Home / Il miliardario prevede la ripresa di Bitcoin e crypto | Ecco quando accadrà…

MILIARDARIO RIPRESA CRIPTO

Il miliardario prevede la ripresa di Bitcoin e crypto | Ecco quando accadrà…

Nel mezzo di un quadro macroeconomico preoccupante, Stanley Druckenmiller prevede una sostanziale ripresa dei mercati delle criptovalute. Il miliardario statunitense è certo: se i cittadini dovessero perdere fiducia nelle banche centrali e nelle loro politiche sempre più restrittive, il comparto vivrà un nuovo boom.

Secondo l’investitore i crypto asset potrebbero diventare il bene di riferimento, soprattutto guardando alle previsioni per l’immediato futuro della finanza tradizionale, non certo rosee. Avanti di questo passo, gli Stati Uniti, potrebbero entrare in recessione nel 2023.

Una situazione che dovrebbe giocare a favore degli investitori che si muoveranno per tempo, cosa che possono fare con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con il TOP del MERCATO anche in AUTOMATICO – intermediario che ci permette di investire su tutte le principali criptovalute del mercato, con 78+ che sono già inserite a listino e che ci permettono di creare un portafoglio davvero diversificato.

Sempre all’interno di quanto viene offerto da eToro troviamo anche il trading automatico, che possiamo fare tramite CopyTrader, servizio di trading in copia dei più bravi. E con gli Smart Portfolios possiamo investire anche con panieri cripto in stile ETF. Con 50$ possiamo passare al conto reale di trading.

Il miliardario è sicuro: si ripartirà con Bitcoin a causa di…

Stanley Druckenmiller è intervenuto al Delivering Alpha Investor Summit, organizzato dalla CNBC. Si è detto pessimista sugli sviluppi del quadro macroeconomico, e afferma che le popolazioni potrebbero provare presto una forte sfiducia verso le banche centrali, per le loro politiche sempre più restrittive. Questo potrebbe innescare una ripresa dell’intero comparto, con Bitcoin e criptovalute pronte ad essere adottate dai cittadini come asset di riferimento.

Fed amica di Bitcoin?

Druckenmiller afferma di non possedere criptovalute, ostacolato anche dall’inasprimento delle politiche delle banche centrali, e arriva a prevedere uno scontro tra crypto asset e istituti di credito. Opinione che troverebbe una sponda in Christine Lagarde, secondo la quale una crescita dei mercati crypto andrebbe a compromettere il ruolo centrale delle banche nell’economia.

L’atteggiamento della presidente della BCE nei confronti del comparto d’altronde è dichiaratamente ostile, con Bitcoin, Ethereum e criptovalute in toto viste come prima minaccia alla tenuta economica dell’Unione Europea, e non solo. Già qualche tempo fa ci eravamo domandati se la Presidente avesse davvero a cuore la stabilità finanziaria del vecchio continente, quando lei e il suo staff erano alle prese con la spinosa questione MiCa.

Una voce autorevole certamente, ma che non nasconde una faziosità che a tratti sembra più strumentale che non basata sui fatti. Lo spauracchio delle cripto continua ad agitare i banchieri, che finiscono sotto la lente di ingrandimento di Stanley Druckenmiller per via del loro scarso operato nella lotta all’inflazione.

Federal Reserve responsabile

Inflazione che ha portato a un crollo del mercato azionario e di quello delle criptovalute, e in questo scenario già complicato l’azione delle banche presta il fianco a più di qualche critica. Secondo Druckenmiller, la Federal Reserve dovrebbe fare qualcosa di meglio per contrastare i fenomeni inflativi e scongiurare il rischio di una recessione, che avrebbe effetti disastrosi e che potrebbe arrivare in America già nel 2023.

Fed che dal canto suo esorta i politici americani a una regolamentazione, suggerendo tra le righe un atteggiamento di apertura verso gli stablecoin basati sul dollaro, quando negli States imperversava la questione CBDC.

Il recente intervento di Jerome Powell alla conferenza Opportunities and challenges of the tokenisation of finance: which role for Central Banks? voluta dalla Banca di Francia ha ribadito, a distanza di tempo, la stessa posizione e gli stessi consigli: gli stablecoin vanno adottati, magari al di fuori delle piattaforme DeFi, con una regolamentazione adeguata.

Nello stesso intervento Il presidente della Fed ha mostrato tuttavia marcato scetticismo verso le criptovalute, la cui fase ribassista non dovrebbe intaccare l’andamento della finanza tradizionale. Una posizione antitetica rispetto a quella di Druckenmiller. Chi avrà ragione? Chi vivrà vedrà, anche se almeno stando a quanto è avvenuto in paesi dove la crisi valutaria si è già verificata, Bitcoin ha fatto registrare delle performance incredibili, proprio perché ritenuto più sicuro e più solido delle fiat currency. Con il dollaro sarà diverso, dato anche lo status particolare di questa valuta sarà sicuramente difficile da scalzare.

Info su Paolo Sorgi

Appassionato di NFT, metaverse e cripto legate ai motori, Paolo segue per criptovaluta.it anche il settore del gaming e della musica legata alla blockchain.

Iscriviti alla newsletter

2 commenti

  1. Buongiorno a tutto il gruppo. Qui non c’è bisogno di scalzare niente e nessuno ma di trovare una sorta di collaborazione fra i due comparti, una simbiosi mutualistica come riportavo in un precedente commento. Purtroppo la FED ha e sta facendo ancora danni e questo non lo dico solo io ma anche gli esperti di BlackRock come già riportato in un precedente commento. Le fiat e le cripto devono coesistere in due distinti mercati e far parte semplicemente della quotidianità ma ci vorrà del tempo, l’importante è iniziare con una giusta cultura finanziaria a livello globale. Purtroppo il sistema bancario ha paura di adeguarsi a questa nuova realtà anche perchè ai suoi vertici ci sono persone incapaci che si trovano ai piani alti della governance perchè amici di..o parenti di..e tutto questo per prima va cambiato assieme alla politica che manovra nell’ombra con i propri detrattori di turno. Basta iniziare con delle regole che permettano di far coesistere le diverse valute agganciando le cripto ad un nuovo indice di riferimento e continuare con la naturale evoluzione ma alla fine dovranno essere i consumatori a decidere ma sono sicuro che ci sarà spazio per tutti. Ci vorrà del tempo ma prima coloro che governano dovranno cambiare mentalità, io proporrei di cambiare direttamente i governanti con tutti i membri di Criptovaluta.it, sono sicuro che se la caverebbero meglio e con minori danni. P.S. Lagarde deve capire che se il mondo cripto viene accettato dal sistema potrebbe diventare una sorta di equilibratore finanziario e da “nemico” diventerebbe un importante alleato anche per tener sotto controllo l’inflazione e ci sarà spazio anche per il dollaro e l’euro digitale. Buona giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *