Home / Miner Bitcoin in CRISI si SALVA! | Arrivano +70 milioni per…

Miner Bitcoin analisi

Miner Bitcoin in CRISI si SALVA! | Arrivano +70 milioni per…

Vi ricordate di Core Scientific, il miner Bitcoin in crisi e ad un passo dalla bancarotta? Bene, sembrerebbe che qualcuno sia disposto a finanziarlo, o meglio, a ristrutturare debito per 72 milioni di dollari, cosa che potrebbe evitare la bancarotta, almeno sul breve periodo, per il gruppo.

È una buona notizia? Probabilmente sì, dato che parliamo di un miner con un’importante quantità di hashrate a disposizione e la cui debacle potrebbe essere almeno sul breve relativamente problematica. Rimane però da analizzare l’accordo che vedrebbe uno dei principali creditori del gruppo aprire questa linea di credito.

Una situazione che però, se dovesse evolversi in questo senso, potrebbe aiutare l’intero comparto a recuperare un po’ di tranquillità. Tenendo conto dei rischi e della situazione possiamo investire su Bitcoin anche con eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito con STRUMENTI AUTOMATICI – intermediario che ci consente accesso ad un ambiente di investimento ricco di strumenti e nel quale troviamo anche migliaia di titoli del mercato tradizionale.

Sempre tramite eToro possiamo fare anche trading automatico con il CopyTrader, servizio che garantisce gratuitamente la possibilità di copiare i più bravi e anche di sbirciare tra le loro posizioni. Abbiamo poi anche il WebTrader che permette di investire con strumenti all’avanguardia sia per l’analisi che per la gestione delle posizioni. Con 50$ possiamo passare al conto reale.

Core Scientific, il miner Bitcoin, potrebbe salvarsi

La salvezza per la situazione di Core Scientific potrebbe arrivare da una linea di credito che uno dei creditori principali del gruppo si sarebbe detto pronto ad attivare. Parliamo di B Riley, che sarebbe pronta ad offrire un piano di finanziamento da 72 milioni di dollari, che potrebbe essere sufficiente a salvare il miner di Bitcoin. La notizia è stata riportata da Yahoo Finance.

Secondo la nostra opinione, la grande maggioranza dei problemi di Core Scientific sono auto-imposti e possono essere corretti con una discussione aperta e trasparente insieme ai creditori e agli azionisti. Il finanziamento che offriamo sarà conveniente nei termini e offrirà al gruppo 2 anni per tornare in profitto.

Questo il commento di B Riley, banca di investimento che si sarebbe detta pronta anche ad investire i primi 40 milioni senza alcun tipo di condizione. Il resto del finanziamento sarebbe però vincolato alla sospensione dei debiti verso i produttori di ASIC fino a quando il prezzo di Bitcoin sarà inferiore ai 18.500$. Superata quella soglia, i pagamenti dovrebbero essere riattivati.

Linea credito core scientific
Una linea di credito che varrebbe 2 anni

Una soluzione che parte dunque dalla buona volontà di uno dei creditori ma che dovrà incontrare anche quella di un’altra categoria di creditori, quella che ha fornito macchine a Core Scientific e che vanta dei crediti importanti nei confronti del gruppo.

Funzionerà?

Staremo a vedere: certo è che la somma proposta da B Riley è importante, così come potrebbe dare un po’ di respiro il pagamento a soglia pensato per allentare un po’ le pressioni di una certa categoria di creditori.

Chissà se i fornitori di macchine per il mining accetteranno: l’offerta, almeno per il momento, sembrerebbe essere di quelle che non si possono rifiutare. Nel complesso Core Scientific dovrebbe comunque far fronte a circa 300 milioni di dollari in prestiti da restituire, il grosso dei quali di breve termine, che sarebbero stati contratti durante l’ultimo bull mmarket.

Questi debiti sono stati contratti all’interno di una strategia errata della compagnia, che prevedeva ancora costruzione di centrali elettriche e espansione del business del mining, tutto questo senza la vendita di Bitcoin e senza fare hedging sul prezzo dello stesso.

Queste le altre due righe significative nel commento di B Riley. Commento che farebbe presumere la volontà, una volta aperta la linea di credito, di vederci chiaro anche nel management di Core Scientific, che sicuramente ha le sue responsabilità per le pessime condizioni finanziarie in cui versa il gruppo.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti
Notificami
guest

1 Comment
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
jacopo
jacopo
1 mese fa

Quando le politiche dell’economia moderna entrano nella blockchain ecco che subito ritornano i vecchi fantasmi.
Ed ecco che la gente (o meglio: le grandi aziende) investe i soldi che non ha per comprare asic, e chiede presititi, e dà garanzie ai prestiti farlocche, e amici di amci e tutto il marciume che ben conosciamo. In bull market tutti fenomeni, sia chi chiede sia chi dà, poi quando le cose vanno meno bene la gente ci rimette le mutande.

Beh non sono entrato in questo settore per vedere succedere ancora e ancora e ancora lo stesso schifo dell’economia liberista classica.
Non farò l’errore di dire “il mining bitcoin è uno schifo perchè è diventato un business capitalistico vecchio stampo QUINDI bitcoin è uno schifo”…
… però lasciatemelo dire: il mining bitcoin è uno schifo perchè è diventato un business capitalistico vecchio stampo, PUNTO

Poi se il prestito a tizio scientific (il nome mi causa spasmi, scientific de che?, ma vabbè) arriverà o no me ne sbatte meno di zero, e ugualmente se tutte queste mining farm sopravviveranno o no: per quel che mi riguarda potrebbero fallire tutte oggi stesso. Purtroppo non sarà così, il mining da casa si è già estitnto, per quanto questo sia triste; Satoshi mi sa che non ci era arrivato a prevedere uno scenario simile