Home / Miner Bitcoin: 4 MILIARDI di debiti | Cosa accadrà se…

Miner Bitcoin crisi

Miner Bitcoin: 4 MILIARDI di debiti | Cosa accadrà se…

Il debito dei miner quotati in borsa? Ammonterebbe nel complesso a 4 miliardi di dollari, centesimo più centesimo meno, secondo i dati che sono stati diffusi da Luxor Mining. Una quantità di debito importante che è la questione forse più importante per il futuro di Bitcoin di breve periodo, anche in termini di ecosistema.

Le preoccupazioni sono tante, tra le quali la possibilità che il grosso delle società che sono titolari di questo debito non siano in grado di farvi fronte, fallendo. È il caso di Core Scientific, che ha avviato le procedure per la protezione dalla bancarotta ex Chapter 11, così come di altre la cui situazione sarà tra le più dibattute anche in avvio di 2013.

Preoccupazioni che però Bitcoin sembrerebbe già aver assorbito, almeno in larga parte. Potremo investire su $BTC anche con la piattaforma sicura Capital.comvai qui per ottenere un conto virtuale gratuito e privo di limitazioni – un intermediario che oltre Bitcoin offre 476+ crypto asset, tutti scelti tra i migliori anche per supposte prestazioni future.

Con Capital.com abbiamo inoltre accesso a MetaTrader 4 e TradingView, entrambe piattaforme di grande spessore per il trading di breve periodo. Sono soddisfatti anche i trader che preferiscono operare via Web. Il WebTrader include infatti anche un sistema in intelligenza artificiale, oltre che strumenti avanzati di analisi. Con 50$ possiamo passare ad un conto reale.

Miner Bitcoin: la grave situazione finanziaria per molte delle società quotate

Ne abbiamo parlato già diverse volte sulle pagine della nostra testata, non avevamo mai avuto però prima un numero sul quale ragionare a bocce ferme. 4 miliardi di dollari di debito complessivamente accumulato dalle principali società che fanno mining su Bitcoin, le società che per intenderci sono quotate in borsa.

Una parte rilevante di questo debito, più di 800 milioni, sarebbe stato accumulato da Core Scientific, che soltanto qualche giorno fa ha avviato le procedure di protezione dalla bancarotta offerte dal Chapter 11. Al tempo stesso abbiamo la situazione di Argo e di tante altre, che a meno che Bitcoin non dia una mano potrebbero dover iniziare a guardare altrove per finanziarsi in via emergenziale.

Situazione complicata, che però il mercato ha già scontato

Le macchine del mining però fanno gola anche ai grandi gruppi. NYDIG ha ottenuto una quantità di hashrate importante da un miner in difficoltà, in cambio di liquidità e ristrutturazione del debito. E l’idea che in molti si stanno facendo sul mercato oggi è che altre banche e altri istituti possano muoversi in questo senso, in particolare se gli fosse garantito il privilegio di poter comprare a prezzi stracciati.

Situazione complessa, ma non preoccupante per $BTC

Per quanto la situazione sia comunque complessa e degna di attenzione, rimane il fatto che il mining Bitcoin sta procedendo senza grosse difficoltà e senza essersi allontanato eccessivamente dai massimi storici in termini di hashrate.

La rete è pertanto sicura, e forse un repulisti di chi ha gestito in modo troppo allegro il suo debito e le sue esposizioni è quanto sarà necessario per permettere al comparto di ripartire in modo più solido. Qualcuno direbbe bellezza, è il mercato. Il che è anche vero, se non fosse che se c’è un versante sul quale l’industria Bitcoin dovrà cercare di migliorare è proprio quello della gestione di certe situazioni.

Info su Gianluca Grossi

Capo-redazione ed analista per Criptovaluta.it - divulgatore per blockchain, Bitcoin e criptovalute in generale. Solida formazione tecnica, si occupa del comparto dal 2015. Segue da vicino gli ecosistemi di Ethereum, Solana e Fantom.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti
Notificami
guest

11 Commenti
Più votati
Più nuovi Più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
jacopo
jacopo
1 mese fa

concordo, btc se ne frega di tutto questo.
un po’ meno i btc maxi, che assistono impotenti alle grandi compagnie che diventano un po’ alla volta proprietarie del meccanismo di consenso di bitcoin. Questo Satoshi Nakamoto non l’aveva previsto, eh?
Ma, come direbbero i Pearl Jam, “It’s evolution, baby!!!!”
O il caro vecchio “Deal with it”.

Giorgio
Giorgio
1 mese fa

Ragazzi, sapete che sto per scrivere un fuori tema vero?
Ok, oggi è il mio compleanno, sono reduce da un aperitivo iniziato alle 10 di stamattina.
Voglio abbracciare tutti, Gianluca, Luigi, Jacopo, Klaus, Alessio che è il capo ma che non si sente mai.
Vorrei avervi offerto un giro a tutti, fate come se l’avessi fatto.
Stasera avrò il prossimo round.
P.S.
Oh raga, mi hanno regalato un bitcoin, si però quello di metallo da collezione, va beh conta il gesto e il pensiero no?
Ciao amici vi voglio bene….

jacopo
jacopo
1 mese fa
Reply to  Giorgio

Auguri Giorgio! Spacca tuttoooooooooooooo!!!!

Giorgio
Giorgio
1 mese fa
Reply to  jacopo

Grazie amico!!che fatica, sto diventando vecchio!

jacopo
jacopo
1 mese fa
Reply to  Giorgio

dillo al merge, che oggi compie 100 giorni esatti 😛
coincidenze?!?!? io non credo…. 😀

Giorgio
Giorgio
1 mese fa
Reply to  jacopo

Non molli mai eh?
Io di giorni ne ho 16425 senza contare gli anni bisestili se no ho qualche giorno in più.
Citando Tommaso D’acquino, credo, è più facile che tu trasferisca tutto il mare in una buca scavata nella spiaggia che tu riesca a convincermi a convertire btc in eth.😃

jacopo
jacopo
1 mese fa
Reply to  Giorgio

Ma figurati, sono anni che ho smesso di fare filantropia 😀

jacopo
jacopo
1 mese fa

Auguri Gianlucaaaaa
Ormai questo è diventato il thread degli auguri 😀

Giorgio
Giorgio
1 mese fa
Reply to  jacopo

Buon Natale 🎅 🎅 🎅

Giorgio
Giorgio
1 mese fa

Buon Natale 🎅 🎅