Celsius gioca d’azzardo con i Bitcoin dei clienti | Scattano le indagini

La storia di Celsius, che ha lasciato in braghe di tela i clienti che gli avevano fornito liquidità, si arricchisce di squallidi particolari, in realtà forse più che prevedibili anche prima che venissero rivelati da una recente indagine del Financial Times.

Secondo quanto riportato dall’autorevole giornale che si occupa principalmente di finanza e di economia infatti, il gruppo avrebbe fatto trading su Bitcoin, per somme considerevoli, utilizzando proprio i fondi dei clienti. E perdendone a iosa, seguendo informazioni sbilenche su come si sarebbe comportata Federal Reserve già in gennaio.

Un’ennesima lezione sull’importanza di custodire direttamente i proprio Bitcoin oppure di utilizzare piattaforme sicure come eTorovai qui per ottenere un conto di prova gratis con CAPITALE VIRTUALE di 100.000$ – intermediario che essendo dotato di licenza regolare per operare in Europa ha l’obbligo legale di separare i propri fondi da quelli dei clienti.

E potremo fare inoltre trading sfruttando il trading automatico che ci offre il CopyTrader, sistema di copia integrale delle posizioni dei trader più bravi. E avremo anche accesso al mondo degli Smart Portoflios, che ci permette di investire in panieri che includono anche Bitcoin insieme ad altri asset cripto. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Celsius ha giocato d’azzardo con i fondi dei clienti

Questo sarebbe quanto emerso dall’indagine del Financial Times, che ha indicato come fonti persone informate dei fatti e interne alla società. Il gruppo, su spinta del CEO Alex Mashinsky avrebbe fatto trading su Bitcoin e in particolare utilizzando il trust di Grayscale, in seguito a notizie attese da Federal Reserve per il gennaio scorso. Trade che non sono andati come il CEO del gruppo si aspettava e che hanno fatto totalizzare a Celsius perdite milionarie.

Una pessima situazione, se dovesse essere confermata

Si tratterebbe inoltre, ma questo dovrà essere stabilito dalla magistratura americana, di una procedura non insolita per il gruppo, che in seguito al crack si sarebbe trovato nell’impossibilità di restituire ai propri clienti quanto avevano versato. Una vicenda che abbiamo raccontato nei minimi particolari e che è stata una delle più eclatanti del cripto-domino che ha interessato diverse tra le più importanti società di lending e deposito del mondo cripto e Bitcoin. Una storia che ci insegna una volta quanto sia importante il Don’t Trust, Verify e quanto sia rilevante la custodia diretta dei propri Bitcoin, anche al costo di perdersi delle succose e invitanti ricompense da parte di intermediari.

Se così fosse, sarebbero guai grossi per Mashinsky

Se quanto raccontato dal Financial Times dovesse essere confermato anche dalle indagini della magistratura, per Alex Mashinsky sarebbero guai molto seri. Guai che si stanno già facendo vedere all’orizzonte, dato che diversi investitori si sarebbero raccolti in gruppo e avviato una procedura legale proprio contro il capo del gruppo.

Capo del gruppo che a questo punto dovrà rendere conto di tutte le volte che in pubblico ha ribadito la sicurezza dei fondi dei clienti. Fondi che, almeno stando a quanto riportato da Financial Times, sono in realtà stati utilizzati per mere operazioni di trading, andate tra le altre cose decisamente male.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.
Criptovaluta.it è su Google News !
Resta aggiornato sulle ultime news elaborate dal centro studi di Criptovaluta.it per Google News - clicca su questo link e poi sulla stellina ⭐ in alto a destra.

Iscriviti alla newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *