Home / Il capo di Cardano attacca Coinbase | “Mi aspettavo di più”

CARDANO NO LOVE

Il capo di Cardano attacca Coinbase | “Mi aspettavo di più”

Coinbase pubblica il suo Crypto Market Outlook per il 2023, tutti lo leggono e qualcuno protesta. Quel qualcuno è Charles Hoskinson, notoriamente non uno che le manda a dire, quel capo di Cardano che sembrerebbe vivere con particolare apprensione il crypto inverno.

Sì, perché non è la prima polemica che innesca in questi giorni e non è la prima volta che sembrerebbe prendersela per qualcosa che forse in molti avranno ignorato. Ma qual è il suo problema con Coinbase e con il suo report? Cerchiamo di vederci più chiaro.

Nel frattempo, a scanso di ogni equivoco, Cardano continua ad essere scambiata in piena libertà presso tutte le migliori piattaforme di trading. Come ad esempio eTorovai qui per ottenere un conto virtuale gratuito e regolamentato – intermediario che permette di investire su $ADA e anche di metterla in staking automatico, oltre che ad offrire tutti gli strumenti di trading più avanzati.

È con eToro che abbiamo accesso al CopyTrader, sistema che permette di copiare i più bravi e anche di spiare ogni loro mossa sul mercato. Sempre con eToro possiamo fare trading su Smart Portfolios, panieri cripto che includono tutti i migliori asset del settore. Bastano poi 50$ per passare ad un conto reale.

Charles Hoskinson contro Coinbase: colpo basso

Coinbase pubblica il suo report sul futuro prossimo e di breve periodo del mondo cripto, parlando dei principali asset del comparto da Bitcoin a scendere. Un’operazione che in realtà svolgono tutte o quasi le testate e tutti o quasi i centri di ricerca del mondo cripto (e al quale neanche Criptovaluta.it si sottrarrà). Un report come tanti, senza granché di interessante forse per chi segue giorno per giorno questo mercato, ma che ha comunque innescato delle reazioni curiose, passateci l’eufemismo, da parte di Charles Hoskinson, leader di Cardano e co-fondatore di Ethereum.

Neanche una menzione di Cardano. Misero e triste. Onestamente mi aspettavo qualcosa di meglio.

In altre parole il report si sarebbe dimenticato, se così vogliamo dire, di Cardano e questo non sarebbe andato a genio al suo fondatore, da sempre in prima linea nella difesa, talvolta sperticata, del proprio progetto. Progetto che è e rimarrà con ogni probabilità uno dei più divisivi del mondo cripto, forse anche in virtù di questi atteggiamenti, che in molti ritengono troppo aggressivi.

Charles Hoskinson non la prende granché bene
Charles Hoskinson non la prende troppo bene

Tornando al report di Coinbase: è una dimenticanza? È un boicottaggio soft del progetto? Chissà: i posteri avranno, come vuole la vulgata, diritto alla sentenza definitiva. Per ora non possiamo che registrare come effettivamente la non menzione di Cardano sia piuttosto curiosa, fosse anche soltanto per la posizione che il progetto occupa all’interno della speciale classifica della capitalizzazione di mercato.

Non è la prima volta che…

La mancata copertura mediatica fa saltare sulla sedia qualche responsabile e qualche capo-progetto. Ragionevole o no, quando si cura un progetto tutto il giorno, tutti i giorni, talvolta ci si lascia abbandonare ad esternazioni che forse per gli altri sono incomprensibili.

Il 2023 sarà buono per Cardano? Più che un report di Coinbase, saranno gli utenti a deciderlo. Non preoccupartene troppo, Charles.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti
Notificami
guest

3 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
jacopo
jacopo
1 mese fa

All time high di Cardano: $2.96
Ora: $0.253
Morale, Cardano ha perso il 91,5% del suo valore.
Ma la cosa terribile è che ormai fatica a raggiungere l’inarrivabile obiettivo di una transazione al secondo.
Che sia la nona cripto per capitalizzazione mi lascia un po’ perplesso, a dire la verità.
Questo Charles mi sembra (eufemismo) un po’ una attention whore, scusatemi il francesismo: forse sarebbe meglio lasciarlo un po’ nel suo brodo, quantomeno quando fa uscite inutili come questa, che non apportano nulla al settore. Anche perchè di recente più che sparare cazz*te non ha fatto (inglobiamo dogecoin, inglobiamo stoppana, grande novità nel processo ripple…. un buco nell’acqua dietro l’altro)

Giorgio
Giorgio
1 mese fa

Non conosco molto bene la rete Cardano quindi non posso approfondire.
Comprendo il fastidio del suo CEO perché se fai una lista e la mia rete è nella top ten per cap dovresti per lo meno nominarmi.
Detto questo ho visto dei dati ultimamente.
Il primo mostrava quanti users sono presenti ogni giorno sulle varie chain.
Primato assoluto BSC, seguita con la metà degli users eth e polygon a parimerito, quarta solana, decima e ultima multiversx, cardano non compariva tra le 10.
Poi ho visto un diagramma a torta delle chain che ” vendono ” nft prima in assoluto con praticamente tutta la torta eth, seconda solana, con mia grande sorpresa terza multiversx, poi polygon, cardano non compariva, in realtà non so se cardano ha suoi nft ma penso di sì.

Marco
Marco
1 mese fa

Charles con tutto il suo staff ha uccido la sua criptovaluta, c’è chi ha investito parecchio, gli utenti si sono stancati di aspettare tempi biblici, onestamente ADA fa nauseare con lo staking e non solo.