Home / Bitcoin: la discesa è FINITA! | Analisi di Arthur Hayes (e anche NOSTRA!)

BITCOIN BOTTOM

Bitcoin: la discesa è FINITA! | Analisi di Arthur Hayes (e anche NOSTRA!)

Bottom in? Questa sembrerebbe essere l’opinione di Arthur Hayes, che molti conosceranno per il suo coinvolgimento in BitMEX e che oggi si diletta in analisi di Bitcoin decisamente interessanti e comunque sempre ben argomentate.

La certezza, in realtà, dice di non averla neanche lui, ma gli argomenti che ha inserito nel suo lungo post sul proprio sito personale. Una previsione che a nostro avviso, per quanto sia non certa (come tutte le previsioni), merita comunque di essere analizzata a fondo. Vuoi perché di belle notizie c’è sempre bisogno, vuoi perché sono gli stessi elementi che abbiamo trattato sul nostro sito in queste ultime settimane.

Chi dovesse prendere per buona l’analisi di Hayes potrà investire su Bitcoin anche con la piattaforma sicura Capital.comvai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con CAPITALE DI PROVA senza limiti – intermediario che ci permette di investire su 476+ cripto asset oltre che su Bitcoin.

Sempre tramite quanto viene offerto da Capital.com possiamo accedere a strumenti molto interessanti e professionali come MetaTrader 4 e TradingView, entrambe piattaforme che ci permettono di investire come fanno i pro. E avremo anche il WebTrader, che permette di operare con intelligenza artificiale e fare trading in modo più smart. Con 20€ di investimento possiamo passare al conto reale.

Arthur Hayes: gli elementi più importanti di questa fase di Bitcoin

Il post sul sito ufficiale di Arthur Hayes andrebbe letto da tutti, a prescindere dal fatto che si sia d’accordo o meno con i punti che ha inserito all’interno della sua analisi. Il punto principale è che le vendite forzate di Bitcoin, principalmente dovute al credit crunch innescato dalle crisi di Luna e di FTX potrebbe essere al termine. Ma andiamo con ordine.

  • I miner? Non stanno benissimo, anche se…

La situazione dei miner di Bitcoin è stata analizzata più volte anche su queste pagine. La crisi è ormai chiara per tutti e molti dei più grandi player del settore hanno dato fondo alle loro riserve. Il grafico, che arriva da Glassnode e che riportiamo qui, è piuttosto emblematico.

Miner Bitcoin - venditeBi
I bilanci dei miner Bitcoin

Novembre di profondo rosso, il che vuol dire che non ci sono mai state vendite di queste proporzioni a partire dai miner, appunto. Segno non solo della crisi di Core Scientific ma di difficoltà oggettive ad operare con prezzi così bassi (e con crisi energetiche pressoché ovunque). Dovremmo essere al fondo, segnalato anche dal fatto che la difficulty di Bitcoin è scesa in modo importante proprio pochi giorni fa.

  • Prestiti, crediti, sottostante

Altro ciclo di vendite forzate è stato quello di tutti o quasi i soggetti direttamente o indirettamente coinvolti con Celsius, Voyager, Alameda.

Anche qui dovremmo essere ormai alla fine del mini-ciclo di vendite, dato che tutti gli hub principali sono ormai con i proverbiali libri in tribunale.

  • Open Interest

Si è abbassato parecchio rispetto ai massimi dell’anno scorso e anche rispetto a quelli di quest’anno. Il che vuol dire che di posizioni a leva ne sono rimaste poche, o che quantomeno una grossa parte di leva finanziaria è stata spazzata via. Anche questo potrebbe essere un buon segno per Bitcoin e per il suo prezzo.

Le incognite per capire se Bitcoin ha trovato il suo minimo o meno

Nessuno, neanche il più squinternato degli analisti si sognerebbe mai in queste condizioni generali di mercato di chiamare un bottom con il 100% della certezza. E non lo fa neanche Arthur Hayes, che squinternato ovviamente non è.

Federal Reserve Bitcoin
Federal Reserve gioca un gioco che…

Rimane il fatto però che le forze più importanti che hanno traghettato verso il basso il prezzo di Bitcoin sembrano essersi prese una pausa. La palla ora passa a Federal Reserve.

  • La questione dei tassi di interesse

Se domani, in un universo parallelo, Federal Reserve dovesse tagliare i tassi di 1 punto percentuale, rivedremmo corse incredibili di tutti i mercati di rischio, compresi Bitcoin e criptovalute.

È vero anche però che Fed non decide di muovere i tassi senza motivo. E che anzi, ha cominciato ad alzarli in modo concreto per far fronte all’inflazione. Le strade che abbiamo davanti a questo punto per tornare ad un mercato letteralmente drogato dalla moneta fresca di stampa sono due: o l’inflazione torna vicina al target del 2%, cosa che sembra essere almeno per ora fuori discussione, oppure si dovrà rompere qualcosa di serio sui mercati.

Hayes punta sul mercato del debito pubblico. E non è l’unico. Sarà davvero così?

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti
Notificami
guest

3 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Christian
Christian
1 mese fa

Poi c’è gente che profetizza btc a 5K…

Giorgio
Giorgio
1 mese fa

Se dovesse andare a 5k, cosa molto improbabile se non impossibile, non basterebbero i btc in circolazione per coprire la domanda.
Poi sì c’è anche chi dice che andrà a zero, perché arriverà una nuova tecnologia, non ho capito se vulcanica, romulana o klingon ( vedi star trek per capire 😃)
Detto da gente che secondo me in quanto a tecnologia ancora oggi non ha capito il perché le lampadine a incandescenza facevano luce.
Soprattutto che una nuova tecnologia è già prevista dagli sviluppatori di btc, che sarà btc stesso.

Giorgio
Giorgio
1 mese fa

Vulcaniana, non vulcanica.